Passaggio a Nord-Ovest (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Passaggio a Nord-Ovest
Passaggio a Nord-Ovеst (film).png
Una scena del film
Titolo originaleNorthwest Passage
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti
Anno1940
Durata125 min
Rapporto1,37 : 1
Generedrammatico, avventura, storico
RegiaKing Vidor Jack Conway (scene aggiunte), W.S. Van Dyke riprese fondati (non accreditati)
Soggettodal romanzo di Kenneth Roberts
SceneggiaturaConrad Richter, Lawrence Stallings e Talbot Jennings non accreditati: King Vidor, Bruno Frank, Jules Furthman, Elizabeth Hill, Sidney Howard, Noel Langley, Frances Marion, Jane Murfin, Richard Schayer, Robert Sherwood, Jack Singer
ProduttoreHunt Stromberg
Casa di produzioneLoew's e Metro-Goldwyn-Mayer (MGM)
Distribuzione (Italia)Anglo American Film
FotografiaWilliam V. Skall e Sidney Wagner
MontaggioConrad A. Nervig
MusicheHerbert Stothart
ScenografiaCedric Gibbons, Malcolm Brown (associato) Edwin B. Willis (arredatore)
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Passaggio a Nord-Ovest (Northwest Passage) è un film drammatico del regista statunitense King Vidor del 1940. Venne girato in esterni nell'Idaho, a McCall, al Payette Lake e a Sandpoint e nell'Oregon, alla Cascade Mountains[1].

Il film è tratto dal romanzo storico omonimo dello scrittore statunitense Kenneth Roberts. È ambientato durante la guerra franco-indiana che si combatté fra gli inglesi e i francesi a metà del XVIII secolo nel Nord America.

Il titolo fa riferimento alla ricerca del passaggio a nord-ovest a cui aspirava il Maggiore Robert Rogers, oggetto della seconda parte del romanzo ma che non fu mai riprodotta cinematograficamente.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

1754-1763. Il giovane Langdon Towne avendo qualche problema con la giustizia nella natia Portsmouth nel New Hampshire con l'inseparabile amico Hunk raggiunge il forte di Crown Point e si arruola nel corpo dei rangers del maggiore Robert Rogers. A breve i rangers partiranno in canoa diretti in Canada con la missione di distruggere il villaggio di St.Francis poiché abitato da indios alleati dei francesi. La missione verrà però portata a termine con lo spietato eccidio degli indios ma i rangers affronteranno un disastroso viaggio di ritorno.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Loew's e dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) con un budget stimato di 2.677.762 dollari. Le riprese, fatte nell'Idaho e nell'Oregon, durarono dal 1º luglio al 13 settembre 1939. Nel novembre e nel dicembre dello stesso anno, vennero fatte delle ulteriori riprese[2] girate da Jack Conway. Fu il primo film a colori (Technicolor) di King Vidor.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 23 febbraio 1940 dopo essere stato presentato in prima il 20 febbraio a Boise, nell'Idaho, lo stato in cui era stato girato il film[3].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nomination per l'Oscar alla migliore fotografia a colori 1941.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7
  • La grande parata - Il cinema di King Vidor a cura di Sergio Toffetti e Andrea Morini, Lindau 1994 ISBN 88-7180-106-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema