Ripattoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ripattoni
frazione
Ripattoni – Veduta
La rupe di Ripattoni
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia di Teramo-Stemma.svg Teramo
ComuneBellante-Stemma.png Bellante
Territorio
Coordinate42°42′52″N 13°49′57″E / 42.714444°N 13.8325°E42.714444; 13.8325 (Ripattoni)Coordinate: 42°42′52″N 13°49′57″E / 42.714444°N 13.8325°E42.714444; 13.8325 (Ripattoni)
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale64020
Prefisso0861
Fuso orarioUTC+1
Patronosan Silvestro, san Giustino
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ripattoni
Ripattoni

Ripattoni è una frazione del comune di Bellante (provincia di Teramo).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Ripattoni (in alcuni documenti Ripattone) deriva da Ripa Actonis, ossia "La Rupe di Attone". Il termine rupe sta a indicare la posizione del borgo nei pressi di rupi a strapiombo; la parola Attone deriva da Attone di Todino, capostipite dei signori di Bellante.
Non si conosce la data di costruzione del paese. Si ipotizza che la costruzione di Ripattoni anticipi quella di Bellante grazie al fatto che la sua posizione a strapiombo favorisse la difesa. Nel torrione baronale si rinvengono tecniche costruttive che precedono l'anno 1000 intorno al quale si presume sia stato costruito Bellante. Antiche informazioni derivano dal documento chiamato Catalogus baronum.
Nel maggio 1286 Ripattoni fu incendiata nel corso della "guerra dei baroni teramani" contro le truppe di Carlo d'Angiò. I baroni erano guidati da Gualtieri junior di Bellante[1]. In quel momento Ripattoni era in possesso di Matteo di Canzano che non aveva aderito alla lega e che era rimasto fedele al francese. L'episodio dimostra che nel 1286 Ripattoni non era più in possesso dei signori di Bellante.

Rimasto per secoli sotto il dominio di diverse famiglie aristocratiche (principalmente i Duchi di Atri, della casata Acquaviva), nel periodo borbonico il paese venne eretto a comune; dopo l'Unità d'Italia, il Comune di Ripattoni fu soppresso ed il suo territorio, comprendente la frazione di S. Mauro, fu accorpato a Mosciano Sant'Angelo. Nel 1929 Ripattoni divenne frazione di Bellante; tra gli anni '70 e '80, infine, i nuovi quartieri sviluppati lungo la S. S. 80, fino ad allora noti come "Ripattoni Stazione", vennero denominati "Bellante Stazione".

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La Torre[modifica | modifica wikitesto]

La Torre di Ripattoni

Il monumento più caratteristico del paese, visibile anche a diversi chilometri di distanza, è la grande Torre a pianta quadrangolare, in pietre e laterizi, ancora imponente, nonostante la totale scomparsa dei merli che presumibilmente la coronavano. Una torre molto più piccola, a pianta circolare, realizzata con ciottoli e apparentemente più antica, si trova nella parte bassa del borgo, sul versante meridionale, ed è nota come "il torrione"; nella stessa area è visibile un lacerto di muro con una apertura ad arco, forse un'antica porta della scomparsa cinta muraria.

Chiesa di San Silvestro e San Giustino[modifica | modifica wikitesto]

Ai piedi della torre maggiore, si trova la chiesa di S. Silvestro e S. Giustino. Si tratta di un edificio risalente agli anni 1882-1883, costruito in sostituzione di una chiesa più antica, sempre col titolo di San Silvestro, che sorgeva qualche metro più a ovest, verso il dirupo, e di cui rimangono una acquasantiera ed un capitello medievali in pietra scolpita, entrambi inglobati nel tempio attuale, riutilizzati rispettivamente come fonte battesimale e acquasantiera. Anche un grande quadro della Madonna del Rosario, con i santi Domenico, Caterina, Silvestro (quest'ultimo raffigurato con il paese di Ripattoni tra le braccia, ed il cartiglio "S. Silvester P. Ripactonis Patronus"), recante la data 1756 (che però è forse l'anno di un rimaneggiamento) e appartenente alla vecchia chiesa, è oggi custodito nell'edificio ottocentesco. Quest'ultimo è a navata unica, con soffitto a volta ribassata; degli altari laterali, demoliti, restano le nicchie con alcune statue di santi, mentre sono integralmente conservati gli affreschi degli anni '30: il catino absidale è decorato da immagini del Cristo e dello Spirito Santo fra gli angeli, la volta della navata ha un dipinto, recante la firma del pittore teramano Ugo Sforza e la data 1937, con un santo vescovo, presumibilmente Giustino, che veglia su Ripattoni dal cielo.

Palazzo Saliceti[modifica | modifica wikitesto]

Altro edificio di rilievo è Palazzo Saliceti, che apparteneva in realtà alla famiglia di Maria Giuseppina Ippoliti, madre del patriota Aurelio Saliceti. Nel piano terra del Palazzo, attualmente riaperto e reso agibile alcuni anni dopo il terremoto del 2009, si trova il piccolo Teatro comunale; ai piani superiori, un tempo adibiti a scuola elementare, rimangono alcuni saloni affrescati con scene mitologiche e allegoriche, chiusi però da decenni.

Chiesa di Santa Maria in Herulis[modifica | modifica wikitesto]

Interno della chiesa di Santa Maria in Herulis

A circa un chilometro dal paese, sorge la chiesa parrocchiale di Santa Maria in Herulis: fondata probabilmente in età altomedievale, fu riedificata e rimaneggiata nei secoli seguenti. La parete destra della sacrestia conserva una porzione dell'edificio pre-romanico, con una monofora strombata, mentre all'esterno della parete sinistra è collocata una mattonella con la data 1693, anno di un probabile restauro. Nei muri della navata sono inseriti materiali probabilmente recuperati dalle rovine di una villa romana preesistente, come i blocchi di opus spicatum sul fianco sinistro dell'edificio. All'interno, a navata unica, con copertura a capriate dipinte con motivi geometrici, si trovano affreschi e stucchi di varie epoche: nella zona a destra del presbiterio sono visibili i resti di pitture del primo Quattrocento[2] (gli Evangelisti, un trittico della Vergine tra una santa martire e sant'Eligio, due figure di santi); nel grande spazio sopra l'arco trionfale campeggiano affreschi, di periodi differenti (forse a causa di rifacimenti e restauri, ma ascrivibili in linea di massima all'età rinascimentale e barocca), ripartiti in tre riquadri, con gli Apostoli nei pannelli laterali, la Trinità in quello centrale, assieme alla Vergine e s. Giovanni evangelista; tra un riquadro e l'altro, sono raffigurati due angeli con candele ed uno con un incensiere. Sulla parete destra, un affresco votivo, forse seicentesco, raffigurante l'Arcangelo Raffaele, e un altro, sempre del sec. XVI-XVII, ma ridotto oramai ad un frammento, rappresentante la Pietà, che un tempo sovrastava un altare laterale oggi scomparso. Notevole il polittico in muratura che funge da pala all'Altare maggiore, e al cui centro si trova la nicchia con la trecentesca statua della Madonna col Bambino, opera di scuola umbra con influssi francesi.[3] La scultura venne trafugata nel 1979, e recuperata nel 1986. Furono rubati anche degli arredi sacri, mai ritrovati, tra cui un grande quadro della Madonna del Carmine, che si trovava sul seicentesco altare laterale di sinistra. Sfortunatamente distrutti, in seguito ai pesanti interventi degli anni '50, la cantoria in legno, un tempo situata sopra l'ingresso principale e corredata di organo a canne del quale si sono ugualmente perse le tracce, e il portale in pietra, con lunetta affrescata, descritto da Vincenzo Balzano[4]. Da notare che, pur trovandosi fuori dal paese, S. Maria risulta chiesa parrocchiale di Ripattoni già in un documento del 27 dicembre 1485, anche se per comodità i Sacramenti erano amministrati nella chiesa di S. Silvestro.[5]

Particolare dell'opera "The Wall". Museo ToKe.
  1. ^ Ingeborg Walter, Gualtieri di Bellante in Dizionario Biografico degli Italiani (1970), vol. 7.
  2. ^ Cristiana Pasqualetti, Affreschi del Maestro del Giudizio di Loreto Aprutino. Chiesa di Santa Maria de Erulis, Ripattoni, in Teramo e la valle del Tordino (Documenti dell'Abruzzo Teramano, vol. VII.1-2), Teramo, Fondazione Tercas, 2006, pp. 461-62.
  3. ^ Elisa Amorosi, Madonna con il Bambino. Ex chiesa di Santa Maria de Erulis. Ripattoni, in Teramo e la valle del Tordino (Documenti dell'Abruzzo Teramano, vol. VII.1-2), Teramo, Fondazione Tercas, 2006, pp. 400-410.
  4. ^ Vincenzo Balzano, Gli affreschi di S. Maria de Erulis in Ripattoni, in "Rivista Abruzzese di scienze, lettere ed arti", fasc. I, 1908, pp. 49-56.
  5. ^ N. Palma, Storia ecclesiastica e civile della regione più settentrionale del Regno di Napoli, detta dagli antichi Praetutium, ne' bassi tempi Aprutium, oggi Città di Teramo e Diocesi Aprutina, 1832-36; vol. IV, p. 148.

Casa mosaicata con museo di santini, pittura contemporanea e mosaici artistici (Museo ToKe)[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Di Girolamo, Bellante. Storia, immagini, uomini e leggende, Comune di Bellante, Tip. Media, Mosciano Sant'Angelo, febbraio 2006, pp. 71–74;
  • Nicola Palma, Storia ecclesiastica e civile della regione più settentrionale del Regno di Napoli, detta dagli antichi Praetutium, ne' bassi tempi Aprutium, oggi Città di Teramo e Diocesi Aprutina, 1832-36.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo