Monti Sabatini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monti Sabatini
Bracciano-sabatini-region-NASA-1-.jpg
L'area dei Monti Sabatini vista dal satellite (la zona circolare più scura è il Lago di Bracciano e quella più piccola a sud-est il Lago di Martignano)
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
Viterbo
Altezza612 m s.l.m.
CatenaAntiappennino laziale (negli Appennini)
Ultima eruzionePleistocene
Codice VNUM211809
Coordinate42°10′N 12°15′E / 42.166667°N 12.25°E42.166667; 12.25Coordinate: 42°10′N 12°15′E / 42.166667°N 12.25°E42.166667; 12.25
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Lazio
Monti Sabatini
Monti Sabatini

I Monti Sabatini sono un gruppo montuoso, che fa parte insieme ai Monti Volsini ed ai Monti Cimini dell'Antiappennino laziale, posti a circa 35 km a nord-ovest di Roma nella zona fra la valle del Tevere ed il mar Tirreno, compresa fra la via Claudia Braccianese a sud-ovest e la via Cassia ad est, nei territori dei comuni di Bracciano, Anguillara Sabazia, Trevignano Romano, Manziana, Canale Monterano, Sutri, Bassano Romano, Oriolo Romano.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Rappresentano un'area collinare di modesta altitudine formata dai resti dell'antico Vulcano Sabatino, del quale rimangono le caldere che costituiscono i laghi di Bracciano e di Martignano. L'area, fittamente ricoperta da vegetazione appartenente al bosco mediterraneo e delle faggete dell'appennino, presenta una particolare morfologia del suolo vulcanico e fa parte del Parco naturale regionale di Bracciano-Martignano.

All'interno dell'area parco è presente il SIC IT6010034 Faggete di Monte Raschio e Oriolo individuato nel giugno 1996[1] e passato a Zona Speciale di Conservazione (ZSC) nel dicembre 2016[2], un bosco di faggi che si estende per 712 ha, tra i comuni di Bassano Romano ed Oriolo Romano, interessando i rilievi di monte Termine (591 m s.l.m.), Poggio Stracciacappello (567 m s.l.m.), monte Lungo (530 m s.l.m.), i Valloni di Fonte Vitabbia (450 m s.l.m.) e monte Raschio (552 m s.l.m.). Attualmente, la ZSC comprende al suo interno il sito UNESCO della Faggeta vetusta depressa di Monte Raschio, riconosciuta nel 2017 Patrimonio Mondiale Naturale dell'Umanità.

Rilievi[modifica | modifica wikitesto]

La cima più alta è il Monte Rocca Romana che arriva a 612 m e segna il confine tra le provincie di Roma e Viterbo e i comuni di Bracciano e Sutri. Le altre cime sono:

Cime Altitudine Coordinate Comune Provincia
Monte Termine m. 591 42°11′15.32″N 12°11′34.59″E / 42.187589°N 12.192942°E42.187589; 12.192942 Bassano Romano Viterbo
Monte Calvi m. 583 42°11′37.88″N 12°13′50.29″E / 42.193856°N 12.230636°E42.193856; 12.230636 Sutri Viterbo
Poggio Stracciacappello m. 567 42°11′10.53″N 12°10′56.87″E / 42.186258°N 12.182464°E42.186258; 12.182464 Bassano Romano Viterbo
Monte Raschio m. 552 42°10′26.9″N 12°09′17.75″E / 42.174139°N 12.154931°E42.174139; 12.154931 Oriolo Romano Viterbo
Monte Calvario m. 545 42°08′27.85″N 12°06′54.49″E / 42.141069°N 12.115136°E42.141069; 12.115136 Canale Monterano Roma
Monte Lungo m. 530 42°11′01.53″N 12°11′06.08″E / 42.183758°N 12.185022°E42.183758; 12.185022 Bassano Romano Viterbo
Poggio delle Forche m. 520 42°09′30.67″N 12°10′20.45″E / 42.158519°N 12.172347°E42.158519; 12.172347 Bracciano Roma

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Decreto ministeriale 6 dicembre 2016, n. , articolo 1, in materia di "Designazione di una zona speciale di conservazione (ZSC) della regione biogeografica alpina, di una ZSC della regione biogeografica continentale e di 140 ZSC della regione biogeografica mediterranea insistenti nel territorio della Regione Lazio, ai sensi dell'art. 3, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357" in GU SG n.301 27 dicembre 2016, su gazzettaufficiale.it. URL consultato il 16 ottobre 2019.
  2. ^ Cfr. (EN) Natura 2000 - Standard data form IT6010034, su Natura2000 Network Viewer, Agenzia europea dell'ambiente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN8144648138366540683 · BNF (FRcb12536344t (data) · WorldCat Identities (ENviaf-8144648138366540683