Sputnik 5

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sputnik 5
Dati della missione
Operatore RKA
NSSDC ID 1960-011A
SCN 00055
Destinazione orbita MEO
Satellite di Terra
Vettore Semyorka
Lancio Bajkonur, 19 agosto 1960 alle 08:38 UTC
Luogo lancio rampa Gagarin
Atterraggio 20 agosto 1960
Durata 1 giorno
Proprietà veicolo spaziale
Massa 4600 kg
Peso al lancio 4 600 kg
Costruttore ?
Parametri orbitali
Orbita ellittica (compresa tra i 324 e i 287 km dal suolo)
Apogeo 324 km
Perigeo 287 km
Periodo 91 minuti circa
Inclinazione 64.95°
Programma Sputnik
Missione precedente Missione successiva
Sputnik 4 Sputnik 6

Lo Sputnik 5 (chiamato anche Korabl-Sputnik 2) fu il primo satellite artificiale a riportare a terra animali in vita dopo essere stati in orbita. Venne lanciato dall'Unione Sovietica dal cosmodromo di Baikonur il 19 agosto 1960. Era parte del programma Sputnik e fu il secondo test di lancio della capsula Vostok. Fu anche il secondo satellite adibito al volo con esseri viventi. Lo Sputnik 5 trasportò due cani nell'ambito del programma spaziale sovietico, Belka (Scoiattolo) e Strelka (Piccola Freccia), 40 ratti, 2 topi, e una varietà di piante. Rientrò nell'atmosfera e atterrò il giorno seguente con gli animali in vita.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Numero di orbite: 16

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica