Mini-LP

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un mini-LP o mini-album è una breve forma di album in vinile, di solito venduto al dettaglio a un prezzo inferiore di un album che potrebbe essere considerato studio.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I mini-LP diventano popolari nel 1980 con le case discografiche che miravano ai consumatori che erano riluttanti nel comprare album studio a prezzo pieno.[1] Diversi mini-LP erano stati rilasciati alla fine del 1970, tra cui Walking Back to Happiness, di John Cooper Clarke, che ha utilizzato il formato da 10 pollici.[2] Il formato di solito era in vinile da 12 pollici o 10 pollici, con un tempo di riproduzione compreso tra i venti e i trenta minuti, e circa sette tracce.[3] Epic Records ha introdotto il formato Nu-Disk di 10 pollici nei primi anni del 1980, ma hanno trovato difficoltà a venderlo, e il mini-LP da 12 pollici è diventato più comune.[1] Notevoli mini-LP dei primi anni del 1980 degli U2 includono Under a Blood Red Sky, che ha raggiunto il secondo posto sulla UK Albums Chart nel 1983,[4] e The Honeydrippers: Volume One, che ha raggiunto il quarto posto sulla Billboard 200 nel 1984.[3][5]

Etichette discografiche indipendenti spesso rilasciano mini-LP di artisti prima di pubblicare album studio, e la 4AD ha preso questo approccio con Come On Pilgrim dei Pixies, debuttato nel 1987, utilizzando anche il formato per il secondo album dei Throwing Muses, The Fat Skier, nello stesso anno.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Grein, Paul (1982) "Retailers, Labels Predict Greater Role for Mini-LPs", Billboard, 30 October 1982, p. 1, 67
  2. ^ Gimarc, George (2005) Punk Diary: The Ultimate Trainspotter's Guide to Underground Rock 1970-1982, Backbeat Books, ISBN 0-87930-848-6, p. 215
  3. ^ a b Strong, Martin C. (2002) The Great Rock Discography, 6th edition, Canongate, ISBN 1-84195-312-1
  4. ^ U2 - Under a Blood Red Sky, Chart Stats, retrieved 15 December 2009
  5. ^ Denberg, Jody (1985) "Dancing in the Streets", Texas Monthly, December 1985, p. 198
  6. ^ Strong, Martin C. (2003) The Great Indie Discography, Canongate, ISBN 1-84195-335-0

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]