Palazzo del Capitolo dei Canonici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo del Capitolo dei Canonici
Capitolo dei canonici.JPG
Palazzo del Capitolo dei Canonici
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Toscana Toscana
Località Firenze
Indirizzo piazza del Capitolo
Coordinate 43°46′20.68″N 11°15′23.65″E / 43.772411°N 11.256569°E43.772411; 11.256569Coordinate: 43°46′20.68″N 11°15′23.65″E / 43.772411°N 11.256569°E43.772411; 11.256569
Informazioni
Condizioni In uso
Interno del palazzo

Il palazzo del Capitolo dei Canonici di Santa Maria del Fiore si trova nella piazza del Capitolo, nei pressi di piazza del Duomo a Firenze.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Qui esisteva l'antica chiesa parrocchiale di San Pietro in Celoro o Ciel d'oro (o anche San Pier Celoro), risalente all'epoca longobarda. Una prima menzione della chiesa, risalente al 9 aprile 962, è riportata dal Muratori e si riferisce a una conferma del possesso dell'omonima basilica pavese della chiesetta fiorentina, firmata dall'imperatore Ottone I. Dedicata a un oscuro beato Pietro, nel 996, in un documento firmato da Ottone II è descritta come dotata di una corte, una casa con solaio e due orti con altre pertinenze. Il possesso del monastero ticinese è confermato ancora nel 1081 e dal 1032 si riscontra la denominazione in coelum aureo, storpiato poi nell'uso popolare come "in celoro", come risulta attestato già in un catalogo vaticano datato 1275.

Fu tra le trentasei primitive parrocchie di Firenze e nel 1448, vista la vicinanza alla cattedrale fiorentina, venne soppressa da Niccolò V, riducendola a semplice "benefizio" che il Comune poteva demolire o destinare a centro di studi (archivio e biblioteca), come di fatto avvenne.

Questa "casa per la sapienza", come è scritto in latino sopra il portale dell'edificio, fu poi utilizzata sin dal 1680 per le riunioni del Capitolo del Duomo fiorentino e come archivio dei canonici. I libri della biblioteca passarono prima all'Opera del Duomo e nel 1778 la raccolta di manoscritti ed incunaboli fu trasferita alla Biblioteca Medicea Laurenziana ed i volumi stampati alla Magliabechiana.

L'iscrizione sul fregio sulla porta d'ingresso ricorda la pregevoli raccolte che ivi si conservavano. SAPIENTIA AEDIFICAVIT SIBI DOMVS.

Una targa in latino sulla facciata ricorda inoltre la visita al capitolo di papa Pio VII, il 1º giugno 1815, di sosta durante il ritorno da Genova dove si era recato per trattare la pace dell'Italia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arnaldo Cocchi, Le chiese di Firenze dal secolo IV al secolo XX, Pellas, Firenze 1903.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]