The Morlocks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Morlock (disambigua).
The Morlocks
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Garage rock
Alternative rock
Periodo di attività 1984 – in attività
Album pubblicati 4
Studio 2
Live 2
Raccolte 0

I The Morlocks sono un gruppo garage Statunitense.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

I Morlocks si formano nell'estate 1984, quando al bassista Jeff Lucas, al chitarrista Tom Clarke ed al batterista Mark Mullen si aggiunsero gli ex membri dei Gravedigger Five, Ted Friedman, chitarrista ed il cantante di origine giapponese Leighton Koizumi. I Morlocks si dedicarono subito al recupero del Garage punk degli anni sessanta, seguendo le orme dei già citati Gravedigger Five.

Dopo poche settimane dalla formazione del gruppo iniziarono già a suonare dal vivo in numerosi concerti. Il primo fu tenuto al The Rave-Up di Los Angeles nel settembre 1984; pochi minuti dopo la fine del concerto ricevettero due proposte di contratto discografico. Firmarono con la Midnight Records di New York.

Nel dicembre 1984 registrarono il loro mini-LP di debutto, Emerge, che verrà pubblicato nella primavera 1985. Pochi mesi dopo il debutto discografico si trasferirono da Los Angeles a San Francisco, dove diventarono uno dei gruppi di punta della scena della Bay Area. Ottennero un nuovo contratto con la neonata Epitaph Records e registrarono un "falso" LP dal vivo, intitolato Submerged Alive nel 1986, pubblicato solo nel 1988.

La dissoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Nei mesi successivi, la dipendenza dall'eroina di diversi membri della band, e segnatamente del cantante Leighton Koizumi, produssero solo due 45 giri, tra l'altro di materiale registrato parecchi mesi prima.

  • She's My Fix/You Must Not Be Seen As I Am erano le canzoni sul primo 45 giri del 1989;
  • Under The Wheel/Hurricane A' Coming le canzoni del secondo 45 giri del 1991.

I Morlocks rilasciarono una ultima intervista a Federico Ferrari di Rockerilla per poi scomparire dalle scene musicali. Leighton Koizumi sparì totalmente dalla circolazione e venne dato morto per overdose. Wake Me When I'm Dead, album dal vivo pubblicato da una oscura etichetta croata, la Listen Loudest, apparve nel 1991, e conteneva delle pessime registrazioni di fine anni ottanta. Nel 1997 il chitarrista del gruppo Ted Friedman recupera una cassetta contenente un concerto dei Morlocks tenuto a San Francisco nel 1985. Viene pubblicato quindi Uglier Than You'll Ever Be, nel novembre 1997 dalla Voxx Records.

Leighton riappare[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che era stato dato per morto, e dopo una più che decennale scomparsa totale, il cantante riappare dal nulla a San Diego agli albori del nuovo millennio, dove forma un nuovo gruppo chiamato Featherwood Junction. Il gruppo non registrerà nulla, ma suonerà molto dal vivo nella costa ovest degli Stati Uniti. Successivamente, Leighton riappare proprio in Italia il 15 gennaio 2004. Una piccola etichetta italiana, la Ammonia Records, pubblica When The Night Falls con Koizumi alla voce e Tito And Thee Brainsuckers (gruppo italiano dedito al Garage Punk) come accompagnatori. Durante tutto il 2004 girano la penisola tenendo decine di concerti in minuscoli club.

A seguito del successo ottenuto dai vari tour, Leighton, affiancato dall'amico Tito, forma nel 2013 Leighton Koizumi's Jaws Of Terror, una nuova band con membri di Tito And Thee Brainsuckers e The Electric Flashbacks con cui registra un album mai pubblicato e il video di I Know You Cried.[1]

Nei primi mesi del 2014 Leighton forma The Seducers, una nuova band nata con lo scopo di esibirsi unplugged in pochi club suonando una serie di classici maggiori e minori del blues, del country, del rock'n'roll e del folk americano. La band è così formata da Leighton Koizumi alla voce, Tito Lee (Tito And Thee Brainsuckers, The Electric Flashbacks) alla chitarra e cori , Tonino Adelini (The Fiftyniners) al contrabbasso e cori , Johnny Psycho (The Electric Flashbacks) alla batteria.[2]

Il ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Scontati 10 anni di galera, Leighton tenta di riformare i Morlocks contattando i vari membri originali, ma, a seguito delle rifiuto da parte di questi, ingaggia Bobby Bones (The Flasheaters) alla chitarra e voce, Lenny Pops alla chitarra, Nick "The Canadian" al basso, e Marky alla batteria. Nel 2007 pubblicano per l'etichetta Olde Haat Records l'album Easy Listening For The Underachiever ristampato in Italia nel 2008 da Go Down Records.[3]

Nel 2010 pubblicano un nuovo CD, Help Me, fatto interamente di cover, suonate però in stile garage/punk.

Nel 2015 la band torna in tour per l'europa per il "The Return Of The Rat Tour" con una lineup speciale: Leighton Koizumi alla voce, Rob Louwers (Q-65, Link Wray, The Fuzztones) alla batteria, Oliver Pilsner (The Fuzztones, Cheeks, Montesas, Magnificent Brotherhood) al basso, Bernadette (Gee Strings, Sonny Vincent, Humpers) alla chitarra e Marcello Salis (Gravedigger V, Hangee V) alla chitarra.[4]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Originale[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Altri componenti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Title Date of Release Label
Emerge 1985 Midnight Records
Submerged Alive 1988 Epitaph Records
Wake Me When I'm Dead 1991 Listen Loudest
Uglier Than You'll Ever Be 1997 Voxx Records
Easy Listening for the Underachiever 2007 Olde Haat Records
The Morlocks Play Chess 2010 Popantipop Records

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Band » Corner Soul » Promotions, Events, Concerts » Italy, su www.cornersoul.it. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  2. ^ Maze Eclectic Circle Pescara, The Seducers Live, facebook.com, 1 febbraio 2014. URL consultato il 1 febbraio 2014.
  3. ^ The Morlocks Easy listening for the underachiever - Go Down Records, su www.godownrecords.com. URL consultato il 07 dicembre 2015.
  4. ^ News » Corner Soul » Promotions, Events, Concerts » Italy, su www.cornersoul.it. URL consultato il 07 dicembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock