Santino Spinelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Chi è costretto a vivere nel disagio e nella frustrazione, privato dei diritti minimi e indispensabili, è ovvio che aspiri a qualcosa di meglio. Eppure si deve sentir dire che non c'è modo di cambiare le cose, perché in fondo sono gli stessi zingari a voler vivere così, senza costrizioni. Ma è un'atroce falsità. I rom non sono apolidi senza casa e perennemente squattrinati. Ma sono obbligati ad esserlo. »
(Santino Spinelli[1])

Santino Spinelli (Pietrasanta, 21 luglio 1964) è un musicista, compositore e insegnante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Santino, in arte Alexian, è l'ultimo di sei figli, di cui cinque sorelle. Nasce a Pietrasanta, in provincia di Lucca, il 21 luglio 1964, figlio di Gennaro e Giulia Spinelli, ma è a Lanciano, in provincia di Chieti, che compirà i suoi primi studi. Frequenta l'Istituto di Stato per il Commercio "P. De Giorgio", dove si diploma con il massimo dei voti, 60/60. Ha conseguito due lauree presso l'Università degli Studi di Bologna, la prima in Lingue e Letterature Straniere con una tesi su George Borrow (1998) e la seconda, nel 2006, in Musicologia.

È sposato con Daniela De Rentiis, dalla quale ha avuto tre figli: Gennaro, Giulia ed Evedise, tutti musicisti professionali con cui tiene numerosi concerti in Italia e all'estero.

È fondatore e presidente dell'associazione culturale Thèm Romanò (mondo romanò). Nel 2001 viene eletto, quale unico rappresentante per l'Italia, al parlamento della International Romani Union (IRU), organizzazione non governativa con sede a Praga, attiva nel campo dei diritti dei popoli rom, alla quale è stato garantito lo status consultivo presso alcuni organi delle Nazioni Unite. Nel 2002 Spinelli è stato docente di Lingua e Cultura Romanì presso l'Università degli Studi di Trieste, presso il Politecnico di Torino. Docente di Lingua e Cultura Romanì - Lingue e processi interculturali - presso l'Università degli studi di Chieti dal 2008, ha anche tenuto un corso seminariale all'Università di Teramo nell'anno accademico 2013/2014. Nel 2003 viene nominato vicepresidente del parlamento dell'IRU e ambasciatore dell'arte e della cultura romani nel mondo per l'IRU e nel 2007 vicepresidente dell'IRU. È presidente nazionale della federazione FederArteRom.

Nel 2010 ha pubblicato per la Ut Orpheus editore di Bologna i volumi "Carovana Romanì" per Fisarmonica, Ensamble e Orchestra. Le raccolte contengono partiture composte da Alexian Santino Spinelli che sono state eseguite al Palazzo de Consiglio d'Europa a Strasburgo (07/10/2010) ed al Consiglio d'Europa a Bruxelles (17/01/2013) dall'Orchestra Europea per la Pace con cui tiene numerosi concerti in tutta Europa. Alexian Santino Spinelli è compositore ed esecutore delle sue musiche.

Il 2 giugno 2012 ha cantato il Murdevele (Padre Nostro - in lingua romanì) per Papa Benedetto XVI a Bresso (Milano) in occasione della Giornata Mondiale della Famiglia davanti a 800 mila persone e in mondovisione. Il 10 maggio 2014 ha eseguito 3 sue composizioni per Papa Francesco sul sagrato di San Pietro davanti a 300 mila persone e in diretta su Rai 1.

La sua poesia "Auschwitz" orna a Berlino, nei pressi del Bundestag, il monumento dedicato alla memoria dello sterminio di Sinti e Rom durante il nazismo, inaugurato il 24 ottobre 2012 alla presenza del capo di Stato tedesco e di Angela Merkel.

Il 26 ottobre 2015, insieme all'Alexian group, ha eseguito diverse sue composizioni per Papa Francesco, tra cui il Murdevele. I brani sono stati suonati in Vaticano presso la Sala Nervi, in occasione dell'Udienza per i Rom e Sinti celebrativa del 50º anniversario dell'Udienza che Papa Paolo VI tenne per la Popolazione Romanì. L'evento è stato trasmesso in diretta mondiale.

Lunedì 18 Aprile 2016 nella sala della “Cavallerizza” presso il Palazzo Marchesale di Laterza (Taranto) il Sindaco Ing. Gianfranco LOPANE ha conferito la Cittadinanza Onoraria ad Alexian Santino Spinelli con la seguente motivazione:

Al Prof. Santino Spinelli – pietra miliare e portavoce nel mondo del Popolo Rom perché rappresenta la capacità di rivalsa di quanti sono stati e sono ancora discriminati a causa delle proprie origini; perché ha restituito, col suo esempio di vita e di esponente della cultura romanì, dignità spessore alla comunità Rom che si Onora di rappresentare; perché la nostra comunità Rom, da anni integrata nel tessuto sociale di questo Comune, con l'azione propositiva divulgativa del prof. Spinelli possa sempre più recuperare quel corpo di valori essenziale alla sopravvivenza di tutti i popoli

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • XXI Premio Flaiano (1994) per l'opera "Duj Furatte Mulo - Due volte Morto"
  • Premio"Mecenate della Cultura" per la sua fervida attività culturale conferitogli nell'edizione del Premio Histonium 1996
  • Premio della Critica quale miglior gruppo al Festival Khamoro 2001 (Praga - Rep. Ceca).
  • il 9 febbraio 2002 è stato insignito dall'Associazione onlus Microcosmo di Rho (Milano) del "Microcosmo d'Oro"
  • Premio “Ethnoworld Award 2003” presso l' Università Bocconi di Milano nell'ambito del Festival EtnoBocconi (17/11/03)
  • il “Premio Pigro 2003” -omaggio ad Ivan Graziani, riconoscimento conferitogli “Alla carriera” (21/11/03).
  • Premio Exposcuola 2006 per la Cultura
  • "Histonium d'Oro", Premio Histonium 2007
  • Premio Maratea 2012
  • Premio Nazionale Pratola 2012
  • Premio DOSTA 2013, conferito dall'UNAR -Ministero per le Pari Opportunità.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Prin©karang - Conosciamoci, incontro con la tradizione dei Rom Abruzzesi (Editrice Italica, Pescara 1994);
  • Baxtaló Divès (Collezione Interface, Centro di Ricerche zingare dell'Università di Parigi, Consiglio d'Europa, 2002);
  • Baro Romano Drom - la Lunga strada dei Rom, Sinti, Kalé, Manouches e Romanichals (Meltemi editore, Roma 2003).
  • Carovana Romanì (Partiture per Fisarmonica sola) (Ut orpheus, Bologna, 2010)
  • Carovana Romanì (Partiture per Ensamble) (Ut orpheus, Bologna, 2010)
  • Carovana Romanì (Partiture per Orchestra) (Ut orpheus, Bologna, 2010)
  • " Rom, Genti Libere" con prefazione di Moni Ovadia (Dalai Editore, Milano, 2012).
  • "Rom, questi sconosciuti" con prefazione di Moni Ovadia (Mimesis Edizioni, Milano, 2016).

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Gilì Romanì (Canto Rom), Lacio Drom (Roma 1988);
  • Romanipé (Identità romanì), Solfanelli (Chieti 1993);
  • ' O Romano Gi! (l'Anima Rom), Edizioni Romanì, Roma 2011;

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Iperfisa (City Record, Milano 1986);
  • Jilò Romanò/Speranza (City Record, Milano 1988);
  • Soft Jazz Fisa (City Record, Milano 1990);
  • Gilì Romanì (City Record, Milano 1991);
  • Gijem Gijem (Al Sur Mediaset, Francia 1996) (in allegato un libretto in italiano, inglese, francese, romaní su storia, musica e tradizioni del popolo Rom);
  • L'orizzonte e la memoria (Santarcangelo dei Teatri, 1999);
  • Putraddipé (Regione Abruzzo, Pescara 2000);
  • Tsigane (SonoDisc, 2000);
  • Dromos (Associazione Dromos, 2001);
  • Romano Drom - Carovana romaní (Ethnoworld, Milano 2002);
  • Mille Papaveri Rossi (Editrice A, 2003);
  • Khamoro (Studio Production SAGA);
  • Parovibbé/Metamorfosi (Ethnoworld, 2004);
  • So me sinom / Ciò che sono (Ethnoworld, 2004);
  • Tribù Italiche: Abruzzo (Edizioni EDT, World Music);
  • Sulla Memoria (Audiocoop);
  • Uno specchio per Alice (Colonna sonora, 2006)
  • Andrè mirò Romano Gi, viaggio nella mia anima Rom (Ass. Thèm Romanó e Provincia dell'Aquila);
  • Romano Thèm - Orizzonti Rom (CNI - Compagnia Nuove Indie, 2007)
  • Me pase ko Murdevele -Io ac-Canto a Dio" (CNI - Compagnia Nuove Indie, 2008)
  • CD Porrajmos, parole in musica di F. Parente, M. Parisini, L. Ricciardi ([2010)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La guerra degli Antò di Riccardo Milani (Cecchi Gori Film, 1999)
  • Storie Romane / Giravolte di Carola Spadoni (Boccoa Film, 2000)
  • Fiori di Campo, di Carlo Rota (2002),
  • Baro Romanò Drom, di Gioia Meloni (Rai 2003),
  • Uno specchio per Alice di Gianni Di Claudio (2006)
  • Il Giudizio Universale di Luca Kerstic (2006)
  • Il Diavolo inventò la vanga di Gianni Di Claudio (2007)
  • Porrajmos, parole in musica di F. Parente, M. Parisini, L. Ricciardi (2010)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Duj Furàt Mulò (Due volte morto), dramma teatrale (Drammateatro, Popoli 1995);
  • Diversamente…Orgia di Pier Paolo Pasolini, a cura di Sivio Sarta (2005).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elemosina, cerimonie, riti quotidiani. E per sopravvivere negano di essere zingari - di Antonio Castaldo, Corriere Della Sera

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN5128193 · LCCN: (ENn2004143439 · SBN: IT\ICCU\AQ1V\002509 · BNF: (FRcb13999199b (data)