Shoshana Zuboff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Shoshana Zuboff (18 novembre 1951) è un'accademica e scrittrice statunitense.

È autrice dei libri In the Age of the Smart Machine: The Future of Work and Power e The Support Economy: Why Corporations Failing Individuals and the Next Episode of Capitalism, coautore con James Maxmin, di The Age of Surveillance Capitalism: The Fight for a Human Future at the New Frontier of Power, integra le sue principali tematiche che sono: la rivoluzione digitale, l'evoluzione del capitalismo, l'emergere storico dell'individualità psicologica e le condizioni per lo sviluppo umano.[1]

Il suo lavoro è fonte di molti concetti tra cui: "capitalismo di sorveglianza", "potere strumentale", "divisione dell'apprendimento nella società", "economie di azione", "mezzi di modifica del comportamento", "civiltà dell'informazione", "astrazione del lavoro" e "individuazione del consumo".

Ha un dottorato di ricerca in psicologia sociale presso l'Università di Harvard e una laurea in filosofia presso l'Università di Chicago. Nel 1981 andò alla Harvard Business School, dove è diventata una delle prime donne di ruolo nella facoltà della Harvard Business School. Nel 2014 e 2015 è stata membro della facoltà presso il Berkman Center for Internet and Society presso la Harvard Law School.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN25746349 · ISNI (EN0000 0003 7450 1847 · LCCN (ENn87910612 · GND (DE131784633 · NLA (EN35299263 · WorldCat Identities (ENlccn-n87910612