Stazione di Pinerolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pinerolo
stazione ferroviaria
Pinerolo stazione.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
Localitàpiazza G.Garibaldi, 18 Pinerolo
Coordinate44°53′15″N 7°20′13.2″E / 44.8875°N 7.337°E44.8875; 7.337Coordinate: 44°53′15″N 7°20′13.2″E / 44.8875°N 7.337°E44.8875; 7.337
LineeFerrovia Torino-Pinerolo
Ferrovia Pinerolo-Torre Pellice (sospesa dal 2012)
Caratteristiche
Tipostazione in superficie, di testa
Stato attualein uso
Attivazione1854
Binari5
Interscambilinea interurbane per la provincia

La stazione di Pinerolo è una stazione ferroviaria per passeggeri posta a termine della linea Ferrovia Torino-Pinerolo e serve l'abitato di Pinerolo; poco prima vi è il bivio per la Ferrovia Pinerolo-Torre Pellice.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione all'inizio del XX secolo

La stazione fu aperta nel 1854 al completamento della linea Ferrovia Torino-Pinerolo. Nel 1882, aggiungendo un binario lateralmente alla stazione, con uno scambio poco prima, la linea fu prolungata sino a Torre Pellice[1].

Fino al 1968 l'area adiacente allo scalo ferroviario ospitava gli impianti a della tranvia Pinerolo-Perosa Argentina; le merci provenienti dai numerosi impianti raccordati a tale tranvia, i cui veicoli a scartamento ridotto, erano qui trasbordate sui carri ferroviari.

Il 27 febbraio 2006 venne attivato un marciapiede e il quinto binario sulla diramazione per Torre Pellice, non rendendo più necessaria la manovra di regresso per i treni diretti a quest'ultima località.[2]

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è dotata di 5 bianri, di cui solo tre utilizzati per il traffico passeggeri. I primi 4 binari si trovano presso l'edificio storico della stazione, mentre il quinto binario è stato ricavato, nel 2006, lungo la linea per Torre Pellice. Il raccordo merci diretto in ingresso al vicino stabilimento della PMT ITALIA risulta in stato di abbandono.

La linea per Torre Pellice infatti corre esternamente al fabbricato di stazione, mentre questo è stato costruito di testa, affacciato sul centro storico: non vi era quindi spazio sufficiente per far entrare in stazione i binari da Torre Pellice ricorrendo a una curva ad "U". Così si è ideata la soluzione di inserire la linea per Torre Pellice, anteponendo al fascio binari della stazione.

Dei quattro binari presenti nella stazione storica, solo due sono usati per i treni viaggiatori, l'1 e il 3, mentre il 2 non è dotato di marciapiede e il 4 attualmente è usato solo come ricovero dei treni non in servizio.

Ai binari 1 e 3 attestano i treni della linea SFM 2 verso Chivasso; il binario 5 era riservato all'attestamento dei treni da e per Torre Pellice, il cui servizio risulta sospeso dal 17 giugno 2012[3].

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è il capilinea dei convogli della linea 2 del servizio ferroviario metropolitano di Torino provenienti da Chivasso. sino al 2012 i convogli continuavano sulla ferrovia-Pinerolo-Torre Pellice

SFM di Torino
Simbolo SFM2.svg
Bus-logo.svgTorre Pellice – Bobbio Pellice White dot.svg  Pinerolo
White dot.svg  Pinerolo Olimpica
White dot.svg  Piscina di Pinerolo
White dot.svg  Airasca
White dot.svg  None
White dot.svg  Candiolo
White dot.svg  Nichelino
White dot.svg  Moncalieri Sangone
Interscambi lingotto 2.jpg  White dot.svg  Torino Lingotto
Interscambi p.susa Torino 2.jpg  White dot.svg  Torino Porta Susa Logo Metropolitane Italia.svg
White dot.svg  Torino Rebaudengo Fossata
White dot.svg  Torino Stura Sfm 12467.jpg
White dot.svg  Settimo Torinese
White dot.svg  Brandizzo
White dot.svg  Chivasso Bus-logo.svgAsti


Servizi[modifica | modifica wikitesto]

  • Biglietteria a sportello Biglietteria a sportello
  • BarCaffetteria
  • Biglietteria automatica Biglietteria automatica
  • Sala d'attesa Sala d'attesa
  • Servizi igienici Servizi igienici

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926
  2. ^ Pinerolo cresce, in I Treni, anno XXVII, nº 281, Salò, Editrice Trasporti su Rotaie, maggio 2006, p. 7, ISSN 0392-4602 (WC · ACNP).
  3. ^ Silvia Adorno, Chiusure in Piemonte, in "I Treni" n. 351 (settembre 2012), pp. 14-19

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rete Ferroviaria Italiana, Fascicolo Linea 6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]