Anime perdute

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anime perdute
Titolo originaleMeshuge
Altri titoliMeshugah
AutoreIsaac Bashevis Singer
1ª ed. originale1994
1ª ed. italiana1995
Genereromanzo
Lingua originaleyiddish
ProtagonistiAaron Greidinger

Anime perdute (titolo originale Meshuge) è un romanzo di Isaac Bashevis Singer, pubblicato su "The Jewish Forward" tra il 1981 e il 1983 in lingua yiddish, tradotto in inglese da Nili Wachtel (in collaborazione con l'autore) e pubblicato postumo nel 1994 da Farrar, Straus & Giroux con il titolo Meshugah. Il titolo italiano riprende quello in yiddish della prima pubblicazione, poi cambiato nella traduzione inglese. Il protagonista ha lo stesso nome del romanzo Shosha.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È la storia di uno scrittore di Varsavia, Aaron Greidinger, emigrato a New York, che frequenta altri profughi e intellettuali sopravvissuti all'olocausto nel Upper West Side, tra i quali Max Aberdam, che aveva creduto morto prima di incontrarlo al giornale dove scrive. Max, sposato con una donna che detesta, è innamorato di Miriam, molto più giovane e a sua volta sposata. Anche lei ricambia, ma i due non riescono a lasciare i rispettivi consorti. Anche Aaron sembra innamorato di Miriam, e lei ne è attratta e lo incoraggia professionalmente. Altri personaggi sono Stefa, Irka e Tzlova (le prime due che Aaron ha amato e la terza che ama adesso) e Misha, un tassista anarchico. Max, Miriam e Aaron si ritrovano poi a Tel Aviv, dove Aaron viene premiato con un prestigioso premio letterario. Qui lo scrittore chiede alla donna di sposarlo.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura