Sebastiano Maffettone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Sebastiano Maffettone (Napoli, 1º aprile 1948) è un filosofo e accademico italiano[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in giurisprudenza all'Università degli studi di Napoli Federico II nel 1971, dal 1975 al 1976 è stato borsista presso l'Università di Oxford e dal 1977 al 1980 ha conseguito un Master of Science presso la London School of Economics (dove è stato allievo di Karl Popper).

Campi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Ha contribuito al dibattito scientifico internazionale sui temi della filosofia politica, bioetica, ed etica dell'economia. In particolare ha avuto il merito di introdurre in Italia il pensiero di John Rawls, tentando di ricostruire i principi del liberalismo applicandoli al contesto della globalizzazione economica. Negli ultimi anni, si è occupato del rapporto tra etica e Intelligenza artificiale (Digital Ethics è la materia che insegna presso il Dipartimento Impresa e Management della LUISS Guido Carli)

Incarichi[modifica | modifica wikitesto]

Ha insegnato in diverse università italiane e internazionali, come Harvard, Columbia, Tufts University, Boston College, University of Pennsylvania, Nuova Delhi, London School of Economics, Mumbai, Sciences-Po (Paris), Běijīng University.[2]È stato il primo Presidente della Società Italiana di Filosofia Politica, ha fondato la rivista “Filosofia e questioni pubbliche” (ora Philosophy & Public Issues), ha co-fondato e diretto Politeia. È editorialista di giornali (Il Mattino, Corriere della Sera, Sole 24 Ore, Il Messaggero, tra gli altri), direttore di collane editoriali, consulente di Confindustria, delegato italiano in Organismi Internazionali, coordinatore scientifico della Fondazione Adriano Olivetti, autore televisivo. È tuttora membro di diversi comitati scientifici, Presidente della Fondazione Giordano Bruno, coordinatore scientifico della Federazione Nazionale Cavalieri del Lavoro.

È stato Professore Ordinario di filosofia politica [3] fino al 2018 presso la LUISS Guido Carli, dove ha diretto il Dipartimento di Scienze Politiche, il PhD in Politics e il Center for Ethics and Global Politics, e ha presieduto la Scuola di Giornalismo “Massimo Baldini”. Attualmente, è professore straordinario e dirige l'Osservatorio Ethos sempre presso al LUISS Guido Carli,

Dal 2015 l 2018 è consigliere delegato alla cultura del governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca e presidente della Fondazione Ravello.

Dal 2019 dirige l’Osservatorio Ethos Luiss Business School.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • I fondamenti del liberalismo, con Ronald Dworkin, Laterza, 1996.
  • Etica Pubblica, Il Saggiatore, 2001.
  • La pensabilità del mondo Il Saggiatore, 2006.
  • Rawls: un'introduzione, Laterza, 2010.2019
  • Rawls, Polity Press, 2010.
  • Un mondo migliore. Giustizia globale tra Leviatano e Cosmopoli, Luiss University Press, 2013.
  • Il valore della vita: cosa conta davvero e perché, Luiss University Press, 2016
  • Karl Marx nel XXI secolo, Luiss University Press, 2018.
  • Politica. Idee per un mondo che cambia, Le Monnier Università, 2019.
  • Il Quarto Shock. Come un virus ha cambiato il mondo, Luiss University Press, 2020.
  • Marx in the XXI Century, Routledge, 2021.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84503141 · ISNI (EN0000 0001 1772 8063 · SBN CFIV002213 · LCCN (ENn81115242 · GND (DE1104761629 · BNE (ESXX4748687 (data) · BNF (FRcb12036377x (data) · J9U (ENHE987007440181205171 (topic) · NSK (HR000178154 · CONOR.SI (SL196704867 · WorldCat Identities (ENlccn-n81115242