Restaurazionismo in Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Restaurazionismo in Italia include le comunità sul territorio italiano di quelle confessioni religiose sorte nel XIX secolo che non possono essere considerate protestanti o evangeliche né desiderano essere considerate tali: Mormoni, neo-apostolici,[1][2] Testimoni di Geova e unitariani[senza fonte] (anche se il CESNUR inserisce gli unitariani piuttosto tra le Chiese di matrice protestante radicale[3]), [4].

Tali denominazioni non vengono considerate cristiane dalla chiesa cattolica, ortodossa e protestante in quanto non riconoscono il dogma della Trinità, considerato da questi un credo non sostenuto dalla Bibbia[5] e di conseguenza non si riconoscono nelle confessioni di fede, comuni a cattolici, ortodossi, protestanti o tantomeno evangelici[6].

Gruppi principali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Restaurazionismo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ da non confondere con altre denominazioni definite "apostoliche" come carismatici e pentecostali
  2. ^ CESNUR, Per una definizione di "corrente restaurazionista"
  3. ^ CESNUR: Il protestantesimo radicale
  4. ^ Giorgio Bouchard, Chiese e movimenti evangelici del nostro tempo, Torino, Claudiana, 2006, ISBN 978-88-7016-670-5, p.171
  5. ^ Per essere cristiani bisogna credere nella Trinità?, su jw.org. URL consultato il 31 luglio 2017.
  6. ^ Fulvio Ferrario e Pawel Gajewski, Il protestantesimo contemporaneo. Storia e attualità, Roma, Carocci, 2007, pp. 73-74.