Sarah Cosmi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sara Cosmi su Penthouse, fotografata da Alberto Magliozzi nel 1997

Sara Cosmi, in arte Sarah Cosmi (Venezia, 10 agosto 1974), è un'attrice italiana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Venezia, inizia a studiare danza all'età di quattro anni[1] e a quindici anni debutta nel musical "Benvenuti a Broadway" con la partecipazione di Raffaele Paganini. Nel 1991 inizia a lavorare come giornalista sportiva e presentatrice per le emittenti umbre Tef Channel e Umbria TV iniziando a farsi notare nel mondo dello spettacolo.

Dopo aver prestato la sua voce, tra gli altri, per la sigla canora del Giro Festival della Canzone Italiana e per il disco Never cry for boys edito in Svezia[1], Sarah lavora con Tinto Brass, recitando nuda nel 1995 in Fermo posta Tinto Brass e nel 2003, come co-protagonista, ancora nuda, in Fallo! che la farà conoscere anche negli Stati Uniti, Spagna ed alcuni paesi orientali. Sull'onda di tale successo Sarah è protagonista del calendario 2004 della rivista "Boss", distribuito dalle Edizioni Cioè, firmato dal fotografo Roberto Rocchi[2].Tra il 1995 e il 2004 reciterà, spesso nuda, in numerosi altri film e spot per la televisione.

Nel 2004 entra a far parte del gruppo teatrale comico I Picari[1] e debutta con successo al teatro dei Satiri con la commedia Vengo anch'io che successivamente viene portata in tournée in tutta Italia.

Nel 2005 firma un contratto con Canale 5 per alcune comparse: nella soap opera Vivere e per la trasmissione televisiva Cronache Marziane in onda su Italia 1 nella quale però, sarà presente solo per le prime puntate. Il giornalista e critico Paolo Pelinga, dopo averla vista recitare in teatro qull'anno, scriverà di lei: "È nata una star".


La scoperta della Bibbia e l'abbandono del mondo dello spettacolo[modifica | modifica wikitesto]

Nello stesso periodo Sarah comincia a studiare la Bibbia, abbandonando i contratti con Canale 5 e Italia 1. Tali studi la porteranno a rinnegare nel 2006 il mondo dello spettacolo che, a suo dire, l'ha "portata a sbagliare mostrando il suo corpo".

Forte dei suoi studi in comunicazione e delle numerose esperienze con maestri e artisti dello spettacolo, fotografia e pubblicità diventa direttrice creativa di una agenzia pubblicitaria e nel 2012 consegue un Master in Programmazione neuro linguistica della quale diventa Master Practitioner abilitata a livello internazionale direttamente dalla Society of NLP di Richard Bandler, padre di questa disciplina. Tra i suoi mentori spiccano Antonella Rizzuto, Alessio Roberti, Owen Fitzpatrick e Garner Thomson. Nello svolgere la sua professione di trainer ha ideato un corso di formazione personale rivolto alle donne "Eva, la donna perfetta".[3]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]