Rinaldo Santini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rinaldo Santini
Santini e Pertini.jpg
Il Presidente della Camera dei deputati Sandro Pertini riceve il sindaco di Roma Rinaldo Santini (5 dicembre 1968).

Presidente della Regione Lazio
Durata mandato 23 ottobre 1973 –
22 settembre 1975
Predecessore Luigi Cipriani
Successore Roberto Palleschi

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana

Rinaldo Santini (Roma, 27 dicembre 1914Roma, 6 luglio 2013) è stato un politico italiano, laureato in economia, sindaco democristiano di Roma dal 1967 al 1969, Presidente della Regione Lazio dal 1973 al 1975.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente dal sindacato, Rinaldo Santini ha ricoperto il ruolo di segretario della Camera del lavoro di Roma (nella CGIL unitaria); il 30 aprile 1950 è tra i fondatori della CISL, al Teatro Adriano.

Nel 1952 è eletto consigliere comunale e consigliere provinciale per la Democrazia Cristiana. Nel 1956 e nel 1960 è nuovamente consigliere comunale e assume l'incarico di assessore nelle giunte guidate da Umberto Tupini[1] e da Urbano Cioccetti. È ancora Assessore al Bilancio nella Giunta Della Porta (1962-64) e Assessore all'Urbanistica e all'edilizia privata nella Giunta Petrucci (1964-67)[2].

Alla fine del 1967 Amerigo Petrucci tenta il grande salto alla Camera dei deputati e, in previsione delle elezioni politiche del 1968, si dimette da Sindaco, indicando quale successore il suo Assessore all'Urbanistica. Il 29 dicembre 1967, Rinaldo Santini è eletto Sindaco dal Consiglio comunale e, fedele al suo predecessore e capo-corrente Petrucci, nomina quest'ultimo Assessore al Bilancio in una giunta nuovamente di centro-sinistra.

Durante l'amministrazione Santini sono attuate le prime isole pedonali ed alcuni itinerari preferenziali per i mezzi pubblici[3]. Il successivo arresto di Amerigo Petrucci per la vicenda legata alla gestione dell'OMNI, mette in difficoltà la Giunta Santini che, per l'approvazione del Bilancio in Consiglio comunale deve ricorrere al voto di un consigliere monarchico e all'astensione di uno del MSI. Non passa un anno che le dimissioni di tre assessori democristiani, e le dichiarazioni del consigliere DC Mauro Bubbico, costringono Santini a rassegnare le proprie dimissioni da Sindaco[4] (6 maggio 1969).

Unico tra i Sindaci di Roma, Santini è stato anche Presidente della Regione Lazio, nella prima legislatura regionale, nuovamente alla guida di una giunta di centro-sinistra, dal 24 ottobre 1973 alle elezioni amministrative del 1975.

Nel febbraio 1978 fu rinviato a giudizio, per interesse privato in atti d'ufficio in concorso con l'assessore Antonio Pala ed altri[5]per il rilascio, nel 1969, delle licenze di costruzione alla Magliana, nonostante che le aree fossero a sette metri sotto il livello del Tevere[6]. Fu poi assolto con formula piena.

Al di fuori della carriera politica e sindacale, Rinaldo Santini è stato primo referendario della Corte dei Conti. Profondo conoscitore della cultura romana, nel 1968 è stato ammesso nel "Gruppo dei romanisti"[7] ed ha scritto diversi articoli sulla “Strenna dei romanisti”.

È morto il 6 luglio 2013 all'età di 98 anni.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gianfranco Berardi, Storia del malgoverno democristiano a Roma, in: L'Unità, aprile 1976
  2. ^ Gianfranco Berardi, cit.
  3. ^ Gianfranco Berardi, cit.
  4. ^ Gianfranco Berardi, cit.
  5. ^ L'Unità, 4 febbraio 1978
  6. ^ L'Unità, 19 maggio 1985
  7. ^ Il gruppo dei Romanisti
  8. ^ Morto Rinaldo Santini, ex sindaco di Roma dal 1967 al '69: aveva 98 anni

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Interpretazioni di Roma. Contraddizioni urbanistiche e sociali nella “capitale del capitale”, anno I, n. 3, maggio/giugno 1978
  • Alberto Caracciolo, I Sindaci di Roma, Roma, Donzelli, 1993.
  • Italo Insolera, Roma moderna: un secolo di storia urbanistica, Torino, Einaudi, 1983.
  • Grazia Pagnotta, All'ombra del Campidoglio: Sindaci e giunte di Roma dal dopoguerra al 1993, Roma, Il Manifesto, 1993.
  • Grazia Pagnotta, Sindaci a Roma: il governo della capitale dal dopoguerra a oggi, Roma, Donzelli, 2006.
  • Rinaldo Santini, Lotta o collaborazione di classe? La questione sindacale, Roma, Pia Società S. Paolo, 1945.
  • Rinaldo Santini, La politica come servizio, a cura di Paolo Cremonesi, Roma, Pieraldo, 1996.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 dicembre 1989

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di Roma Successore Roma-Stemma.png
Amerigo Petrucci 1967 - 1969 Clelio Darida
Predecessore Presidente della Regione Lazio Successore Lazio-Stemma.png
Luigi Cipriani 1973 - 1975 Roberto Palleschi