Olio di semi di canapa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Granella di canapa, dalla cui spremitura si ottiene l'olio

L'olio di semi di canapa, è un prodotto estratto dai frutti della Cannabis Sativa L.. Il frutto è un achenio che contiene un solo seme e che viene comunemente chiamato nell'industria olearia granella e volgarmente seme di canapa o canapuccia[1]. L'estrazione può avvenire con diverse tecniche, ma potendo essere alta la resa , anche > 30%, è molto diffusa la spremitura a freddo. L'olio di semi di canapa può essere utilizzato come ingrediente cosmetico, bruciato ed utilizzato come biocombustibile, adoperato per condire i cibi o sfruttato come solvente siccativo per le vernici[2]. Dai fiori di Cannabis Sativa L. può essere estratto per distillazione anche un olio essenziale e con solvente una oleoresina detta olio di hashish pertanto la comune contrazione in "olio di canapa" può essere ambigua e fuorviante. La coltivazione della canapa sia per la produzione di olio che di fibre tessili è consentita nella UE per varietà che contengano meno dello 0,2% del principale componente psicoattivo: Δ9-tetraidrocannabinolo[3]. .

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

L'olio di semi di canapa è composto prevalentemente da acilgliceridi (trigliceridi). In tutti gli oli vegetali la composizione può variare in funzione del cultivar, delle condizioni ambientali, della raccolta e della lavorazione. I 2 principale acidi grassi sono l'acido linoleico e l'acido α-linolenico, presenti normalmente a concentrazioni per cui la concentrazione totale di polinsaturi raggiunge l'ordine di grandezza dell'80%.

Composizione tipica dell'olio di semi di canapa

[4][5][6][7][8][9][10][11] [12][13]

acido grasso Notazione Delta concentrazione/(min-max)%
acido palmitoleico 16:1Δ9c 0 – 0,5%
acido palmitico 16:0 5 – 12%
acido stearico 18:0 1 – 4,5%
acido oleico 18:1Δ9c 10 – 16%
acido vaccenico 18:1Δ11c 0 – 2%
acido linoleico 18:1Δ9c12c 45 – 65%
acido α-linolenico 18:3Δ9c,12c,15c 14 – 30%
acido gamma-linolenico 18:3Δ6c,9c,12c 1 – 6%
acido stearidonico 18:3Δ6c,9c,12c,15c 0 – 2%
acido arachico 20:0 0 – 2%
acido gadoleico 20:1Δ11c 0 – 1%
acido eicosadienoico 20:2Δ11c,14c 0 – 0,09%
acido beenico 22:0 0 – 1%
acido lignocerico 24:0 0 – 0,1%

L'olio di semi di canapa può apparire di un colore verde abbastanza intenso se non raffinato. In funzione della quantità di granella immatura che viene lavorata può contenere da 5 a 80 ppm di clorofilla[12]. La frazione insaponificabile può contenere [14][15]

Cannabidiolo 10 mg/kg
Δ9-tetraidrocannabinolo 0-50 ppm
Myrcene 160 ppm
β-Caryophyllene 740 mg/L
β-Sitosterolo 100–148 mg/L
Campesterolo 25 mg/L
α-Tocoferolo 5-80 ppm
γ-Tocoferolo 94-870 ppm

Visto che nel frutto di Cannabis Sativa L. la presenza di Δ9-tetraidrocannabinolo è normalmente molto scarsa e comunque inferiore a quella di cannabidiolo, si ritiene che nell'olio sostanze psicoattive possano essere rintracciate come conseguenza di contaminazione e le procedure di produzione dell'olio di semi di canapa richiedono il preventivo lavaggio della granella. Nell'olio a seconda della lavorazione sono rilevabili tracce di minerali e proteine di cui i frutti di Cannabis Sativa L. sono particolarmente ricchi.

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

Contiene grandi quantità di acidi grassi essenziali di tipo omega 3 e omega 6[16]. Il rapporto tra omega 6 e omega 3 è di 3 a 1 , valore ritenuto ottimale per la nutrizione. Oltre agli acidi omega 3 e omega 6, contiene anche la vitamina E, e altri steroli. Il livello di THC è molto basso per avere effetti psicotropi . Fino ad oggi non sono noti effetti collaterali derivanti dall'assunzione di olio di semi di canapa ed è considerato sicuro GRAS dalla FDA. Sono stati riportati potenziali effetti benefici sulla salute, sia per i bambini che per gli adulti, nella prevenzione e nel trattamento delle malattie la cui base è infiammatoria [17]. Per l'olio di semi di canapa, come per tutti gli oli vegetali, è importante la qualità dei semi, la tecnologia di produzione, la conservazione in ambiente fresco e buio per evitarne l'ossidazione e l'irrancidimento. Inconvenienti questi ultimi che vengono evitati anche con l'uso di contenitori di vetro scuro e mantenendo la bottiglia in luogo fresco o nel frigo dopo l'apertura. Per l'alto contenuto di polinsaturi è particolarmente suscettibile alla ossidazione ed inrancidimento e per l'utilizzo commerciale può richiedere l'aggiunta di antiossidanti. Con l'ossidazione forma facilmente polimeri ed è uno dei migliori oli siccativi.

Utilizzo alimentare[modifica | modifica wikitesto]

L'olio di semi di canapa ha un odore e un sapore gradevole e può essere utilizzato per condire insalata, pasta, pesce ed essere introdotto nell'uso quotidiano al posto degli altri oli di semi. Con un punto di fumo pari a 165 °C. ed una stabilità relativamente bassa non è consigliato per la frittura[14].

Utilizzo terapeutico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Uso medico della cannabis.

Utilizzo cosmetico[modifica | modifica wikitesto]

Nel campo cosmetico, all'olio di semi di canapa è stato attribuito il nome INCI: cannabis sativa seed oil[18] . Viene impiegato principalmente come emolliente e condizionante. Sono utilizzati anche suoi derivati come:

  • cannabis sativa seed oil glycereth-8 esters
  • cannabis sativa seed oil peg-8 esters
  • hydrogenated hemp seed oil
  • poly(dimer hempseed oil)

A causa dell'alto costo e della instabilità all'ossidazione non è un ingrediente molto utilizzato nonostante la sua fluidità e capacità siccativa possano possano contribuire a formulazioni sia per la pelle che per i capelli.

Può essere utilizzato nella produzione di saponi, con numero di saponificazione tipico pari a 190-193[6], formando col potassio un sapone più morbido e cremoso per l'alta concentrazione di polinsaturi: potassium hempseedated.

Come altri oli ricchi di polinsaturi nell'applicazione topica potrebbe svolgere una qualche azione anti-infiammatoria ed anti-proliferativa.

Utilizzo nel settore automobilistico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Biodiesel.

L'olio estratto dalla cannabis può essere utilizzato in alcuni tipi di motore, in particolare i motori Diesel. Rispetto ad altri oli vegetali utilizzati come biodiesel ha il vantaggio di una maggiore fluidità e lo svantaggio di poter polimerizzare.

Nel 1937 Henry Ford creò la Hemp Body Car, in gran parte realizzata in plastica di canapa ed alimentata a etanolo di canapa. Tuttavia, Ford morì sei anni dopo e, nel 1955, la coltivazione della canapa venne proibita negli Usa, dunque la vettura non entrò mai in produzione.

Alcuni ritengono che la proclamazione di leggi proibizionistiche nei confronti della cannabis negli Stati Uniti prima della seconda guerra mondiale sarebbe stata legata anche alla concorrenza tra la nascente industria petrolchimica e la possibilità di usare l'olio di questa pianta come combustibile.[19] Questo sarebbe dimostrato anche dalla riduzione dei prezzi del petrolio al 50% operata, secondo tali fonti, proprio per fare concorrenza all'olio combustibile naturale.[20]

L'utilizzo della canapa nel settore automobilistico fu ripreso dalla casa inglese Lotus negli anni 2000.[21]

Altri utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

L'olio di semi di canapa può essere impiegato anche nella produzione di vernici. Nel 1935 negli USA furono usate 58 000 tonnellate di semi di canapa per tinte e vernici. Nel 1700 a Genova si impiegava nella tinteggiatura degli esterni degli edifici, per migliorarne la resistenza alla salsedine.[22] A causa del minor costo ed di un più alto potere siccativo è stato sostituito dall'olio di lino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cannabis sativa L., Atlante delle coltivazioni erbacee
  2. ^ Luther Cannabis (prefazione di Fabrizio Rondolino) L'Erba di casa è sempre più verde. Ecomanuale di coltivazione indoor. Stampa alternativa. 2010. ISBN 978-88-6222-129-0
  3. ^ COMMISSION IMPLEMENTING REGULATION (EU) No 393/2013 of 29 April 2013, amending Regulations (EC) No 1120/2009 and (EC) No 1122/2009 as regards the eligibility criteria and the notification obligations concerning hemp varieties for the implementation of the direct THE EUROPEAN COMMISSION, support schemes for farmers
  4. ^ J.C.Callaway, Hempseed as a nutritional resource: An overview, in Euphytica, vol. 140, 2004, p. 65–72, DOI:10.1007/s10681-004-4811-6.
  5. ^ Hemp Oil, InnVista, Novembre 2005.
  6. ^ a b Gunstone, F. D. e al. titolo=The Lipid Handbook, p. 68.
  7. ^ V.Dubois, S. Breton, M.Linder,J.Fanni, M.Parmentier, Journal Eur. J. Lipid Sci. Technol., vol. 109, p. 710-732.
  8. ^ Occurrence of "omega-3" stearidonic acid (cis-6,9,12,15- octadecatetraenoic acid) in hemp (Cannabis sativa L.) seed , J.C. Callaway, T. Tennil and D.W. Pate
  9. ^ Oil content, tocopherol composition and fatty acid patterns of the seeds of 51 Cannabis sativa L. genotypes U. Kriese , E. Schumann , W.E. Weber , M. Beyer , L. Brühl , Matthäus
  10. ^ The Composition of Hemp Seed Oil and Its Potential as an Important Source of Nutrition, Cary Leizer , David Ribnicky ,Alexander Poulev,Slavik Dushenkov,Ilya Raskin
  11. ^ [ http://www.internationalhempassociation.org/jiha/jiha4107.html Survey of minor fatty acids in Cannabis sativa L. fruits of various origins , H.Mölleken, R.R.Theimer]
  12. ^ a b J.C. Callaway, D.W. Pate, Hempseed oil (PDF).
  13. ^ Characteristics of hemp (Cannabis sativa L.) seed oil extracted with supercritical CO, C. Da Porto , D. Decorti , D. Voinovich, F. Tubaro
  14. ^ a b The Composition of Hemp Seed Oil and Its Potential as an Important Source of Nutrition , C. Leizer, D. Ribnicky, A. Poulev, S. Dushenkov, I. Raskin
  15. ^ H.Klein,, Journal Ernaehrung/Nutrition, vol. 23, p. 452-460/496-504.
  16. ^ insieme ai pesci, ai semi di lino e ai relativi oli, l'olio di semi di canapa è una delle migliori fonti alimentari di acido alfa-linolenico (capostipite della famiglia omega-tre)
  17. ^ Atti del Primo Convegno: L’Olio di Semi di Canapa nella Pratica Medica, Roma Giugno 2012 | Modin.org
  18. ^ Cosing: CANNABIS SATIVA SEED OIL
  19. ^ Jack Herer. 1985. The Emperor Wears No Clothes. Ah Ha Publishing, Van Nuys, CA.
  20. ^ La storia segreta della canapa
  21. ^ Provocazione Lotus, sportiva ma molto ecologica
  22. ^ Usi industriali attuali o possibili della canapa

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]