Shosha (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Shosha
Titolo originaleShosha
AutoreIsaac Bashevis Singer
1ª ed. originale1978
1ª ed. italiana1978
Genereromanzo
Lingua originaleyiddish
ProtagonistiAaron Greidinger

Shosha (stesso titolo in originale) è un romanzo di Isaac Bashevis Singer scritto in lingua yiddish, tradotto in inglese dall'autore insieme con il nipote Joseph e pubblicato per la prima volta da Farrar, Straus and Giroux nel 1978. L'autore riprenderà il nome del protagonista in Anime perdute.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato a Varsavia negli anni trenta, in un quartiere chassidico della città, il romanzo racconta la storia di Aaron Griedinger, detto Tsutsik, innamorato di una ragazza fino da quando erano bambini, il cui nome è Shosha. Crescendo, però, la ragazza ha una malattia del sonno che la prova psicologicamente e fisicamente e Aaron la perde di vista dopo un trasloco. Durante la persecuzione degli ebrei da parte del nazismo molti fuggono emigrando, ma Aaron non riesce ad allontanarsi decidendo di restare per amore verso di lei. L'ultimo capitolo è un salto in avanti di 13 anni, quando Aaron incontra Haiml Chentshiner (un vecchio amico la cui moglie, Celia, è stata amante di Aaron senza che lui lo sappia) in Israele e dalla loro conversazione viene fuori il ricordo di tutti gli amici che nel frattempo sono morti.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura