Treja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 42°12′22.89″N 12°25′03″E / 42.206358°N 12.4175°E42.206358; 12.4175

Treia
Fiume Treja.jpg
Stato Italia Italia
Regioni Lazio Lazio
Lunghezza 37 km
Portata media 5 m³/s
Bacino idrografico 490 km²
Altitudine sorgente 219 m s.l.m.
Nasce Monte Lagusiello
Sfocia Tevere

Il Treia è un fiume che scorre nella provincia di Viterbo e in quella di Roma. La sua sorgente si trova sul Monte Lagusiello nei pressi del Lago di Bracciano; prosegue attraversando i comuni di Mazzano Romano, Calcata, Faleria e Civita Castellana, per poi confluire da destra sul Tevere, di cui è il terzo maggior tributario di destra, dopo Paglia e Nestore.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il Treia scorre in una stretta valle, cui dà anche il nome, caratterizzata dalla presenza di materiale vulcanico, in gran parte tufaceo (tufo rosso). In questo bacino si raccolgono anche le acque dei piccoli torrenti che affluiscono al Treia. Nei pressi di Monte Gelato, il corso del fiume si divide in diversi percorsi, intervallati da piccole cascate formatesi a seguito di fenomeni erosivi del letto di rocce tufacee su cui scorre il fiume (nei pressi delle cascatelle sono state girate scene di moltissimi film italiani, sin dagli anni cinquanta[1]). Tutta la valle è caratterizzata dalla presenza di una folta vegetazione forestale.

Il Parco[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Parco suburbano Valle del Treja.

Dal 1982 con Legge Regionale della regione Lazio il tratto di fiume compreso nei comuni di Mazzano Romano e Calcata fa parte del "Parco suburbano Valle del Treja". Dal 1997 con legge regionale n.29 il parco ha assunto la nuova denominazione di Parco Regionale Valle del Treja.

Ponti[modifica | modifica wikitesto]

Il corso del fiume era superato dalla tranvia Roma-Civita Castellana con un ponte in muratura a quattro archi realizzato nel 1906. Rimasto danneggiato dalla piena del 1922, tale manufatto venne rimpiazzato con una struttura provvisoria in legno rimasta in opera fino alla chiusura della tranvia, avvenuta nel 1932[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le cascate di Monte Gelato - davinotti.com
  2. ^ Nino Fanti, L'epopea della Roma - Nord. URL consultato nel novembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [1] Immagini tratte da film girati alle cascate