The Bachelor - L'uomo dei sogni (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Bachelor - L'uomo dei sogni
Paese Italia
Anno 2003
Genere reality
Edizioni 1
Puntate 5
Durata 120 min
Lingua originale italiano
Crediti
Conduttore Cristina Parodi
Regia Duccio Forzano
Autori Barbara Boncompagni, Cristophe Sanchez, Fabrizio Gasparetto
Musiche Massimo Idà
Scenografia Emanuela Trixie Zitkwosky
Costumi Nuccia Gatti
Fotografia Massimo Pascucci
Produttore esecutivo Massimiliano Lancellotti (Mediaset), Daniela Buonvino (Magnolia)
Casa di produzione Magnolia, Warner Bros. Television, Telepictures Productions
Rete televisiva Canale 5

The Bachelor - L'uomo dei sogni è stato un reality show trasmesso da Canale 5 in prima serata dal 26 giugno 2003 per cinque settimane.

Condotto da Cristina Parodi, il programma era basato su un format di origine statunitense e trasmesso dalla ABC nel 2002, intitolato anch'esso The Bachelor.[1]

La versione italiana è stata adattata da Barbara Boncompagni, Fabrizio Gasparetto e Christophe Sanchez.[2]

La trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

L'obiettivo della trasmissione era trovare la donna ideale per il "bachelor" ("lo scapolo") protagonista della trasmissione, rappresentato nell'unica edizione realizzata da Francesco Peccarisi, ex calciatore pugliese e imprenditore.[1][3] Da una suite di un lussuoso hotel di Roma, poteva osservare la vita di venti ragazze dai 22 ai 30 anni che vivevano all'interno di una villa a Ronciglione (VT) per contendersi lo "scapolo d'oro".[1] Peccarisi osservava così gli incontri di ciascuna delle ragazze con famiglia e amici, valutandone quindi i modi con un occhio di riguardo al bon ton,[4] avendo anche la possibilità di incontrare le pretendenti in cene a lume di candela o weekend in capitali europee.[1][5]

Durante la puntata settimanale, in onda in prima serata, la conduttrice Cristina Parodi commentava da uno studio i filmati registrati durante l'ultima settimana insieme ai protagonisti.[1]

Dopo cinque puntate delle sette previste (la chiusura fu anticipata a causa dei bassi ascolti), Peccarisi scelse come "donna ideale dell'uomo dei sogni" la genovese Sabrina Poddine, che vinse un anello di fidanzamento del valore di 15mila euro.[1]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

La trasmissione non raccolse i consensi del pubblico e della critica, che reputava ormai troppo abusata la formula del corteggiamento in televisione, rappresentata già da diversi programmi tra i quali Uomini e donne.[2][6]

In particolar modo, il reality fu battuto negli ascolti dal diretto concorrente in onda su Rai 1, la trasmissione di Antonella Clerici Adesso sposami, anch'essa incentrata su temi sentimentali; la prima puntata del programma di Cristina Parodi ottenne infatti poco più di tre milioni di ascoltatori e uno share del 16,88%, risultato nettamente inferiore ai quattro milioni e 417mila (25,31%) sintonizzati su Rai 1.[7] Il produttore Giorgio Gori motivò i bassi ascolti affermando che a causa della stagione estiva il bacino d'ascolto era più anziano e meno interessato a questo tipo di produzione.[8]

A causa del suo insuccesso, la trasmissione fu ridotta a cinque puntate rispetto alle sette previste.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Baroni, pp. 36-37
  2. ^ a b Grasso, p. 56
  3. ^ Cristina Zagaria, Il principe azzurro? In tv, in la Repubblica, 28 giugno 2003. URL consultato il 13 maggio 2016.
  4. ^ Sebastiano Messina, Più che principe è un abile cocomeraro, in la Repubblica, 14 luglio 2003. URL consultato il 13 maggio 2016.
  5. ^ Leandro Palestini, La tv resuscita l'harem, in la Repubblica, 25 giugno 2003. URL consultato il 13 maggio 2016.
  6. ^ Sebastiano Messina, Ecco il principe ma dov'è Cenerentola?, in la Repubblica, 27 giugno 2003. URL consultato il 13 maggio 2016.
  7. ^ Rai batte Mediaset nella sfida dei reality, in la Repubblica, 27 giugno 2003. URL consultato il 13 maggio 2016.
  8. ^ La Parodi sconfitta dalla Clerici, in la Repubblica, 28 giugno 2003. URL consultato il 13 maggio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione