Sigismondo Brandolini Rota

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sigismondo Brandolini Rota
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Ceneda
 
Nato14 aprile 1823 a San Cassiano del Meschio (oggi Cordignano)
Consacrato vescovo28 febbraio 1879
Deceduto8 gennaio 1908 a Ceneda
 

Sigismondo Brandolini Rota (San Cassiano del Meschio, 14 aprile 1823Ceneda, 8 gennaio 1908) è stato un vescovo cattolico italiano.

Stemma dei Brandolini

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Gerolamo e di Vendramina Grimani, apparteneva ai Brandolini Rota, famiglia di antica nobiltà che sin dall'epoca della Serenissima aveva assunto ruoli di primo piano nella vita politica ed ecclesiastica dell'alto trevigiano. Aveva una sorella (che si fece suora) e cinque fratelli, tra i quali spicca il politico Annibale Brandolin.

Già arciprete di Miane, nel 1877 fu preconizzato vescovo di Chioggia ma ne fu dispensato, come richiesto da lui stesso, da papa Pio IX.

Il 28 febbraio 1879 veniva quindi nominato vescovo titolare di Oropo, divenendo al contempo vescovo coadiutore di Ceneda. Resse la diocesi dal 27 marzo 1885 sino alla morte.

Nel 1893 innalzò a proprie spese una nuova ala del seminario vescovile.

È noto in quanto invitò san Leonardo Murialdo, fondatore dei Giuseppini, ad aprire un'opera a Oderzo: nel 1889 fu così fondato il Collegio Murialdino, più tardi intitolato allo stesso vescovo Brandolini.

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 6233 1826