Prunus mahaleb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ciliegio canino
Prunus mahaleb2.jpg
Prunus mahaleb
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Rosales
Famiglia Rosaceae
Genere Prunus
Specie P. mahaleb
Nomenclatura binomiale
Prunus mahaleb
L., 1753

Il ciliegio canino (Prunus mahaleb L., 1753), noto anche come ciliegio di Santa Lucia, è un albero da frutto appartenente alla famiglia delle Rosacee.[1]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Diffuso in Europa meridionale spingendosi fino alle regioni del sud Italia,[2] cresce spontaneo dal livello del mare a circa 800 m d'altezza, spingendosi in Sicilia ad altitudini maggiori.[3]

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Il ciliegio canino riveste una certa importanza a livello industriale. Benché il frutto non sia edibile per il sapore sgradevole, la specie ha interesse per le essenze che se ne ricavano, grazie alla presenza di cumarina in ogni parte della pianta.[3] Dai semi macinati si ricava il mahleb, spezia aromatica utilizzata nel settore dolciario. È inoltre utilizzato nel settore profumiero, nella confezione di essenze di frutta e profumi, e per le caratteristiche del legno, per quelle aromatizzanti nella fabbricazione delle pipe, e per la durezza e resistenza si rivela adatto a lavori di tornitura e nella fabbricazione di giocattoli. Inoltre la pianta selvatica viene solitamente impiegata come portainnesto per varietà di ciliegi da frutto[3], mentre grazie alla sua massiccia fioritura è visitato dalle api che ne ricavano un miele monofloreale pregiato in apicoltura[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Prunus mahaleb L., su The Plant List.org. URL consultato il 5 dicembre 2019.
  2. ^ Pignatti 2017, p. 618.
  3. ^ a b c Prunus mahaleb L., su dryades.units.it. URL consultato il 5 dicembre 2019.
  4. ^ Prunus mahaleb L., su fungoceva.it. URL consultato il 5 dicembre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Volume 1, Il Sole 24 Ore Edagricole, 2017, ISBN 9788850652426.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]