Il capitalismo della sorveglianza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il capitalismo della sorveglianza. Il futuro dell'umanità nell'era dei nuovi poteri.
Titolo originaleThe Age of Surveillance Capitalism. The Fight for the Future at the New Frontier of Power
AutoreShoshana Zuboff
1ª ed. originale2019
GenereSaggio
Lingua originaleinglese

Il capitalismo della sorveglianza è un libro di saggistica del 2019 della professoressa Shoshana Zuboff che guarda allo sviluppo di aziende digitali (come Facebook, Google e Amazon), suggerendo come i loro modelli di business rappresentino una nuova forma di accumulazione capitalista che Zuboff definisce "capitalismo della sorveglianza". [1] [2]

Premessa[modifica | modifica wikitesto]

Zuboff afferma che il capitalismo della sorveglianza si appropria dell'esperienza umana usandola come materia prima da trasformare in dati sui comportamenti. Alcuni di questi dati vengono usati per migliorare prodotti/servizi, mentre il resto diviene un surplus comportamentale privato, sottoposto a un processo di lavorazione avanzato noto come "intelligenza artificiale" per essere trasformato in prodotti predittivi in grado - per l'appunto - di predire cosa faremo immediatamente, tra poco e tra molto tempo. Questi prodotti vengono scambiati in un nuovo tipo di mercato per le previsioni comportamentali, che Zuboff definisce mercato dei comportamenti futuri [3].

In una società capitalista, le informazioni che gli utenti producono accedendo a piattaforme come Facebook possono essere utilizzate liberamente dalle piattaforme stesse per migliorare la user experience e offrire loro contenuti maggiormente in linea con gli interessi evidenziati dai dati ottenuti in precedenza. Ciò può essere fatto attraverso l'uso di un algoritmo che filtra automaticamente le informazioni. Il pericolo del capitalismo della sorveglianza risiede nel fatto che le piattaforme e le società tecnologiche possono accedere a tali informazioni gratuitamente. In secondo luogo c'è pochissima supervisione da parte dei governi e degli utenti stessi. Secondo Zuboff Google ha avuto un ruolo pionieristico nel capitalismo della sorveglianza sia in senso teorico che pratico [4], inventando e perfezionando questo nuovo modello di capitalismo. Tuttavia oggi Google non è più l'unico attore, perché altri capitalisti della sorveglianza (come Facebook, Microsoft e Amazon) sono apparsi sullo scenario.

Contrariamente al detto secondo cui "se è gratis, il prodotto sei tu", gli utenti non sono i "clienti" del capitalismo della sorveglianza, ma le fonti del surplus comportamentale, l'oggetto di un'operazione di estrazione della materia prima. I veri clienti dei capitalisti della sorveglianza sono le aziende che operano nel mercato dei comportamenti futuri. Difatti tutto questo sta determinando un'asimmetria senza precedenti della conoscenza e del suo potere, dal momento che i capitalisti della sorveglianza sanno tutto di noi, mentre per noi è impossibile sapere quello che fanno.

Il trionfo del capitalismo della sorveglianza secondo Zuboff è stato possibile perché rappresenta un cambiamento senza precedenti (proprio come l'invenzione dell'auto che inizialmente fu definita una "carrozza senza cavalli"), risultando pertanto irriconoscibile. Il saggio si prefigge, dunque, l'obiettivo di dare finalmente un volto a questa nuova forma di capitalismo e renderla visibile ai nostri occhi.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Il capitalismo della sorveglianza, Luiss Univesity Press, Roma, 2019

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ James Bridle, The Age of Surveillance Capitalism by Shoshana Zuboff review – we are the pawns, in The Guardian, 2 February 2019, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 17 gennaio 2020. Ospitato su www.theguardian.com.
  2. ^ John Naughton, 'The goal is to automate us': welcome to the age of surveillance capitalism, in The Observer, 20 January 2019, ISSN 0029-7712 (WC · ACNP). URL consultato il 17 gennaio 2020. Ospitato su www.theguardian.com.
  3. ^ (EN) John Naughton, 'The goal is to automate us': welcome to the age of surveillance capitalism, in The Observer, 20 gennaio 2019, ISSN 0029-7712 (WC · ACNP). URL consultato il 16 gennaio 2020.
  4. ^ Shoshana Zuboff, Norma Möllers e David Murakami Wood, Surveillance Capitalism: An Interview with Shoshana Zuboff, in Surveillance & Society, vol. 17, n. 1/2, 31 marzo 2019, pp. 257–266, DOI:10.24908/ss.v17i1/2.13238, ISSN 1477-7487 (WC · ACNP).
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura