Oasi di Bosco Casale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oasi LIPU Casacalenda (Bosco Casale)
Tipo di areaoasi
Codice WDPA178893
Codice EUAPEUAP0454
Class. internaz.SIC
StatiItalia Italia
RegioniMolise Molise
ProvinceCampobasso Campobasso
ComuniCasacalenda
Superficie a terra150,00[1] ha
Provvedimenti istitutiviConvenzione 18.12.93 - D.G.R. 1000, 08.07.93
GestoreAssociazione di protezione ambientale LIPU-Birdlife Italia
Mappa di localizzazione
Sito istituzionale

Coordinate: 41°43′19.92″N 14°52′37.56″E / 41.7222°N 14.8771°E41.7222; 14.8771

L'Oasi di Bosco Casale, nota anche come oasi di Casacalenda, è la prima area naturale protetta istituita nella regione Molise nel 1993. È gestita dalla Lega Italiana Protezione Uccelli (LIPU).

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'oasi occupa una superficie di 150,00 ha nei pressi del convento di Sant'Onofrio, patrono del paese di Casacalenda, in provincia di Campobasso.[1] Percorrendo i sentieri dell'Oasi, anticamente usati dai boscaioli per il trasporto del legname, è possibile ammirare una gran varietà di piante tipiche del sottobosco ed incontrare diversi animali. La presenza delle sorgenti, di ruscelli, di pozze permanenti e di una palude hanno favorito la presenza di diverse specie di Anfibi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'oasi di Casacalenda è nata nel 1993 con una Convenzione siglata tra Comune di Casacalenda e la LIPU il 18 dicembre 1993 e precedentemente istituita con D.G.R. n. 1000 dell'8 luglio 1993 dalla Regione Molise. Nel 1995 è stata riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente come "area naturale protetta" dell'Elenco ufficiale delle aree naturali protette.[1][2]

Dal 1997 l'oasi è riconosciuta sito di interesse comunitario (SIC).[2]

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

Dall'inizio della primavera l'Oasi si presenta come un vasto tappeto di fiori: dalle comuni Primule all'Anemone degli Appennini, dal Narciso dei poeti alle Orchidee. La tarda primavera è il momento migliore per poter osservare le farfalle che popolano i sentieri e le radure con i loro brillanti colori. Sono ottanta le specie diurne osservate. I rapaci enumerano specie interessanti come il Falco pecchiaiolo, il Lodolaio, il Nibbio reale e l'Albanella reale.

Tra gli Anfibi sono da segnalare la Salamandrina dI Savi che occupa il suo estremo areale orientale, il Tritone italiano, la Rana agile e l'Ululone appenninico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP) 6º Aggiornamento approvato il 27 aprile 2010 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 115 alla Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio 2010.
  2. ^ a b Oasi LIPU di Casacalenda.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

* Pagina Facebook

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]