Corrado di Baviera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da San Corrado di Baviera)
San Corrado il Guelfo
Saint-Conrad Cathédrale de Molfetta.jpg

Monaco ed eremita

Nascita Ravensburg 1105
Morte Modugno 1126
Venerato da Chiesa cattolica
Canonizzazione 6 aprile 1832
Santuario principale Chiesa di San Corrado, a Molfetta
Ricorrenza 9 febbraio e 17 marzo
Attributi bordone, cilicio, corona e scettro, modellino della chiesa di San Corrado di Molfetta
Patrono di Molfetta

Corrado il Guelfo, monaco ed eremita (Ravensburg, 1105Modugno, 17 marzo 1126), è stato un monaco cistercense ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le notizie principali sulla vita di Corrado si ricavano dall'Historia Welforum, testo di autore anonimo pubblicato attorno al 1170 sotto il patrocinio del duca di Spoleto Guelfo VI (fratello minore di Corrado) allo scopo di celebrare le gesta della famiglia dei Guelfi. Altri elementi sono desumibili da alcune epistole di san Bernardo di Chiaravalle, oltre che dai reperti archeologici esistenti presso il Santuario della Madonna della Grotta di Modugno (Ba) e dagli antichi testi liturgici della Diocesi di Molfetta.

Corrado fu il terzogenito di Enrico IX detto il Nero e di Wulfilde di Sassonia. La sua famiglia paterna era di origine italiana in quanto il nonno paterno di Corrado era Guelfo IV d'Este che acquisì il Ducato di Baviera dallo zio Guelfo III di Carinzia, morto senza eredi. Per parte di madre, Corrado discendeva da Magnus di Sassonia e Sofia di Ungheria. Enrico il Nero, sposando Wulfilde, ottenne numerosi possedimenti in Sassonia ai quali unì il Ducato di Baviera che acquisì nel 1120 a seguito della morte del fratello Guelfo V. Enrico divenne così uno dei principi più importanti di Germania. Alla famiglia dei Guelfi era appartenuto anche Corrado Vescovo di Costanza (900 c.a.- 975), che sarebbe stato canonizzato nel 1123. Si ipotizza che l'imposizione del nome "Corrado", volesse essere un omaggio al Vescovo di Costanza di cui, in quell'epoca, la famiglia caldeggiava la canonizzazione, anche in vista del destino del terzogenito di Enrico che, secondo le consuetudini, doveva essere la carriera ecclesiastica.

Corrado ebbe due fratelli: Enrico X detto l'Orgoglioso (che ereditò il ducato nel 1126 alla morte del padre) e Guelfo VI (duca di Spoleto), e quattro sorelle: Giuditta (madre dell'imperatore Federico Barbarossa), Sofia, Matilde e Wulfilde, oltre ad altri fratelli morti prematuramente.

Non essendo destinato a ereditare i possedimenti del padre a causa delle usanze previste dal maggiorascato, venne avviato giovinetto alla vita ecclesiastica. Studiò presso la scuola della Cattedrale di Colonia. Obiettivo della famiglia era probabilmente quello di farlo succedere sulla Cattedra Arcivescovile all'Arcivescovo Federico. A Colonia il giovane divenne chierico e si preparava ad accedere al sacerdozio distinguendosi per virtù e bontà d'animo, amato e giudicato degno di sommo onore dal clero e da tutto il popolo.

Desideroso di condurre una vita esemplarmente cristiana, Corrado si infervorò ascoltando la predicazione di Arnoldo, abate del monastero cistercense di Morimond (in Francia). Attratto dallo stile di vita dei monaci, senza il consenso della famiglia, il giovane abbandonò Colonia, le ricchezze e gli agi connessi al proprio rango, e divenne monaco presso Morimond abbracciando il severo stile di vita dei cistercensi.

In quel periodo il neonato Ordine Cistercense era in pieno sviluppo. Sorto nel 1098 ad opera di Roberto di Molesme all'interno della congregazione cluniacense, aveva come principio ispiratore il ritorno alla stretta osservanza della regola di san Benedetto da Norcia. Prima sede dell'ordine era stato il monastero di Citeaux (in latino Cistercium), al quale si unirono altri quattro monasteri detti abbazie primigenie: La Ferté (1113), Pontigny (1114)Morimond (1114) e Clairvaux (1115). Successivamente vennero fondati nuovi monasteri e affiliati alle abbazie preesistenti, e tanti giovani ne abbracciavano con entusiasmo la regola desiderando di vivere il Vangelo in maniera radicale. L'Abate Arnoldo di Morimond organizzò una spedizione in Terra Santa con l'obiettivo di fondarvi un monastero, suscitando però la disapprovazione di numerosi membri importanti dell'Ordine e della Chiesa, intimoriti dai rischi di una simile impresa e convinti della necessità di inviare in Terra Santa soldati pronti a combattere piuttosto che monaci in preghiera. Era infatti, quella, l'epoca delle crociate. Bernardo, abate di Chiaravalle (Clairvaux), si impegnò molto per ostacolare il progetto del confratello Arnoldo. Scrisse diverse epistole cercando l'appoggio di personaggi influenti dell'epoca allo scopo di ostacolare l'impresa che metteva in pericolo la vita del gruppo dei monaci e in cattiva luce la dignità dell'Ordine. In due di esse, destinate la prima al canonico Brunone dei conti di Berg e Altena, la seconda a papa Callisto II, Bernardo fa riferimento al coinvolgimento del principe Guelfo, evidenziando la necessità di bloccare l'iniziativa di Arnoldo per non attirare contro i cistercensi le antipatie del potente casato dei Guelfi giacché tra i giovani monaci unitisi a lui nel suo peregrinare vi era anche Corrado, "quel nobile giovinetto trascinato via da Colonia qualche anno addietro con grande scandalo".

Agli inizi del 1125 però l'abate Arnoldo morì improvvisamente e i monaci unitisi a lui, spaesati, fecero ritorno ai loro monasteri. Ma Corrado, desideroso di visitare la terra di Gesù Cristo, proseguì da solo il pellegrinaggio percorrendo l'Italia fino a Bari, trovando ospitalità presso una comunità di monaci benedettini residenti nell'agro di Modugno senza probabilmente raggiungere mai la destinazione prefissata.

A Modugno Corrado volle perfezionare la propria santità attraverso l'esperienza dell'eremitismo. Visse in penitenza il resto dei suoi giorni pregando, digiunando e riposando sulla roccia nuda all'interno di una grotta carsica, suscitando una forte impressione nella gente del posto, attratta dalla figura di questo giovane principe che, disprezzando le ricchezze mondane, aveva abbracciato una vita di sacricifi e stenti in una terra straniera.

Morì nell'inverno del 1126, poco più che ventenne, consumato dalla vita di penitenze, nel periodo stesso in cui morirono entrambi i genitori.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della chiesa di San Corrado a Molfetta.

Il corpo del santo venne, in un primo tempo, custodito nella stessa abbazia che divenne meta del pellegrinaggio di fedeli del santo, molti dei quali erano originari di Molfetta, paese che probabilmente ospitò il santo nel corso del pellegrinaggio verso la Terra Santa. Quando l'abbazia venne soppressa da Roberto d'Angiò e lasciata incostudita, i molfettesi decisero di trasportare nella propria città il corpo del santo. La data di quella traslazione, il 9 febbraio, viene celebrata ogni anno dai molfettesi. L'atto della traslazione delle spoglie mortali, secondo le consuetudini dell'epoca, sanciva la canonizzazione del servo di Dio che veniva di fatto riconosciuto ufficialmente Santo e Patrono della città.

In un primo tempo, il corpo venne sistemato in una cripta del duomo di Molfetta dedicato all'Assunta. Successivamente, a causa dell'umidità presente nella cripta, le reliquie vennero poste in una cappella costruita per lo scopo all'interno del duomo. Infine, il 10 luglio 1785, le ossa del santo vennero sistemate nella nuova cattedrale: il corpo venne sistemato sotto l'altare a lui dedicato e il teschio incastonato all'interno di un busto d'argento. In questa data avviene la festa patronale. Il vecchio Duomo, da quel momento, fu intitolato a San Corrado.

Ancora oggi, alcuni molfettesi si recano in pellegrinaggio a Modugno nel luogo dove il santo visse i suoi ultimi anni. A Modugno è custodita, nella chiesa Maria Santissima Annunziata, una reliquia del Santo.

Il suo culto fu confermato da papa Gregorio XVI, il quale procedette alla canonizzazione equipollente del venerato monaco il 6 aprile 1832. Il santo è commemorato il 9 febbraio (traslazione), il 17 marzo (dies natalis), la seconda domenica di luglio (traslazione nella nuova Cattedrale).

Dal Martirologio Romano: "A Modugno vicino a Bari in Puglia, beato Corrado, che condusse vita eremitica in Palestina, abitando fino alla morte in una misera grotta".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Samarelli, San Corrado Bavaro. Patrono della città di Molfetta. Nuovo contributo storico, Molfetta 1935.
  • Josef Maria Giovene, Vita Beati Conradi Bavari, Napoli 1836.
  • Francesco Pasquale Catachio, Notizie sulla vita, sul culto e sulle reliquie di San Conrado Bavaro, celeste protettore della città di Molfetta, Molfetta 1902;
  • Adolf Dietrich, Der selige Konrad von Bayern, in "Cistercienser-Chronik", XXVI (1914), pp. 33-41, 68-78, 104-109;

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN54958277 · GND: (DE119446820