Legislature della Repubblica Italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nell'ordinamento costituzionale italiano, viene chiamata legislatura il periodo in cui rimangono in carica gli eletti alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica in seguito alle elezioni politiche.

Secondo l'articolo 61, secondo comma, della Costituzione della Repubblica, «finché non si siano riunite le nuove Camere sono prorogati i poteri delle precedenti», pertanto una legislatura si conclude il giorno stesso della riunione delle nuove Camere.

Per effetto degli scioglimenti anticipati delle Camere (verificatosi finora per nove legislature, la cui durata è stata inferiore ai cinque anni attualmente previsti dalla Costituzione), che pongono termine alle relative legislature, la durata media delle prime 18 legislature è stata di 50 mesi (cioè 4 anni e 2 mesi) anziché di 60 (cioè 5 anni). Dal punto di vista cronologico, le date di svolgimento delle elezioni legislative (comprese quelle dell'Assemblea Costituente) dal 1948 al 2018 sono state fissate in un periodo che va da fine febbraio a fine giugno, quindi sempre nella prima metà dell'anno; la prima — e finora unica — eccezione è offerta dalle elezioni politiche anticipate del 2022.

Va osservato che, fino alla revisione del 1963,[1] la legislatura della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica avevano costituzionalmente durate diverse (rispettivamente cinque e sei anni), ma nei fatti nel 1953 e nel 1958 si provvide a scogliere anticipatamente il Senato in occasione della scadenza della Camera, al fine di procedere ad un'unica tornata elettorale di rinnovo di entrambi i rami del Parlamento, rendendo così allineati i termini della I e della II legislatura di entrambe le Camere. A seguito della riforma costituzionale, le due Camere hanno durata uguale.

Elenco[modifica | modifica wikitesto]

Legislatura Elezioni Inizio Fine Durata (giorni) Durata (anni) Numero di governi Numero di Presidenti del Consiglio Governi con un Presidente del Consiglio uguale al precedente[2]
Assemblea Costituente 2-3 giugno 1946 25 giugno 1946 31 gennaio 1948 586 2 3 1 2
I 18-19 aprile 1948 8 maggio 1948 24 giugno 1953 1874 5 3 1 2
II 7-8 giugno 1953 25 giugno 1953 11 giugno 1958 1813 5 6 6
III 25-26 maggio 1958 12 giugno 1958 15 maggio 1963 1799 5 5 3 1
IV 28-29 aprile 1963 16 maggio 1963 4 giugno 1968 1847 5 4 2 2
V 19-20 maggio 1968 5 giugno 1968 24 maggio 1972 1450 4 6 4 3
VI 7-8 maggio 1972 25 maggio 1972 4 luglio 1976 1502 4 5 3 2
VII 20-21 giugno 1976 5 luglio 1976 19 giugno 1979 1080 3 3 1 2
VIII 3-4 giugno 1979 20 giugno 1979 11 luglio 1983 1483 4 6 4 2
IX 26-27 giugno 1983 12 luglio 1983 1º luglio 1987 1451 4 3 2 1
X 14-15 giugno 1987 2 luglio 1987 22 aprile 1992 1757 5 4 3 1
XI 5-6 aprile 1992 23 aprile 1992 14 aprile 1994 722 2 2 2
XII 27-28 marzo 1994 15 aprile 1994 8 maggio 1996 755 2 2 2
XIII 21 aprile 1996 9 maggio 1996 29 maggio 2001 1847 5 4 3 1
XIV 13 maggio 2001 30 maggio 2001 27 aprile 2006 1794 5 2 1 1
XV 9-10 aprile 2006 28 aprile 2006 28 aprile 2008 732 2 1 1
XVI 13-14 aprile 2008 29 aprile 2008 14 marzo 2013 1781 5 2 2
XVII 24-25 febbraio 2013 15 marzo 2013 22 marzo 2018 1834 5 3 3
XVIII 4 marzo 2018 23 marzo 2018 in corso 1602[3] 4[3] 3[3] 2[3] 1[3]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Graziano Galassi. La Costituzione e le vicende politico-istituzionali italiane dal 1946 al 1994.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ art. 3 della Legge costituzionale 9 febbraio 1963, n. 2
  2. ^ È il numero di governi che hanno visto il Presidente del Consiglio essere lo stesso di un precedente esecutivo nella medesima legislatura.
  3. ^ a b c d e Dato aggiornato al 11 agosto 2022.
  4. ^ Disponibile nei collegamenti esterni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]