Taurotragus derbianus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Eland gigante
Western Derby Eland (Taurotragus derbianus derbianus) 3 crop.jpg
T. d. derbianus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Sottofamiglia Bovinae
Genere Taurotragus
Specie T. derbianus
Nomenclatura binomiale
Taurotragus derbianus
(J. E. Gray, 1847)
Sinonimi

Tragelaphus derbianus
(J. E. Gray, 1847)
Boselaphus derbianus
J. E. Gray, 1847
Tragelaphus colini
(de Rochebrune, 1883)
Tragelaphus typicus
Rowland Ward, 1910
Tragelaphus gigas
(Heuglin, 1863)
Tragelaphus cameroonensis
Millais, 1924
Tragelaphus congolanus
W. Rothschild, 1913
Tragelaphus derbii
(Johnston, 1884)

L'eland gigante (Taurotragus derbianus J. E. Gray, 1847), noto anche come eland di Lord Derby, è un'antilope tipica delle foreste aperte e della savana. Appartenente alla famiglia dei Bovidi e al genere Taurotragus, venne descritto per la prima volta nel 1847 da John Edward Gray. L'eland gigante è la specie più grande di antilope, con una lunghezza di 220-290 cm. Ne esistono due sottospecie: T. d. derbianus e T. d. gigas.

L'eland gigante è erbivoro: si nutre di erba, fogliame e ramoscelli. Forma generalmente piccoli branchi composti da 15-25 membri, comprendenti sia maschi che femmine. Gli eland giganti non sono territoriali, e possiedono vasti territori. Di natura vigile e sospettosa, sono piuttosto difficili da avvicinare e osservare. Possono correre fino a 70 km/h e fanno affidamento sulla velocità per difendersi dai predatori. Gli accoppiamenti possono avvenire in qualunque periodo dell'anno, ma si registrano picchi durante la stagione delle piogge. Abitano prevalentemente le savane, le boscaglie e le radure.

L'eland gigante è originario di Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Guinea, Mali, Senegal e Sudan del Sud. È scomparso ormai da tempo in Gambia, Ghana, Costa d'Avorio e Togo. La sua presenza è dubbia in Nigeria, Guinea-Bissau e Uganda. Alle due sottospecie sono stati conferiti stati di conservazione diversi dall'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome scientifico dell'eland gigante, Taurotragus derbianus, trae origine da tre diverse parole: tauros, tragos e derbianus. Tauros è un termine greco che significa «toro» o «manzo»[2][3]. Tragos, anch'esso di origine greca, significa «capra», e si riferisce al ciuffo di peli che si sviluppa sulle orecchie dell'eland, che ricorda la barbetta di una capra[4].

L'eland gigante è chiamato anche «eland di Lord Derby» in onore di Edward Smith-Stanley, XIII conte di Derby. Fu infatti grazie a lui che l'eland gigante venne introdotto per la prima volta in Inghilterra tra il 1835 e il 1851. Lord Derby inviò il botanico Joseph Burke a raccogliere animali, sia vivi che morti, in Sudafrica per il suo museo e il suo serraglio. I primi eland introdotti in Inghilterra furono una coppia di eland comuni e un esemplare che successivamente verrà identificato come un maschio di eland gigante[5]. Tali dettagli furono annotati sulle memorie di Smith-Stanley, Cleanings from the Menagerie at Knowsley Hall, stampate in forma privata[6]. Il nome specifico latino indica che la specie è «appartenuta a» (come indica il suffisso -anus) Derby, da cui derbianus[7].

Sebbene l'eland gigante sia solo un po' più grande dell'eland comune, l'epiteto «gigante» si riferisce in realtà alle grandi corna[7][8]. Il nome «eland» è una parola olandese che significa «alce». Probabilmente questa parola è di origine baltica, come sembrerebbe indicare il lituano élnis, che significa «cervo». Tale termine è stato successivamente preso in prestito dal francese (ellan) negli anni '10 del XVII secolo e dal tedesco (elend)[9][10][11].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Esemplare di T. d. gigas allo zoo di Cincinnati.

L'eland gigante venne descritto per la prima volta nel 1847 da John Edward Gray, uno zoologo britannico, che lo chiamò Boselaphus derbianus[12]. All'epoca, veniva chiamato anche «eland dal collo nero» e «Gingi-ganga»[13].

L'eland gigante viene classificato nel genere Taurotragus della famiglia dei Bovidi. Gli eland giganti vengono talvolta considerati membri del genere Tragelaphus sulla base della filogenesi molecolare, ma vengono di solito considerati dei Taurotragus, assieme all'eland comune (T. oryx). L'eland gigante e l'eland comune sono le uniche antilopi della tribù dei Tragelafini che non appartengono al genere Tragelaphus[14]. Sebbene alcuni autori, come Theodor Haltenorth, considerassero l'eland gigante conspecifico dell'eland comune, i due vengono di solito considerati due specie separate[12].

Sono state riconosciute due sottospecie di eland gigante[1][15][16]:

Genetica ed evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

L'eland gigante ha 31 cromosomi maschili e 32 cromosomi femminili. Nel corso di uno studio filogenomico sui Tragelafini, sono state osservate similitudini cromosomiche tra il bue domestico (Bos taurus) e otto specie di antilopi dalle corna spiralate, più precisamente il nyala (Tragelaphus angasii), il kudù minore (T. imberbis), il bongo (T. eurycerus), il tragelafo striato (T. scriptus), il kudù maggiore (T. strepsiceros), il sitatunga (T. spekii), l'eland gigante (Taurotragus derbianus) e l'eland comune (T. oryx). È stato scoperto che i cromosomi coinvolti nella fusione centrica in queste specie utilizzavano un set completo di sonde fluorescenti di bue generate dalla microdissezione laser. Lo studio ha confermato la presenza della traslocazione cromosomica nota come traslocazione robertsoniana (1;29), un marcatore evolutivo ampiamente diffuso comune a tutte le specie note di Tragelafini[17].

Dall'accoppiamento accidentale tra un maschio di eland gigante e una femmina di kudù nacque un esemplare di sesso maschile, azoospermico. Le analisi mostrarono che era completamente privo di cellule germinali, produttrici di gameti. Ciononostante, l'ibrido emanava un pungente odore maschile e mostrava il comportamento tipico dei maschi. L'esame dei cromosomi mostrò che i cromosomi 1, 3, 5, 9 e 11 differivano dal cariotipo dei genitori. Una particolare caratteristica intermedia che questo esemplare esibiva erano le orecchie, appuntite come nell'eland ma un po' più allargate come nel kudù. La coda era lunga solo la metà di quella dell'eland, e presentava un ciuffo di peli all'estremità come quella del kudù[18].

Studi genetici effettuati sugli ungulati della savana africana hanno rivelato la presenza di un refugium risalente al Pleistocene nell'Africa orientale e meridionale, che ospitava anche eland giganti. È stato stimato che l'eland comune e l'eland gigante si sono separati circa 1,6 milioni di anni fa[19].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Gli eland giganti hanno corna spiralate a «V».

Gli eland giganti sono antilopi dalle corna spiralate. Nonostante il nome comune, questa specie ha dimensioni simili a quelle dell'eland comune (Taurotragus oryx). Tuttavia, l'eland gigante ha dimensioni medie leggermente superiori a quelle della specie comune e per questo motivo viene considerato l'antilope più grande del mondo[20][21][22][23]. Generalmente ha una lunghezza testa-corpo di 220-290 cm e misura circa 130-180 cm di altezza al garrese. Gli eland giganti presentano un certo dimorfismo sessuale, in quanto i maschi sono più grandi delle femmine. Essi pesano 400-1000 kg e le femmine 300-600 kg[24]. La coda è lunga, presenta un ciuffo di peli scuri all'estremità, e misura circa 90 cm di lunghezza[7]. Gli eland giganti possono vivere fino a 25 anni in natura e circa 20 anni in cattività[24].

Il manto, liscio, è di colore variabile dal bruno-rossastro al castano, generalmente più scuro nei maschi che nelle femmine, con 8-12 strisce bianche verticali ben definite sul torso. La colorazione del manto del maschio diviene più scura con l'età. Secondo lo zoologo Jakob Bro-Jørgensen, il colore del manto del maschio può riflettere i livelli di androgeno, un ormone maschile, che sono più elevati durante la stagione degli amori[25]. Prendendo in esame le due sottospecie, T. d. derbianus è caratterizzato da 15 strisce sul corpo, dimensioni inferiori e colorazione rossiccia, mentre T. d. gigas ha dimensioni maggiori, manto color sabbia e 12 strisce sul corpo[25].

Una cresta di brevi peli neri, particolarmente evidente sulle scapole, si estende dal collo fino a metà del dorso. Le zampe sottili sono leggermente più chiare sulla superficie interna, e presentano segni bianchi e neri appena sopra gli zoccoli. Sulla parte superiore delle zampe anteriori vi sono grandi macchie nere. Sulla testa sono visibili sia uno «chevron» incompleto tra gli occhi che una o due macchie chiare sulle guance; labbra e mento sono bianchi, la fronte è castana e il muso è nero[7]. Una giogaia pendula, più grande nei maschi che nelle femmine, ha origine dalla regione delle guance e giunge fino alla parte alta del petto quando l'animale raggiunge la maturità sessuale; alla sua estremità è presente una frangia di peli. Le grandi orecchie dell'eland gigante fungono da segnali visivi[26]. Gli eland giganti hanno zampe relativamente più lunghe dell'eland comune, nonché segni bianchi e neri più vivaci su zampe e pastorali[15][27].

Entrambi i sessi presentano corna spiralate a forma di «V»[28]. Esse possono raggiungere i 123 cm nei maschi e i 66 cm nelle femmine[24]. I maschi hanno corna più spesse all'estremità, più lunghe e più divergenti di quelle delle femmine[8]. Queste caratteristiche delle corna suggeriscono che l'eland gigante si è evoluto a partire da un antenato in cui le corna giocavano un ruolo importante nella selezione sessuale[26].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione:
      Eland gigante occidentale
      Eland gigante orientale

Gli eland giganti vivono nelle savane, nelle boscaglie e nelle radure dell'Africa centrale e occidentale, in due areali distinti occupati da altrettante sottospecie. Vivono anche nelle foreste, nonché al limitare dei deserti. Gli eland giganti sono in grado di vivere anche nei deserti, poiché producono escrementi molto secchi[29]. Occupano un areale che si estende dal Sudan del Sud e dalla Repubblica Centrafricana fino al Camerun settentrionale e al Ciad meridionale, nonché in Guinea, Mali e Senegal[15].

Vivono in luoghi in prossimità di terreni collinari o rocciosi e in quelli vicini a fonti d'acqua. Secondo l'autore scientifico Jonathan Kingdon l'eland gigante vivrebbe unicamente nelle savane dove cresce l'Isoberlinia doka, un albero dal legno duro tipico dell'Africa[1]. L'eland gigante si è infatti ben adattato a vivere nelle boscaglie ove si sviluppano gli alberi decidui del genere Isoberlinia[27]. Studi recenti hanno dimostrato, tuttavia, che essi vivono anche in boscaglie con alberi dei generi Terminalia, Combretum e Afzelia[1].

In passato, gli eland giganti erano presenti in tutta la fascia relativamente sottile di savana arbustiva che si estende attraverso l'Africa occidentale e centrale dal Senegal al Nilo. Oggi vivono quasi esclusivamente, soprattutto in Senegal, all'interno di parchi nazionali e riserve. L'eland gigante occidentale vive prevalentemente nel parco nazionale del Niokolo-Koba in Senegal. L'eland gigante orientale è presente in varie riserve, ad esempio nel parco nazionale della Bénoué, nel parco nazionale del Faro e nel parco nazionale di Bouba Njida in Camerun e nel parco nazionale del Manovo-Gounda St. Floris nella Repubblica Centrafricana. Ne esistono anche vari esemplari in cattività[1].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Di abitudini prevalentemente notturne[30], gli eland giganti occupano vasti territori ed effettuano migrazioni stagionali. Formano gruppi separati di maschi e di femmine con i piccoli[24]. I maschi adulti conducono per lo più vita solitaria[26] e spesso trascorrono con le femmine solo un'ora a settimana. Specie gregaria, l'eland gigante vive in branchi composti solitamente da 15-25 esemplari (talvolta perfino di più) che non si disgregano durante la stagione delle piogge, suggerendo che la vita di gruppo in questa specie sia correlata più a fattori sociali che ecologici[7]. Durante il giorno, i branchi rimangono spesso al coperto. Così come molti altri animali, gli eland giganti grattano gli affioramenti di sale con le corna per ammorbidire il terreno[31].

Gli eland giganti sono vigili e sospettosi, il che li rende difficili da avvicinare e osservare o da cacciare[15][32]. Quando un maschio percepisce un pericolo, emette profondi latrati gutturali mentre abbandona la mandria, ripetendo il processo finché tutto il gruppo non è consapevole del pericolo. Gli eland giganti possono spostarsi velocemente, potendo correre a oltre 70 km/h, e nonostante le dimensioni sono eccellenti saltatori, in grado di superare facilmente con un balzo ostacoli di 1,5 m di altezza[29]. Loro principali predatori sono il leone e la iena macchiata, mentre i giovani, gli esemplari deboli o raramente anche un adulto possono essere vulnerabili agli attacchi di leopardi e licaoni[7]. A causa delle grandi dimensioni, costituiscono un'ottima fonte di cibo per i predatori[15]. Tuttavia, non sono una facile preda per nessuno dei loro predatori, e in particolare i maschi, più pesanti e dotati di corna più lunghe, possono trasformarsi in avversari pericolosi perfino per un branco di leoni[33][34][35].

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

L'eland gigante è erbivoro.

Prevalentemente erbivoro, l'eland gigante si nutre di erba e foglie, nonché di altre parti di una pianta[20][28]. Durante la stagione delle piogge, i vari membri del branco pascolano insieme. Possono mangiare erbe coriacee e rinsecchite quando non è disponibile nulla di meglio. Mangiano anche frutta, come le prugne. Uno studio condotto in Sudafrica ha mostrato che la dieta di un eland è costituita per il 75% da arbusti e per il 25% da erba, con proporzioni altamente variabili. Spesso le lunghe corna vengono usate per spezzare i rami[29].

Gli eland giganti hanno bisogno di assumere acqua con regolarità. È per questo motivo che prediligono i luoghi vicini a fonti d'acqua[7]. Tuttavia, presentano ugualmente alcuni adattamenti che consentono loro di sopravvivere anche in completa assenza di acqua, trattenendone una quantità sufficiente all'interno del corpo. Rispetto ai bovini domestici producono escrementi molto secchi. Nei deserti, possono ricavare l'acqua necessaria dalle piante succulente. Un'altra abitudine che permette loro di conservare acqua è quella di trascorrere il giorno riposando e pascolare la notte, in modo da ridurre al minimo la quantità d'acqua necessaria per rinfrescare il corpo[29].

Sono stati condotti vari studi sulla dieta dell'eland. Uno di essi, effettuato sugli esemplari presenti nella riserva naturale di Bandia in Senegal, hanno rivelato che le piante preferite e che costituiscono la parte più importante della dieta sono specie dei generi Acacia, Terminalia e Combretum, Azadirachta indica, Danielia olliveri, Lonchocarpus laxiflorus, Maytenus senegalensis, Prosopis africana, Pterocarpus erinaceus, Saba senegalensis e baccelli di Piliostigma thonningii[20]. Un altro studio effettuato nel Sudan ha dimostrato che gli eland giganti orientali sembrano prediligere la Cassia tora, la leguminosa più abbondante nella regione[36].

Nel 2010, è stata effettuata un'analisi istologica delle feci di eland giganti occidentali del parco nazionale del Niokolo-Koba e della riserva nazionale di Bandia. In entrambe le analisi, foglie, germogli di specie arboree e frutta sono risultate le tre componenti principali. In minori proporzioni erano presenti erba e foraggi vari, generalmente in percentuali che non superavano il cinque per cento del volume fecale medio. Gli eland giganti sono stati visti brucare foglie da alberi di Boscia angustifolia, Grewia bicolor, Hymenocardia acida e Ziziphus mauritiana, e mangiare frutti di Acacia e Strychnos spinosa. Nella riserva di Bandia, sono state riscontrate differenze nella dieta correlate con l'età. Da questo studio è stato scoperto che durante la stagione secca l'eland è un brucatore puro, che consuma erba in piccole quantità[37][38].

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Combattimento tra maschi.

Gli accoppiamenti avvengono in ogni periodo dell'anno, ma si registrano picchi durante la stagione delle piogge. Le femmine raggiungono la maturità sessuale a circa due anni, e i maschi a quattro o cinque anni. Una femmina può rimanere in estro per tre giorni, e il ciclo estrale dura 21-26 giorni[24][39]. Come in tutte le antilopi, gli accoppiamenti hanno luogo quando vi è maggiore disponibilità di cibo[39][40].

Tra i maschi scoppiano lotte per il predominio, durante le quali i maschi serrano le corna e cercano di piegare il collo dell'avversario. Inoltre, durante la stagione degli amori, i maschi strofinano la fronte nell'urina fresca o nel fango. Usano anche le corna per grattare il suolo e ricoprirsi di terra. Le corna dei maschi più anziani sono consumate a causa dello sfregamento contro la corteccia degli alberi[29]. Generalmente non si osservano manifestazioni di aggressività[7]. I maschi dominanti possono accoppiarsi con più femmine. Il corteggiamento è breve, e consiste in una penetrazione e in una sola spinta eiaculatoria[40].

Dopo il corteggiamento, ha inizio la gestazione, che dura nove mesi. Il parto avviene generalmente di notte, e la madre ingerisce la placenta e gli annessi embrionali[29]. Generalmente nasce un unico piccolo, che rimane con la madre per sei mesi[24]. L'allattamento può protrarsi per quattro o cinque mesi. Dopo i primi sei mesi il piccolo eland si unisce a un gruppo di altri giovani[39].

Nel corso di uno studio, effettuato in Senegal, sull'allattamento nei piccoli di eland gigante ed eland comune di età compresa tra uno e cinque mesi, è stato visto che il numero di poppate aumentava con l'età dei piccoli. Nei piccoli di eland comune allevati in fattoria non è stata riscontrata nessun'altra variazione, ma in quelli di eland gigante è stato riscontrato che i maschi poppavano un numero di volte superiore rispetto alle femmine, e che la durata delle poppate era più breve nelle madri primipare che in quelle multipare. I risultati ottenuti dallo studio suggeriscono che gli eland giganti che vivono in natura adattano il loro comportamento materno in modo da rimanere vigili per eventuali attacchi da parte di predatori o altri rischi simili. Al contrario, gli eland comuni allevati nelle fattorie si comportavano come quelli tenuti in cattività, senza prendere precauzioni per i predatori[41].

Parassiti[modifica | modifica wikitesto]

Studi condotti sulle feci di eland giganti occidentali hanno rivelato la presenza di una nuova specie del genere Eimeria, Eimeria derbani, un parassita del gruppo degli Apicomplexa. La sua sporulazione si protrae per due giorni ad una temperatura di 23 °C. Tale specie si differenzia da E. canna ed E. triffittae, entrambi parassiti dell'eland comune (T. oryx)[42]. L'eland gigante viene parassitato inoltre da Carmyerius spatiosus (un trematode), Taenia crocutae e T. hyaennae (due platelminti)[43].

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Popolazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980 l'eland gigante orientale occupava ancora un areale che andava dalla Nigeria al Sudan e all'Uganda, attraverso Camerun, Ciad, Repubblica Centrafricana e Repubblica Democratica del Congo (ex Zaire)[44]. Purtroppo, lo scoppio di un'epidemia di peste bovina (1983–1984) provocò un devastante declino della popolazione del 60-80%[1]. L'eland gigante orientale, tuttavia, è ancora presente in una vasta area ed è considerato a «rischio minimo» (LC) dalla IUCN. Occupa molti ambienti disabitati ostili agli insediamenti umani, soprattutto nelle regioni settentrionali e orientali della Repubblica Centrafricana e nel Sudan sud-occidentale, dove il numero di esemplari è notevolmente aumentato[44]. Secondo Rod East, nel 1999 vi erano 15.000 eland giganti, dei quali 12.500 nella Repubblica Centrafricana. Le altre zone dell'areale sono spesso devastate da guerre e altri conflitti, che potrebbero portare a un rapido declino della popolazione se non verranno prese misure di controllo[1].

L'eland gigante occidentale si trova in una situazione più grave, ed è considerato «in pericolo critico» (CR) dalla IUCN. Oggi il maggior numero di esemplari vive in Senegal. Nel 1990, ve ne erano circa 1000, dei quali 700-800 presenti nel parco nazionale del Niokolo-Koba e il resto nella regione intorno al fiume Falémé[15][44]. Nel 2008, in tutto il Senegal, ne rimanevano meno di 200, e appena pochi altri vivevano nei Paesi vicini[1].

Un progetto di conservazione a lungo termine dell'eland gigante occidentale, utilizzando dati demografici e genetici basati sul continuo monitoraggio della popolazione, si è svolto nelle riserve di Bandia e di Fathala tra il 2000 e il 2009. Nel 2009, la popolazione in semi-cattività era di 54 esemplari (26 maschi e 28 femmine). La probabilità riproduttiva delle femmine è risultata dell'84%, e il tasso di crescita annuo della popolazione dell'1,36. Con l'aumentare degli esemplari, gli eland furono suddivisi in cinque gruppi per l'osservazione. Sebbene il livello medio di inincrocio fosse dello 0,119, all'interno della popolazione venne riscontrata una potenziale diversità genetica (GD) del 92%. Gli autori conclusero che con l'introduzione di nuovi fondatori, la GD potrebbe aumentare enormemente durante i prossimi 100 anni, e suggerirono che con l'allevamento di popolazioni in semi-cattività il numero di eland giganti occidentali potrebbe salire di nuovo[45].

Minacce[modifica | modifica wikitesto]

Esemplare allo zoo di Houston.

I fattori che minacciano in maggior modo la popolazione di eland gigante occidentale sono la caccia incontrollata per le carni, molto gustose, e la distruzione dell'habitat provocata dall'aumento della popolazione umana e delle mandrie di bestiame domestico[1]. Anche l'eland gigante orientale è minacciato da fattori simili, ma anche cause di origine naturale quali siccità prolungate e la competizione con gli animali domestici hanno contribuito alla riduzione del numero di esemplari. Intere popolazioni di eland giganti orientali sono già scomparse a causa di epidemie di peste bovina. Inoltre, durante la seconda guerra mondiale, altre guerre civili e i conflitti politici che hanno scosso i Paesi originari di questa specie, l'ambiente naturale è stato gravemente danneggiato[15].

L'eland gigante è già scomparso in Gambia, Ghana, Costa d'Avorio e Togo. In quest'ultimo Paese, tuttavia, è probabile che l'eland gigante occidentale non sia mai vissuto, e che gli avvistamenti registrati in passato si riferiscano in realtà a esemplari di bongo (Tragelaphus eurycerus)[1]. Nel 1970, si ritiene che la specie sia stata eliminata dall'Uganda, nel corso di operazioni militari[26]. La sua presenza è incerta in Guinea-Bissau[46] e Nigeria[1].

Oggi l'eland gigante occidentale sopravvive nel parco nazionale del Niokolo-Koba e nella riserva di caccia di Faheme in Senegal. Le ricerche sul campo hanno dimostrato che il parco nazionale del Niokolo-Koba è un'area ecologicamente ottimale per l'eland gigante. Come è stato osservato durante un censimento effettuato nel parco nel 2000, il numero di morti in un decennio è stato di appena 90-150 capi[47].

L'eland gigante orientale è presente nei parchi nazionali del Faro, della Bénoué, di Bouba Njida, di Bamingui-Bangoran e di Manovo-Gounda St Floris. Popolazioni che si riproducono in cattività si trovano nelle riserve di Bandia e di Fathala in Senegal[1] e presso la White Oak Conservation di Yulee, in Florida (Stati Uniti). Le nascite di eland che si sono avute a White Oak hanno spinto altri Paesi, tra i quali Costa Rica e Sudafrica, a iniziare programmi di riproduzione in cattività[48].

Importanza economica[modifica | modifica wikitesto]

Gli eland giganti forniscono una grande quantità di carne tenera e di ottimo cuoio anche se si nutrono di erba di bassa qualità. Costituiscono una vittima prediletta per gli appassionati di caccia grossa e vengono anche abbattuti per ricaverne trofei. Il loro latte è relativamente più ricco di proteine e di grassi di quello delle vacche domestiche, il che può spiegare il rapido tasso di sviluppo dei piccoli di eland[28][29]. All'incirca il latte di eland ha un contenuto di grassi triplo e un contenuto di proteine doppio di quello di una vacca[39]. La sua docilità e le caratteristiche suddette ne hanno fatto oggetto di tentativi di addomesticamento in Africa e Russia, ma anche di caccia incontrollata[24][30].

Sta ora divenendo evidente che l'eland potrebbe essere un animale d'allevamento di valore mediante un piccolo sforzo, dato che esso presenta considerevoli vantaggi rispetto ad altro bestiame domestico. Come è stato detto in precedenza, l'eland può sopravvivere meglio del bestiame domestico dove c'è scarsità di acqua ed esso può sopravvivere alimentandosi su pascoli grossolani. In effetti, esso può crescere bene anche cibandosi di piante velenose per il bestiame domestico. Questo è uno degli aspetti principali in favore dell'allevamento degli eland al posto di altro bestiame. In effetti si è speso considerevole tempo e molto denaro per cercare di allevare razze di bestiame che possano svilupparsi in zone secche e calde, a volte molto differenti dalle loro sedi originarie. Il bestiame è inoltre soggetto a malattie di cui gli eland ed altri animali cui si dà la caccia sono immuni[29].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Mallon, D.P. (Antelope Red List Authority) & Hoffmann, M. (Global Mammal Assessment) 2008, Taurotragus derbianus su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015.
  2. ^ Taurus in Encyclopaedia Britannica, Merriam-Webster. URL consultato il 29 luglio 2012.
  3. ^ Douglas Harper, Taurus, Online Etymology Dictionary. URL consultato il 29 luglio 2012.
  4. ^ Tragos, Online Etymology Dictionary. URL consultato il 29 luglio 2012.
  5. ^ R. Glover, The man who did not go to California (PDF) in Historical Papers, 10 (1), 1975, pp. 95–112, DOI:10.7202/030791ar.
  6. ^ John Douglas Cook, Philip Harwood, Walter Herries Pollock, Frank Harris and Harold Hodge, The New Venison in The Saturday Review of Politics, Literature, Science and Art, vol. 7, John W. Parker and Sons, 12 febbraio 1859, p. 183.
  7. ^ a b c d e f g h B. Huffman, Giant eland, Derby eland, Ultimate Ungulate. URL consultato il 29 luglio 2012.
  8. ^ a b Colin Groves and Peter Grubb, Ungulate Taxonomy, Baltimore, Maryland, Johns Hopkins University Press, 2011, pp. 142–143, ISBN 1-4214-0093-6.
  9. ^ Eland su Oxford Dictionaries, Oxford University Press. URL consultato il 29 luglio 2012.
  10. ^ Eland in Encyclopaedia Britannica, Merriam-Webster. URL consultato il 29 luglio 2012.
  11. ^ Harper Douglas, Eland su Online Etymology Dictionary. URL consultato il 7 agosto 2012.
  12. ^ a b (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Taurotragus derbianus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  13. ^ J. E. Gray, Description of a new species of Antelope from West Africa in Journal of Natural History Series 1, 20 (133), 1 ottobre 1847, pp. 286–286, DOI:10.1080/037454809496047.
  14. ^ L. A. Pappas, Elaine Anderson, Lui Marnelli and Virginia Hayssen, Taurotragus oryx (PDF) in Mammalian Species, vol. 689, American Society of Mammalogists, 2002, pp. 1–5, DOI:10.1644/1545-1410(2002)689<0001:TO>2.0.CO;2.
  15. ^ a b c d e f g A. Hildyard, Eland (PDF) in Endangered wildlife and plants of the world, Anne Hildyard, 2001, pp. 501–503, ISBN 0-7614-7198-7.
  16. ^ comp. by Rod East and the IUCN/SSC Antelope Specialist Group, African antelope database 1998, IUCN Species Survival Commission, 1999, pp. 143–148, ISBN 2-8317-0477-4.
  17. ^ J. Rubes, S. Kubickova, E. Pagacova, H. Cernohorska, D. Di Berardino, M. Antoninova, J. Vahala and T. J. Robinson, Phylogenomic study of spiral-horned antelope by cross-species chromosome painting in Chromosome Research: an International Journal on the Molecular, Supramolecular and Evolutionary Aspects of Chromosome Biology, 16 (7), 2008, pp. 935–947, DOI:10.1007/s10577-008-1250-6, PMID 18704723.
  18. ^ W. Jorge, S. Butler and K. Benirschke, Studies on a male eland X kudu hybrid in Journal of reproduction and fertility, 46 (1), 1976, pp. 13–16, DOI:10.1530/jrf.0.0460013, PMID 944778.
  19. ^ Eline D. Lorenzen, Charles Masembe, Peter Arctander and Hans R. Siegismund, A long-standing Pleistocene refugium in southern Africa and a mosaic of refugia in East Africa: insights from mtDNA and the common eland antelope in Journal of Biogeography, 37 (3), 2010, pp. 571–581, DOI:10.1111/j.1365-2699.2009.02207.x.
  20. ^ a b c Ecology in Czech University of Life Sciences, Giant eland conservation. URL consultato il 29 luglio 2012.
  21. ^ Donald R. Prothero and Robert M. Schoch, Hollow horns in Horns, tusks, and flippers: the evolution of hoofed mammals, Johns Hopkins University Press, 2002, p. 91, ISBN 0-8018-7135-2.
  22. ^ Dawid von Lill, Van Lill's South African miscellany, Zebra Press, 2004, p. 4, ISBN 1-86872-921-4.
  23. ^ Mark Carwardine, Artiodactyl in Animal Records, Sterling, 2008, p. 8, ISBN 1-4027-5623-2.
  24. ^ a b c d e f g B. Atlan, Taurotragus derbianus in University of Michigan Museum of Zoology, Animal Diversity Web. URL consultato il 29 luglio 2012.
  25. ^ a b Biological characteristics in Czech University of Life Sciences, Giant eland conservation. URL consultato il 29 luglio 2012.
  26. ^ a b c d Jonathan Kingdon, Derby's Eland in East African Mammals: An Atlas of Evolution in Africa, Academic Press [u.a.], 1989, pp. 123–125, ISBN 0-226-43724-8.
  27. ^ a b R. D. Estes, Eland in The behaviour guide to African mammals including hoofed mammals, carnivores, primates, Univ. of California Press, 2004, p. 188, ISBN 0-520-08085-8.
  28. ^ a b c Western giant eland, Animal Planet. URL consultato il 29 luglio 2012.
  29. ^ a b c d e f g h R. M. Burton, Eland in International wildlife encyclopedia, 3ª ed., Marshall Cavendish, 2002, pp. 757–759, ISBN 0-7614-7266-5.
  30. ^ a b Patrick Brakspear. Illustrations by William Sykes, Eland in 101 things to know when you go on safari in Africa: a travel companion, Passion for Africa Publishing, 2008, p. 136, ISBN 978-0-9805048-0-4.
  31. ^ Richard G. Ruggiero and Michael J. Fay, Utilization of termitarium soils by elephants and its ecological implications in African Journal of Ecology, 32 (3), 1 settembre 1994, pp. 222–232, DOI:10.1111/j.1365-2028.1994.tb00573.x.
  32. ^ compiled by R. East, West and Central Africa, IUCN, 1990, p. 170, ISBN 2-8317-0016-7.
  33. ^ T. E. Angwafo (2006). Status of Wildlife and its Utilisation in Faro and Benoué National Parks North Cameroon: Case study of the Derby Eland (Taurotragus derbianus gigas Gray, 1947) and the African Wild Dog (Lycaon pictus Temminck, 1840) (Doctoral dissertation, Universitätsbibliothek).
  34. ^ I. Silvestre, O. Novelli, and G. Bogliani (2000). Feeding habits of the spotted hyaena in the Niokolo Koba National Park, Senegal. African Journal of Ecology, 38 (2), 102-107.
  35. ^ R. G. Ruggiero (1991). Prey selection of the lion (Panthera leo L.) in the Manovo-Gounda-St. Floris National Park, Central African Republic. Mammalia, 55 (1), 23-34.
  36. ^ Gérard Galat, Anh Galat-Luong and Jerzy J. Nizinski, Diet preferences of a Western giant (Lord Derby's) eland group in a Sahelian dry habitat in Animal Biology, 61 (4), 2011, pp. 485–492, DOI:10.1163/157075511x597610.
  37. ^ Q. Ashton Acton,, Study results from P. Hejcmanova broaden understanding of wildlife research in Issues in Global Environment: Biology and Geoscience, Scholarly Editions, 3 settembre 2010, ISBN 978-1-4649-6576-0.
  38. ^ Pavla Hejcmanová, Miloslav Homolka, Markéta Antonínová, Michal Hejcman and Veronika Podhájecká, Diet composition of Western Derby eland (Taurotragus derbianus derbianus) in the dry season in a natural and a managed habitat in Senegal using faecal analyses in South African Journal of Wildlife Research, 40 (1), 2010, pp. 27–34, DOI:10.3957/056.040.0105.
  39. ^ a b c d Ronald M. Nowak, Elands in Walker's Mammals of the World (Vol. 2), 6ª ed., Johns Hopkins University Press, 1999, pp. 1143–1145, ISBN 0-8018-5789-9.
  40. ^ a b R. D. Estes, The Safari Companion: A Guide to Watching African Mammals Including Hoofed Mammals, Carnivores, and Primates, Chelsea Green Publishing, 1999, pp. 23–24, ISBN 1-890132-44-6.
  41. ^ Pavla Hejcmanová, Pavla Vymyslická, Karolina Koláčková, Markéta Antonínová, Barbora Havlíková, Michaela Stejskalová, Richard Policht and Michal Hejcman, Suckling behavior of eland antelopes (Taurotragus spp.) under semi-captive and farm conditions in Journal of Ethology, 29 (1), 2011, pp. 161–168, DOI:10.1007/s10164-010-0241-1, ISSN 1439-5444.
  42. ^ O. Máca, Description of a new species of Eimeria Schneider, 1875 (Apicomplexa: Eimeriidae) from the western Derby eland Taurotragus derbianus derbianus Gray (Artiodactyla: Bovidae) in Senegal in Systematic Parasitology, 82 (2), 2012, pp. 121–123, DOI:10.1007/s11230-012-9352-0, PMID 22581248.
  43. ^ Taurotragus derbianus in Myers Enterprises, Global Species. URL consultato il 29 luglio 2012.
  44. ^ a b c Status in Czech University of Life Sciences, Institute of Tropics and Subtropics, Giant Eland Conservation. URL consultato il 29 luglio 2012.
  45. ^ Karolína Koláčková, Pavla Hejcmanová, Markéta Antonínová and Pavel Brandl, Population management as a tool in the recovery of the critically endangered Western Derby eland Taurotragus derbianus in Senegal, Africa in Wildlife Biology, 17 (3), 2011, pp. 299–310, DOI:10.2981/10-019.
  46. ^ Compiled by R. East, Guinea-Bissau in Antelopes: Part 3 - West and Central Africa: Global Survey And Regional Action Plans, IUCN, 1990, p. 35, ISBN 2-8317-0016-7.
  47. ^ P. Nežerková and I. Hájek, Wildlife in National Park of Niokolo-Koba (Senegal) and its ecological background, with special regard to diet of Giant Eland in Agricultura Tropica et Subtropica, vol. 33, 2000, pp. 44–51, ISSN 0231-5742.
  48. ^ Eastern Giant Eland. URL consultato il 21 giugno 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Information at ITIS


mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi