Infosfera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Col termine infosfera nella filosofia dell'informazione si intende la globalità dello spazio delle informazioni. Pertanto l'infosfera include sia il cyberspazio (Internet, telecomunicazioni digitali) sia i mass media classici.[1]

Il termine (un neologismo che è una parola macedonia di "informazione" e "sfera") è stato introdotto da Luciano Floridi, uno dei maggiori esperti della filosofia dell'informazione, sulla falsariga di "biosfera".[1] Floridi ha definito l'infosfera[2] come "lo spazio semantico costituito dalla totalità dei documenti, degli agenti e delle loro operazioni",[3] dove per "documenti" si intende qualsiasi tipo di dato, informazione e conoscenza, codificata e attuata in qualsiasi formato semiotico, gli "agenti" sono qualsiasi sistema in grado di interagire con un documento indipendente (ad esempio una persona, un'organizzazione o un robot software sul web) e il termine "operazioni" include qualsiasi tipo di azione, interazione e trasformazione che può essere eseguita da un agente e che può essere presentata in un documento.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il Sole 24 Ore, In viaggio con il padre dell'infosfera, intervista a Luciano Floridi del 20 maggio 2010
  2. ^ Luciano Floridi. Infosfera, in Internet & Net Economy, Vito di Bari (a cura di), Il Sole 25-Ore Libri. 2002.
  3. ^ a b (FR) Luciano Fioridi, Infosphère, une définition, in Boson2x, 20 dicembre 2002 (archiviato il 19 settembre 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica