Pattinaggio artistico a rotelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Attrezzo base del pattinaggio artistico è il pattino tradizionale a quattro ruote (quad). I pattini sono obbligatoriamente provvisti di puntali.

Il pattinaggio artistico a rotelle è uno sport individuale, di coppia e di gruppo. Presenta varie analogie con quello sul ghiaccio, anche se la presenza e la posizione delle quattro ruote crea inevitabili differenze nell'apprendimento e nell'esecuzione delle difficoltà tecniche.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del pattinaggio risale probabilmente ai pattini per il pattinaggio su ghiaccio, diffusisi nel Cinquecento nei Paesi Bassi per potersi spostare più facilmente lungo le distese ghiacciate che ricoprivano ampi spazi.

Incerta è invece l'origine dei pattini a rotelle. La prima apparizione storicamente documentata risale al 1743, in occasione di uno spettacolo al teatro Drury Lane di Londra[1], ma non si sono conservate notizie sul loro inventore.

In seguito vennero sperimentate molte varianti di pattini a rotelle — a due, tre e quattro ruote — ma tutti piuttosto pesanti, rozzi e con scarsa manovrabilità. Occorrerà attendere il 1863 per l'invenzione e il brevetto[2] dei pattini a rotelle a quattro ruote disposte come su quelli attuali e dotati di sterzi capaci di indirizzarli su traiettorie curve attraverso la pressione laterale del piede. James Leonard Plimpton continuerà a perfezionare l'attrezzo con altri brevetti del 1866 e 1908, facendo arrivare i pattini a rotelle ad una forma e tecnologia analoghe a quelle odierne, con la differenza che oggi si utilizzano anche leghe leggere. Nonostante questo i pattini a rotelle hanno un peso alquanto maggiore delle lame da ghiaccio per cui la difficoltà di esecuzione dei salti più impegnativi e la prestanza atletica necessaria sono superiori.

Le basi[modifica | modifica wikitesto]

Quando ci si avvicina al pattinaggio artistico a rotelle, è necessario acquisire una certa sicurezza sui pattini prima di poter eseguire gli esercizi più complessi. Si inizia quindi esercitando i passi di base, fondamentali per sviluppare la padronanza del pattino. Questi esercizi riguardano la pattinata (limoni, passi spinta e passo incrociato in avanti e all'indietro), l'equilibrio (piegamento, seggiolino, bilanciato, angelo, anfora, semi anfora), i fili (spostamento del baricentro corporeo sulle diverse ruote del pattino; un filo può essere esterno indietro, esterno avanti, interno indietro o interno avanti) e la stabilità (salti e trottola a piedi pari).

Una volta in confidenza con il pattino, l'atleta verrà allenato diversamente a seconda della specialità che vuole apprendere. Le specialità del pattinaggio sono artistico (singolo e coppia), obbligatori, danza (singolo e coppia), quartetti, piccoli gruppi, grandi gruppi, grandissimi gruppi, sincronizzato.

Differenza fra le ruote esterne e quelle interne.

Singolo artistico[modifica | modifica wikitesto]

Nel singolo, detto anche libero, un solo atleta per volta esegue una coreografia, detta disco di gara, in cui esegue una serie di passi di piede e di difficoltà (salti e trottole) disposti lungo una traccia preparata appositamente per aderire ad una musica. Gli esercizi richiesti all'atleta variano a seconda del regolamento della competizione e della categoria nella quale gareggia; queste possono suddividere gli atleti per età o per livelli di difficoltà. Il giudizio della gara è determinato dalla somma dei punteggi dati dai singoli giudici; ciascuno può conferire una valutazione che va da 0.0 a 10.0.

Salti[modifica | modifica wikitesto]

L'esecuzione di un salto si divide in sei diverse fasi:

  1. Preparazione: la serie di movimenti utili a posizionarsi per saltare (tre, contro tre, inversione, ripresa..)
  2. Caricamento: la serie di movimenti utili a prendere potenza per sollevarsi più in alto possibile ed eseguire il numero di rotazioni richieste (eventuale puntata, piegamento dell'arto che stacca per caricare il salto, piegamento delle braccia...)
  3. Stacco: l'istante nel quale il pattino si solleva da terra.
  4. Volo: la fase aerea è la fase nel quale l'atleta assume la vite (posizionamento delle gambe che facilita la rotazione).
  5. Atterraggio: il momento in cui un pattino dell'atleta tocca nuovamente terra.
  6. Uscita o arrivo: la serie di movimenti che concludono il salto (piegamento del ginocchio e arrivo tenuto più tempo possibile).

Esistono otto salti base, ordinati per livello di difficoltà, che hanno valore in gara; il punteggio che ciascuno di essi può ricevere dipende dalla pulizia dell'esecuzione e dal numero di rotazioni.

  • Il salto del tre, o salto semplice, prevede mezzo giro di rotazione partendo dall'avanti; si parte con la gamba sinistra a terra e si arriva sulla destra.
  • Il Toeloop prevede una rotazione completa a partire dall'indietro; la gamba di partenza, la destra, è la stessa dell'arrivo, mentre la sinistra viene usata per puntare.
  • Il Salchow è l'unico in cui la puntata avviene con il piede di appoggio (il sinistro); dopo una rotazione di un giro si attera sul destro andando all'indietro.
  • Il Rittberger (o Ritt) è il solo salto in cui non vi è né scambio tra le gambe né puntata; si esegue infatti, andando all'indietro, una rotazione di un giro partendo e atterrando sulle ruote del pattino destro.
  • Il Flip, salto da un giro, prevede una partenza all'indietro sulla gamba sinistra e una puntata con la destra; l'arrivo è sulla destra.
  • Il Lutz è molto simile al Flip; la sola differenza è che alla partenza il piede sinistro segue il filo esterno indietro, mentre nel flip si tiene l'interno indietro.
  • Il Thoren è un salto che esiste soltanto nella versione da un giro; è inoltre l'unico in cui si atterra sulla gamba sinistra, permettendo di attaccare Flip, Lutz o Salchow. Il thoren si esegue partendo all'indietro sulla gamba destra e caricando senza puntare, come nel ritt.
  • L'Axel ha un'impostazione simile a quella del salto semplice con la differenza che, prevedendo una rotazione e mezza, richiede la chiusura delle braccia e la posizione della vite.

A parte il semplice e il Thoren, ognuno di questi salti ha una versione doppia e tripla, in cui si richiede rispettivamente l'aggiunta di una e due rotazioni. Gli atleti mancini, inoltre, eseguono ciascun salto invertendo i ruoli delle braccia e delle gambe destra e sinistra.

I salti possono essere eseguiti in combinazioni o catene; in quest'ultimo tipo di difficoltà, che prevede dai 3 ai 5 salti consecutivi eseguiti con un ritmo costante, tra un salto e il successivo non è possibile inserire passaggi di alcun tipo né appoggiare una gamba che non sia quella di arrivo; nelle combinazioni, invece, i salti sono inframezzati da passaggi di piede (tre, contro tre, mohawk o choktaw).

Una catena può essere:

  • Lutz - Thoren - Salchow
  • Salchow - Toeloop - Toeloop
  • Ritt - Ritt - Ritt

In queste serie di salti, infatti, la posizione di atterraggio di ciascun salto coincide con quella di partenza del successivo.

Una combinazione invece può essere:

  • Axel - Axel - Axel
  • Ritt - tre - tre - Ritt - tre - tre - Thoren

Queste sono combinazioni, perché tra un salto e il successivo c'è un passaggio di piede necessario (nel primo caso, atterraggio e partenza prevedono piedi e direzioni diverse, cosa che rende necessaria una ripresa in avanti prima di ciascun Axel) o inserito ad hoc (anche se i tre salti potrebbero essere eseguiti in catena, tra di essi sono stati inseriti due tre, ossia due mezze rotazioni con il pattino a terra).

Esiste una commissione addetta alla valutazione di nuovi salti di invenzione di atleti o allenatori anche se è un'eventualità che non si propone quasi mai. Al contrario invece, esistono una serie di salti che prima si eseguivano ed ora invece non sono più eseguite come, ad esempio, tre diversi tipi di axel.

Trottole[modifica | modifica wikitesto]

Le trottole sono difficoltà in cui l'atleta deve eseguire, senza staccare il pattino da terra, un numero minimo di rotazioni strette mantenendo una particolare posizione e un particolare filo, su uno o due piedi; la preparazione prevede generalmente una serie di tre seguiti da un'entrata che permette la centratura della trottola. Come nel caso dei salti, anche le trottole si possono combinare tra loro; è possibile eseguire fino a tre trottole consecutive. La combinazione risulta valida quando il cambio di filo e/o di piede avviene senza la perdita della centratura della trottola e della fluidità della rotazione.

Le trottole possono essere verticali, abbassate, ad angelo, tacco e rovesciate.

  • Verticali: possono essere interna indietro (piede sinistro a terra), esterna indietro (piede destro), esterna avanti (piede sinistro).
  • Abbassate: prevedono il piegamento della gamba a terra fino ad avere la coscia parallela al terreno e all'altezza del ginocchio; i fili e i piedi sono gli stessi delle trottole verticali.
  • Ad angelo: la posizione del corpo deve essere orizzontale e con la gamba a terra tesa; i fili sono esterno avanti ed esterno indietro, mentre l'interno indietro viene utilizzato come raccordo in caso di combinazione tra le due trottole ad angelo, prima del cambio piede.
  • Tacco: come le trottole ad angelo, con la differenza che le due ruote davanti devono restare ben sollevate da terra.
  • Rovesciata: l'atleta, mentre segue il filo esterno indietro con la gamba destra leggermente piegata, deve mantenere una posizione inarcata guardando con tutto il corpo verso l'alto. Si esegue la stessa entrata dell'angelo esterno indietro, assumendo poi la posizione della rovesciata a centratura avvenuta.

Anche per questo tipo di difficoltà, un atleta mancino assume le posizioni in maniera speculare.

Singolo in linea[modifica | modifica wikitesto]

Nel pattinaggio singolo in linea, che solo dal 2013 è stato inserito in Italia tra le specialità riconosciute dalla FIHP per il pattinaggio artistico, si seguono regole simili a quelle del singolo sui pattini tradizionali. La differenza sta nell'utilizzo di pattini con tre o quattro ruote in linea e tampone anteriore. I vari tipi di salti e trottole sono gli stessi del singolo tradizionale, così come la progressione degli elementi tecnici contemplati nelle diverse categorie e le suddivisioni delle categorie in relazione all'età. Ulteriori dettagli sono specificati nelle norme deliberate annualmente dalla FIHP.

Obbligatori[modifica | modifica wikitesto]

Gli obbligatori sono una disciplina opzionale che si esegue su pattini a rotelle da quattro ruote senza puntali e, con il libero, forma la combinata, che influisce il piazzamento nelle gare, (es.se arrivi primo/a su 10 nel libero, e arrivi ultimo/a su 10 negli obbligatori, ci sono molte possibilità che arrivi quinta nella combinata)

L'obbligatorio consiste nel tenere una posizione dritta con il busto e le braccia tese, quindi stando su un piede bisogna regolare il peso corporeo affinché scorrendo il pattino resti sulla riga tracciata a terra senza uscire dalla traccia disegnata in terra. L'esercizio obbligatorio è diviso in cerchi e boccole.

Cerchi[modifica | modifica wikitesto]

L'atleta deve eseguire un percorso circolare seguendo una traccia sul pavimento, spostando gambe e braccia al momento giusto e dandosi la spinta con le riprese, ovvero quando si sta per iniziare un altro giro e bisogna spingersi con le ruote per non fermarsi.

Le tracce sono formate da 2 cerchi di 5 metri di diametro ciascuno tangenti tra di loro.

Boccole[modifica | modifica wikitesto]

La boccola è un aumento intenso di pressione su un determinato filo che fa eseguire al pattino una rotazione che disegna una sorta di "'e' in corsivo" in terra, quella 'e' è disegnata in terra ed il compito dell'atleta è seguire la traccia facendo in modo che la linea rimanga sempre nel mezzo alle ruote interne e alle ruote esterne senza mai uscire con la differenza che invece si eseguirci l'esercizio tre tre, contro tre, volta contro volta ecc.. si esegue una boccola. Le boccole sono esterne, interne, destre, sinistre, avanti, indietro.

Coppia artistico[modifica | modifica wikitesto]

Nella coppia artistico un'atleta femmina e uno maschio pattinano su una musica eseguendo passaggi di piede e difficoltà tecniche tra cui prese, sollevamenti, salti, salti lanciati, spirali, trottole e trottole d'insieme.

Solo dance[modifica | modifica wikitesto]

La solo dance è una specialità che richiede una particolare attenzione sul tempo e la corretta esecuzione dei passi di piede e sui disegni stabiliti dal manuale.

Coppia danza[modifica | modifica wikitesto]

Come la solo dance, la coppia danza riprende i tipici balli da sala; le difficoltà valutate sono i passi di piede che, rispetto a quelli richiesti nelle specialità artistico, sono notevolmente complessi.

La gara consiste in tre manches in cui la coppia presenta tre coreografie e programmi diversi. Essi sono:

  • Danza obbligatoria
  • Style dance
  • Danza libera

Nella obbligatoria tutte le coppie si confrontano su danze universali che si sviluppano su percorsi, musiche e passi prestabiliti e si tratta di programmi tradizionali come valzer, chacha, ecc.

La style dance invece prevede la costruzione di un programma universale, come ad esempio il flamenco, ed ogni coppia dovrà scegliere musica che rispetti i ritmi prefissati per l'anno in corso (es. Classic medley: Waltz, March, Polka) e realizzare la coreografia seguendo il tema inserendo all'interno del programma una danza obbligatoria universale scelta per l'anno in corso e che rispetti i btm prestabiliti o (+-2btm)

Nella danza libera, invece, tema musica e coreografia sono, per l'appunto, liberamente scelte dal coreografo della coppia.

Pattinaggio spettacolo[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di rappresentazione del cappellaio matto nel pattinaggio spettacolo

Il pattinaggio spettacolo consiste in un insieme di 4 o più pattinatori e/o pattinatrici che eseguono in coordinazione passi, figure e difficoltà in armonia con il tema musicale prescelto. Lo scopo è quello di fare spettacolo, quindi di dare massima interpretazione ed espressione alla coreografia presentata.

Le categorie del pattinaggio spettacolo sono:

  • Quartetti (può essere iscritta anche una riserva)
  • Quartetti Divisione Nazionale (può essere iscritta anche una riserva)
  • Quartetti Cadetti (può essere iscritta anche una riserva)
  • Piccoli Gruppi (da 6 a 12 atleti) (può essere iscritta una sola riserva, il massimo degli iscritti sarà quindi 13)
  • Piccoli Gruppi Divisione Nazionale (da 6 a 12 atleti) (possono essere iscritte al massimo due riserve)
  • Gruppi Jeunesse (da 8 a 16 atleti) (possono essere iscritte al massimo due riserve)
  • Grandi Gruppi (da 16 a 30 atleti comprese le riserve)
  • Grandissimi gruppi, con un numero massimo illimitato

In questa specialità è necessaria la scelta di un tema a cui devono essere attinenti musiche, costumi e coreografia.

A seguito di un uso spropositato di materiale scenografico, quest'ultimo è stato recentemente vietato e l'uso di accessori e oggetti seriamente limitato.

Nel pattinaggio spettacolo non è ammesso il pattinaggio singolo, di coppia o sincronizzato e la realizzazione di elementi tipici dei suddetti può produrre una penalizzazione nel punteggio.

Il punteggio si divide in:

  • Contenuto del programma (difficoltà tecniche, idea e sua costruzione, tecniche di gruppo)
  • Presentazione (Espressività ed interpretazione, realizzazione dell'idea, impressione generale)

Per compiere un lavoro ottimale nella scelta del tema e nello sviluppo di esso, spesso si ricorre a dei veri e propri coreografi che provvedono a donare al numero i requisiti necessari per ottenere un eccellente giudizio durante le competizioni.

Pattinaggio sincronizzato (Precision)[modifica | modifica wikitesto]

Come nel pattinaggio spettacolo, anche la specialità del sincronizzato prevede l'esibizione di diversi atleti contemporaneamente che si muovono secondo traiettorie coerenti. Il sincronizzato può essere eseguito da 12 a 24 atleti (riserve comprese), si divide nelle categorie Junior (fino ai 18 anni compiuti) e Senior (dai 19 anni, senza limiti di età). Entrambe le categorie possono partecipare a gare di livello regionale, nazionale e continentale. La categoria Senior partecipa anche ai campionati del mondo.

Nel pattinaggio sincronizzato è fondamentale la perfetta coordinazione e la precisione negli allineamenti di tutti gli atleti in pista che, seguendo con rigore il ritmo della musica, propongono variazioni repentine tra diverse configurazioni (eliche, linee, blocchi, cerchi), incroci e passaggi la cui esecuzione richiede un'altissima preparazione e precisione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) M.C. Henley, Henley's manual of roller skating, M. Cullation & Co., 1885, ISBN 978-1-334-01590-8. pag. 13
  2. ^ (EN) James Leonard Plimpton, Parlor Skate, US000037305, United States Patent and Trademark Office, .

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport