Renzo Lusetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renzo Lusetti

Segretario della Camera dei Deputati
Durata mandato 8 maggio 2008 –
20 marzo 2013
Presidente Gianfranco Fini

Durata mandato 7 giugno 2006 –
8 maggio 2008
Presidente Fausto Bertinotti

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature X, XI, XIV, XV, XVI Legislatura
Gruppo
parlamentare
Unione di Centro
Coalizione Unione di Centro
Circoscrizione - Benevento-Avellino-Salerno (X Legislatura)

- Marche (XIV e XV legislatura)
- Lombardia 2 (XVI Legislatura)

Collegio - Pesaro (XIV Legislatura)
Incarichi parlamentari
  • Segretario di Presidenza;
  • Componente - I Commissione (Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni);
  • Componente - Comitato per la comunicazione l'informazione esterna
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Unione di Centro
Titolo di studio Laurea in Scienze Politiche
Professione Dirigente Azienda Privata

Renzo Lusetti (Castelnovo di Sotto, 4 settembre 1958) è un politico italiano.

Laureato in scienze politiche, è stato dirigente d'azienda.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera politica nella Democrazia Cristiana come segretario nazionale del Movimento Giovanile della Democrazia Cristiana dal 1984 al 1987. Nel 1987, a soli 28 anni, entra in Parlamento, eletto nella Dc, di cui sarà deputato nella X e XI Legislatura. Alla dissoluzione del partito, entra a far parte del Partito Popolare Italiano.

Dal 1994 al 1997 è assessore al personale del Comune di Roma nella giunta guidata da Francesco Rutelli.

Nel dicembre 1999 si dimette da responsabile degli Enti locali del PPI ed approda nella Margherita-Democrazia è Libertà (2001) con il ruolo di vice capogruppo alla Camera. Contribuisce, come dirigente nazionale della Margherita, alla costituzione del Partito Democratico.

Eletto nella XV Legislatura con L'Ulivo (riconfermando l'incarico avuto nella XIV Legislatura, quando era stato eletto con la Margherita-Democrazia è Libertà), il 4 maggio 2006 è nominato Segretario di Presidenza della Camera dei deputati.

Nella XVI Legislatura è rieletto alla Camera dei deputati nelle liste del PD, circoscrizione Lombardia 2, è nominato Segretario di Presidenza della Camera dei deputati. Nel gennaio 2010[1][2] abbandona il Partito Democratico e si iscrive al gruppo parlamentare dell'Unione di Centro (UDC).

Il 15 gennaio 2013 annuncia intervistato su TGcom24 di non candidarsi alle prossime elezioni politiche, lasciando il ruolo di parlamentare che ha ricoperto per più di 3 legislature.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Ha presentato come primo firmatario le seguenti proposte di legge:

  • Disposizioni a sostegno del settore musicale ( 553 )
  • Nuova regolamentazione delle attività di informazione scientifica farmaceutica e istituzione dell'albo degli informatori scientifici del farmaco ( 554 )
  • Disciplina della professione di ottico-optometrista ( 555 )
  • Disciplina dell'attività di intermediazione sulla pubblicità a garanzia della trasparenza tra le imprese ( 556 )
  • Disposizioni per contrastare la pratica dell'invio di messaggi elettronici commerciali indesiderati ( 557 )
  • Disposizioni per la prevenzione e il controllo delle infezioni da legionella ( 558 )
  • Concessione di benefìci previdenziali al personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco esposto all'amianto ( 559 )
  • Disposizioni in materia di tutela dei diritti della famiglia e istituzione dell'Autorità garante della famiglia ( 560 )
  • Disposizioni per l'attivazione di politiche in favore dei giovani ( 561 )
  • Norme in materia di pluralismo informatico e di incentivazione allo sviluppo di formati open standard ( 562 )
  • Modifica all'articolo 72 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, in materia di dispositivi di sicurezza contro gli incendi automobilistici ( 563 )
  • Soppressione della Consulta araldica in attuazione della XIV disposizione finale della Costituzione ( 564 )
  • Disposizioni in materia di protezione contro le scariche atmosferiche ( 565 )
    Nel gennaio 2011 ha lanciato insieme a Enzo Carra l'associazione "Visioni Contemporanee" al fine di promuovere la tutela e la valorizzazione dei beni ambientali, artistici e culturali e intraprendere iniziative di solidarietà mirate all'inserimento sociale di categorie disagiate. L'associazione, presente in tutta Italia, condivide con l'Udc l'esigenza di rinnovamento della politica italiana e partecipa come soggetto costituente alla nascita del Partito della Nazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Meli Maria Teresa, Carra: lascio il partito e vado con Casini, Corriere della Sera, p. 15, 14.01.2010
  2. ^ PD: Carra e Lusetti, progetto mai decollato passiamo all'UDC, Adnkronos, 14.01.2010

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90179913 · SBN: IT\ICCU\CFIV\134963 · ISNI: (EN0000 0004 1963 7036