Sasso di Bosconero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sasso di Bosconero
Bosconero2.jpg
Il gruppo di Bosconero innevato visto da Forno di Zoldo.
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
ProvinciaBelluno Belluno
Altezza2 468 m s.l.m. e 2 070 m s.l.m.
Prominenza938 m
CatenaAlpi
Coordinate46°20′15″N 12°16′03″E / 46.3375°N 12.2675°E46.3375; 12.2675Coordinate: 46°20′15″N 12°16′03″E / 46.3375°N 12.2675°E46.3375; 12.2675
Data prima ascensione19 settembre 1878
Autore/i prima ascensioneS. Siorpaes, C. Tomè, G. Merzbacher
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Sasso di Bosconero
Sasso di Bosconero
Mappa di localizzazione: Alpi
Sasso di Bosconero
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Orientali
Grande SettoreAlpi Sud-orientali
SezioneDolomiti
SottosezioneDolomiti di Zoldo
SupergruppoDolomiti Settentrionali di Zoldo
GruppoGruppo del Bosconero
SottogruppoGruppo Bosconero-Rocchette
CodiceII/C-31.II-A.2.b

Il Sasso di Bosconero è una montagna delle Dolomiti alta 2.468 m. s.l.m. È la cima più alta del Gruppo del Bosconero che a sua volta è delimitato dalla bassa Val Zoldana, dalle valli del Cervegana e del torrente Rite (Passo Cibiana) e dalla valle del Piave (tra Ospitale di Cadore e Longarone).

Si tratta di un gruppo molto articolato, di forma quasi triangolare, i cui vertici sono costituiti dal Bosconero vero e proprio a sud, dal Castelaz e dallo Spiz di San Piero a ovest e dal Sassolungo di Cibiana a nord-est. Le cime maggiori (Sforniòi di Mezzo, Sasso di Bosconero, Sasso di Toanella) superano i 2.300-2.400 m. s.l.m.

Dal punto di vista geologico, è composto da rocce formate da dolomia con marne e calcari di diverse colorazioni, talora molto evidenti.

Alla sua base sorge il rifugio alpino "Bosconero" (seguire dal lago di Pontesei il sentiero 490 - 1,45/2 h - circa 650 m di dislivello).

La vetta fu conquistata il 19 settembre 1878 da Santo Siorpaes, C. Tomè e G. Merzbacher.

Molto remunerativa è la via dell'Antespigolo aperta da Leonardo Pretto e Bianco De Pellegrini nel 1964 che sale il primo grande contrafforte del versante ovest del Sasso con difficoltà di IV e IV+ UIAA per un'altezza di 600 m. È l'itinerario alpinistico più ripetuto delle pareti del Sasso.

Altre vie salgono per il versante settentrionale e lo spigolo nord ovest, rispettivamente la Pomarici-Costantini (1967) e la Angelini-Sperti (1924).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Bonetti, Paolo Lazzarin, La val di Zoldo. Itinerari escursionistici, Verona, Cierre Edizioni, 1997, p.14.