Bruno Landi (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bruno Landi
Bruno Landi.jpg

Presidente della Regione Lazio
Durata mandato 24 marzo 1983 –
18 aprile 1984
Predecessore Giulio Santarelli
Successore Gabriele Panizzi

Durata mandato 17 maggio 1987 –
27 luglio 1990
Predecessore Sebastiano Montali
Successore Rodolfo Gigli

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XI
Gruppo
parlamentare
PSI
Coalizione Pentapartito
Circoscrizione XV - Lazio 1
Collegio Roma
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Italiano
Titolo di studio Laurea in giurispudenza
Professione docente universitario

Bruno Landi (Capalbio, 19 settembre 1939) è un politico italiano.

Già due volte Presidente del Lazio, consigliere regionale e deputato alla Camera nell'XI legislatura per il Partito Socialista Italiano, ha successivamente aderito al Nuovo PSI[1].

Viene arrestato il 9 gennaio 2014, insieme con il proprietario dell'area della discarica di Malagrotta Manlio Cerroni, con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico di rifiuti.[2]

Viene assolto nel novembre 2018.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]