Roberto Tortoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Tortoli

Sottosegretario di Stato del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare
Durata mandato 11 giugno 2001 –
17 maggio 2006
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Valerio Calzolaio
Successore Gianni Piatti

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 15 aprile 1994 –
14 marzo 2013
Legislature XII, XIII, XIV, XV, XVI
Gruppo
parlamentare
XII; XIII; XIV; XV:

Forza Italia

XVI: Il Popolo della Libertà (fino al 22/11/2012)

Gruppo Misto (dal 22/11/2012 al 17/12/2012)

Liberali per l'Italia-PLI (dal 17/12/2012 fino a fine legislatura)

Circoscrizione XII:

Abruzzo

XIII; XIV; XV; XVI: Toscana

Incarichi parlamentari
  • Vicepresidente della VIII Commissione (Ambiente, territorio e luoghi pubblici; dal 13 ottobre 2010 al 14 marzo 2013)

Dati generali
Partito politico FI (1994-2009)
PdL (2009-2013)
NCD (2013-2017)
Titolo di studio Laurea in economia e commercio
Professione Dirigente d'azienda

Roberto Tortoli (Roma, 10 maggio 1943) è un politico e dirigente d'azienda italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in economia e commercio, Tortoli dà inizio alla sua carriera politica candidandosi alla Camera dei deputati nel 1994 con Forza Italia, risultando eletto. Dal 2001 al 2006 è stato sottosegretario di Stato al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare nei governi Berlusconi II e Berlusconi III. Dal 22 maggio 2008 è vicepresidente della Commissione ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera della XVI legislatura.

Da sempre fedelissimo di Silvio Berlusconi, il 22 novembre 2012 esce dal Popolo della Libertà in pieno dissenso nei confronti della dirigenza composta da Denis Verdini, Daniela Santanchè e Ignazio La Russa, ritenuti la causa della deriva estremista del partito. Ma è soprattutto la presenza di Denis Verdini a fare allontanare Tortoli dal PdL. In quello stesso anno, lui e altri ex componenti del PdL fondano il gruppo parlamentare "Liberali per l'Italia-PLI" composta tutta da deputati quali Roberto Antonione, Giustina Destro, Fabio Gava, Luciano Mario Sardelli e Angelo Sartori. Nel novembre del 2013 aderisce al nascente Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano, nato dopo la scissione del PdL.

Condanne giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua candidatura, Tortoli fu inquisito e condannato in primo e secondo grado in un processo penale nell'ambito della vicenda "Variantopoli", in cui l'accusa fu quella di avere minacciato la non ricandidatura ai consiglieri comunali di Forza Italia se avessero approvato una variante al piano regolatore per costruire ad Arezzo una multisala cinematografica e un grosso centro commerciale. Per il suo intervento politico fu accusato del reato di estorsione. Il 10 aprile 2014 la Corte di Cassazione annulla sia la sentenza di Appello del Tribunale di Firenze che quella di primo grado del Tribunale di Arezzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]