Sputnik 7

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sputnik 7
Dati della missione
NSSDC ID 1961-002A
SCN 00071
Destinazione Venere
Vettore Molnija (SS-6 modificato)
Lancio 4 febbraio 1962
Luogo lancio Baikonour
Proprietà veicolo spaziale
Massa 6843 kg
Strumentazione Sonda Venera
Parametri orbitali
Orbita orbita terrestre bassa
Apogeo 296 km
Perigeo 179 km
Periodo 89.80 min
Inclinazione 64.95 gradi
Eccentricità 0.00797
Sputnik
Missione precedente Missione successiva
Sputnik 6 Sputnik 8

Sputnik 7 fu il nome dato alla prima sonda spaziale sovietica destinata a raggiungere Venere. Fu lanciata dal cosmodromo di Baikonur il 4 febbraio 1961 con un razzo vettore Molniya. La navicella entrò in orbita attorno alla Terra, ma il quarto stadio che doveva lanciarla verso Venere non funzionò e la sonda restò in orbita terrestre. Le sue grandi dimensioni (pesava 6.483 kg) indussero alcuni osservatori occidentali a pensare ad una missione umana fallita, ipotesi rafforzata dalle registrazioni ottenute dal centro di ascolto radio dei fratelli torinesi Judica Cordiglia[1]. Alcuni giorni dopo (12 febbraio 1961) i sovietici lanciarono verso Venere la sonda gemella Venera 1.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica