Renato Corsetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renato Corsetti (2016)

Renato Corsetti (Roma, 29 marzo 1941) è un linguista ed esperantista italiano.

Nel Congresso italiano di esperanto del 2007 è stato eletto presidente della Federazione esperantista italiana.

Note biografiche[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi universitari nel campo dell'economia e della linguistica, Corsetti ha lavorato a lungo come direttore di banca. Negli anni 1990 è divenuto assistente, e successivamente professore, presso la facoltà di Psicopedagogia delle Lingue e Comunicazione dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

Attualmente vive in Italia con la moglie (anch'essa esperantista) Anna Löwenstein e due figli, entrambi esperantofoni madrelingua.

Esperanto[modifica | modifica wikitesto]

Corsetti ha iniziato lo studio dell'esperanto negli anni 1960; ha ricoperto numerose cariche in vari organismi esperantisti, come l'UEA (Associazione universale esperanto) (2001-2007), la TEJO (Gioventù esperantista mondiale) (1970-1973) e la FEI (Federazione esperantista italiana). Corsetti è professore dell'AIS (Accademia internazionale delle scienze San Marino) nonché membro dell'Akademio de Esperanto.

Ideologicamente, sostiene le correnti di pensiero secondo cui il movimento esperantista può contribuire fattivamente a migliorare la condizione umana, e non solamente per fornire un mezzo di comunicazione suppletiva ai suoi membri (cfr. finvenkismo, raumismo).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Renato Corsetti ha scritto varie opere in esperanto ed italiano riguardo alla politica linguistica, all'esperanto, al bilinguismo infantile ed alla psicopedagogia della lingua e la comunicazione.

Ha revisionato il dizionario esperanto-italiano di Umberto Broccatelli del 1984[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Umberto Broccatelli, Vocabolario Esperanto-Italiano, 2ª ed., Milano, CoEdEs, 1994 [1984], ISBN 88-85872-06-9

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Gobbo (a cura di), Lingua, politica, cultura. Serta gratulatoria in honorem Renato Corsetti, New York, Mondial, 2016, ISBN 978-1595693259[1]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente dell'UEA Successore Flag of Esperanto.svg
Keppel Enderby 2001 - 2007 Probal Dasgupta
Controllo di autorità VIAF: (EN122293157 · LCCN: (ENnb2016000674 · ISNI: (EN0000 0001 1702 4234 · GND: (DE140874283
  1. ^ Recensione di Nicola Minnaja, L'Esperanto, Anno 94 N.S. 2, Numero 1, gennaio-marzo 2017, pp. 29-30