Portale:Esperanto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flag of Esperanto cropped.png
Benvenuto nel Portale:Esperanto di it.wiki!

Questo portale raccoglie le voci di Wikipedia relative alla lingua esperanto.
Vuoi collaborare anche tu? Visita il Progetto:Esperanto.

Ludwik Lejzer Zamenhof, l'iniziatore dell'esperanto.

L'esperanto è una lingua artificiale sviluppata tra il 1872 e il 1887 dall'oftalmologo polacco Ludwik Lejzer Zamenhof, ed è di gran lunga la più conosciuta e utilizzata tra le lingue ausiliarie internazionali esistenti.

Presentata nell'Unua Libro (Varsavia, 1887) come lingvo internacia ("lingua internazionale"), prese in seguito il nome esperanto ("colui che spera"), dallo pseudonimo Doktoro Esperanto utilizzato dal suo creatore.

Le regole della grammatica dell'esperanto sono state scelte da quelle di varie lingue studiate da Zamenhof, affinché fossero semplici da imparare ma nel contempo potessero dare a questa lingua la stessa espressività di una lingua naturale; esse non prevedono eccezioni. Anche i vocaboli derivano da idiomi preesistenti, alcuni (specie quelli introdotti di recente) da lingue non indoeuropee come il giapponese, ma in gran parte da latino, lingue romanze (in particolare italiano e francese), lingue germaniche (tedesco e inglese) e lingue slave (russo e polacco).

Leggi la voce...

Calendario esperantista (modifica)


La voce del mese: "Tutmonda Esperantista Junulara Organizo" (settembre 2015)

La Tutmonda Esperantista Junulara Organizo, o più brevemente TEJO (Organizzazione Mondiale della Gioventù Esperantista, in lingua esperanto) è un'associazione esperantista che coordina a livello mondiale le diverse associazioni giovanili attive nei singoli paesi. Il suo proposito è quello di raggruppare giovani di tutto il mondo accomunati dalla conoscenza della lingua esperanto.

La sua fondazione, sotto il nome di Tutmonda Junular-Organizo (Organizzazione Mondiale della Gioventù), risale al 1938; il nome attuale fu scelto nel 1952. Pochi anni dopo, nel 1956, la TEJO assunse l'attuale status di sezione giovanile della Associazione Universale Esperanto; l'integrazione completa delle due organizzazioni, dal punto di vista finanziario e amministrativo, terminò nel 1971.

Leggi la voce...

Storia

L. L. Zamenhof · Protoesperanto · Unua Libro · Dichiarazione di Boulogne · Fundamento · Finvenkismo · Raumismo · Manifesto di Praga

Rapporti con organizzazioni

Esperanto e Chiesa cattolica · Esperanto e Organizzazione delle Nazioni Unite · Esperanto ed Unione europea

Grammatica

Alfabeto · Fonologia · 16 regole · Lessico · Akademio de Esperanto

Cultura

Cinema · Letteratura · Linguaggio internazionale dei segni dall'esperanto · Musica · Pubblicazioni · Simboli · Internacia Televido

 

La ricca libreria di opere letterarie in lingua esperanto messa a disposizione dei congressisti durante il Congresso Universale di Esperanto del 2008, a Rotterdam, nei Paesi Bassi.

Il lessico del mese:

Cinema (kino)[modifica]

Un proverbio a caso

«

Ĉio transmara
estas ĉarma kaj kara.

»

Ludwik Zamenhof, Proverbaro Esperanta


Letteralmente, "tutto ciò che si trova oltremare è attraente e gradito". Equivale all'italiano "l'erba del vicino è sempre più verde".

(modifica) 

(modifica) 

(modifica) 


Navigazione per categorie

Le voci più recenti (modifica)

  1. Sennacieca Asocio Tutmonda
  2. TEVA
  3. Arcaicam Esperantom
  4. Enrico Dondi
  5. Scisma del movimento esperantista
  6. Ĝeneva UEA
  7. Internacia Esperanto-Ligo
  8. Louis Bastien
  9. Karl Max Liniger
  10. Hans Hermann Kürsteiner
  11. Dolchamar
  12. Roman Dobrzyński
  13. René de Saussure
  14. Rivista esperantista
  15. Vortaro de Esperanto
  16. Árni Böðvarsson
  17. Eugen Wüster
  18. Infoterm
  19. Vilho Väisälä
  20. Kalle Väisälä
  21. Yrjö Väisälä
  22. Junulara E-Semajno
  23. Itala Kongreso de Esperanto
  24. Ĉeĥa Esperanto-Junularo
  25. Bertilo Wennergren
  26. Victor Sadler
  27. Akademio Literatura de Esperanto
  28. Montagu Christie Butler
  29. Lessico dell'esperanto
  30. Biblioteche di esperanto

Le voci richieste (modifica) Progetto:Esperanto/DaFare