Snappy (gestore pacchetti)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Snappy
software
Schermata di esempio
GenereSistema di gestione dei pacchetti
SviluppatoreCanonical Ltd.
Codice sorgentegithub.com/snapcore/
Sistema operativoUbuntu, Debian, Fedora, CentOS, ArchLinux e Gentoo (non in lista)
LicenzaGNU GPL v3
(licenza libera)
Sito websnapcraft.io

Snappy è un gestore di pacchetti ideato da Canonical Ltd. nonché un formato di pacchetti software inizialmente solo per Ubuntu, ma è adottato anche da altre distribuzioni. È parte di Ubuntu Core, l'utility che possiede un meccanismo per applicare aggiornamenti software.[1][2]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppato a partire dal 2014, è stato implementato nei dispositivi Ubuntu Touch e dal 14 giugno 2016 altre distribuzioni GNU/Linux hanno introdotto il supporto per tale formato, tramite un apposito gestore: tra di esse, Fedora, CentOS, Debian, Arch Linux e Gentoo. In Ubuntu è stato reso disponibile in modo sperimentale nei repositories a partire dalla version 16.10 ed i primi pacchetti sono stati introdotti in modo ufficiale nella versione 17.10.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Uno Snap consente di installare un'applicazione con tutte le librerie di cui ha bisogno, separate dal sistema, vale a dire senza impegnare la versione più recente della libreria presente nel sistema operativo. In questo modo, vengono evitati conflitti di dipendenza fra applicazioni diverse (che richiedono una stessa libreria comune), e diviene possibile avere versioni non aggiornate o molteplici della stessa libreria o programma (all'interno di snap diversi) senza che sia necessario porre mano alla configurazione generale. Il processo eseguito da uno Snap è isolato dagli altri processi del sistema operativo.

L'estensione del formato utilizzata è .snap infatti gli Snappy possono essere installati sia dallo store di Ubuntu che dal pacchetto scaricato a parte; permette di aggiornare i pacchetti senza doverli ricaricare completamente. Gli sviluppatori possono creare pacchetti .snap con l'apposito tool, snapcraft, che permette loro di creare applicazioni desktop, servizi background e tool a linea di comando. Il pacchetto che però gestisce gli snap nel sistema in uso è Snapd, che si occupa di tutto ciò che riguarda Snappy, ed è giunto alla versione 2.36.2.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mark Shuttleworth, Announcing Ubuntu Core, with snappy transactional updates!, su markshuttleworth.com, 9 dicembre 2014.
  2. ^ Nathan Willis, Ubuntu Core and Snappy, in Linux Weekly News, 28 gennaio 2015. URL consultato il 7 novembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Software libero Portale Software libero: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Software libero