Sinfonia n. 1 (Prokof'ev)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sergej Sergeevič Prokof'ev iniziò a lavorare alla sua Sinfonia n. 1 in Re maggiore (Op. 25) nel 1916, ma ne scrisse la maggior parte nel 1917, completando il lavoro il 10 di settembre.[1] L'opera è scritta imitando vagamente lo stile di Haydn (e, in misura minore, di Wolfgang Amadeus Mozart), ed è largamente nota come la Sinfonia Classica, nome che le fu dato dal compositore stesso. La prima avvenne il 21 aprile 1918 a San Pietroburgo, diretta da Prokofiev stesso,[1] ed è diventato uno dei suoi lavori più noti e amati.

Origini e ispirazione[modifica | modifica wikitesto]

La sinfonia può essere considerata una delle prime opere neoclassiche. Tuttavia, sebbene sia stata composta nel tentativo di emulare lo stile di Franz Joseph Haydn, non lo fa in modo pedissequo, ma risente fortemente delle contemporanee pratiche compositive, e dello stile di Prokofiev stesso. L'opera fu ispirata in parte dai suoi studi di direzione d'orchestra al Conservatorio di San Pietroburgo, dove il Maestro, Nikolai Tcherepnin, insegnava a dirigere, tra vari compositori, anche opere di Haydn.

Prokofiev scrisse la Sinfonia mentre era in vacanza in campagna, utilizzandola come esercizio per comporre senza avere un pianoforte a disposizione. Nell'opera non è in realtà presente alcuna reale citazione di Haydn.[2]

Movimenti[modifica | modifica wikitesto]

La sinfonia è in quattro movimenti, e dura solamente dai dieci ai quindici minuti:

  1. Allegro
  2. Larghetto
  3. Gavotta: Non troppo allegro
  4. Finale: Molto vivace

Strumentazione[modifica | modifica wikitesto]

L'opera è scritta per un'orchestra del periodo classico, formata da 2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, timpani e archi.[1]

Incisioni[modifica | modifica wikitesto]

La seguente tabella include alcune delle registrazioni di questa sinfonia:

Orchestra Direttore Casa discografica Anno di registrazione Formato
Boston Symphony Orchestra Sergej Aleksandrovič Kusevickij RCA Victor 1929 CD
NBC Symphony Orchestra Arturo Toscanini RCA Victor 1951 CD
The Paris Conservatory Orchestra Ernest Ansermet London Records 1964 LP
New York Philharmonic Leonard Bernstein Columbia 1968[3] CD
London Symphony Orchestra Walter Weller Decca 1974 CD
London Symphony Orchestra Vladimir Davidovič Aškenazi Decca 1974 CD
London Symphony Orchestra André Previn EMI Classics 1978 CD
Berliner Philharmoniker Herbert von Karajan Deutsche Grammophon 1981 CD
Chicago Symphony Orchestra Georg Solti Decca 1982 CD
Scottish National Orchestra Neeme Järvi Chandos 1985 CD
Orchestre national de France Lorin Maazel CBS Masterworks 1985 CD
Orpheus Chamber Orchestra (nessuno) Deutsche Grammophon 1987 CD
Orchestre national de France Mstislav Leopol'dovič Rostropovič Erato 1988 CD
Berliner Philharmoniker Seiji Ozawa Deutsche Grammophon 1989 CD
Slovak Philharmonic Orchestra Stephen Gunzenhauser Naxos 1989 CD
Soviet State Orchestra Nikolay Tiomkin Discover The Classics 1990 CD
Orchestra di Filadelfia Riccardo Muti Philips Classics Records 1990 CD
Chicago Symphony Orchestra James Levine Deutsche Grammophon 1994 CD
St. Petersburg State Symphony Orchestra Ravil Martynov Sony 1994 CD
London Symphony Orchestra Valerij Abisalovič Gergiev Philips 2004 CD
National Symphony Orchestra of Ukraine Theodore Kuchar Naxos CD
Orchestre national de France Jean Martinon Vox CD
Czech Philharmonic Orchestra Zdeněk Košler Supraphon CD
USSR Ministry of Culture State Symphony Orchestra Gennadij Nikolaevič Roždestvenskij CD/LP
Moscow Radio Symphony Orchestra Gennadij Nikolaevič Roždestvenskij Melodiya/Quintessence LP

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Steinberg, Michael. "The Symphony: a listeners guide". p. 429-433. Oxford University Press, 1995.
  2. ^ Utilizzata come fonte questa registrazione di Discovering Music da 1:00 a 3:40
  3. ^ (EN) Prokofiev - Classical Symphony - Bernstein. Note di copertina di New York Philharmonic [back cover], .

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]