Ministero della marina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ministero della Marina)
Jump to navigation Jump to search
Ministero della marina
Ministero Difesa - Palazzo Marina.jpeg
Palazzo Marina a Roma
StatoItalia Italia
Italia Italia
TipoMinistero statale
Istituito17 marzo 1861
daGoverno Cavour IV
PredecessoreMinistero della marina del Regno di Sardegna
Soppresso14 febbraio 1947
daGoverno De Gasperi III
SuccessoreMinistero della difesa
SedePalazzo Marina, Roma

Il Ministero della marina, noto nel suo ultimo anno come Ministero della marina militare, è stato un dicastero del Regno d'Italia, e successivamente della Repubblica Italiana, responsabile della gestione della marina militare italiana, la Regia Marina, poi diventata Marina Militare. Fu accorpato nel 1947 al neonato Ministero della difesa insieme al Ministero della guerra e al Ministero dell'aeronautica.

L'ultimo ministro in carica è stato Giuseppe Micheli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel regno di Sardegna i servizi relativi all'esercito e alla marina dipendevano da un unico "ministero di guerra e marina", fino a quando l'11 ottobre 1850 con il Governo d'Azeglio I furono distaccati e le funzioni sulla marina attribuiti al Ministero di agricoltura e commercio, per tornare al ministero della guerra qualche tempo dopo.[quando?]

Il Ministero della marina del Regno di Sardegna nacque il 18 marzo 1860 durante il terzo governo Cavour quando le competenze vennero scorporate da quello della guerra e unito alla Presidenza del Consiglio, con ministro lo stesso Camillo Benso, conte di Cavour.

Con l'unificazione del 1861 nel IV governo Cavour del Regno d'Italia fu introdotta la divisione della gestione della componente militare in Ministero della guerra e Ministero della marina. Il primo ministro fu Luigi Federico Menabrea, mentre il primo a provenire dai ranghi della Regia Marina fu l'ammiraglio Carlo Pellion di Persano.

Alle sue dipendenze fino al 1916 vi era anche la Direzione Generale della Marina Mercantile.

Durante il regime fascista ne fu ministro ad interim lo stesso Benito Mussolini dall'8 maggio 1925 al 12 settembre 1929 e dal 6 novembre 1933 al 25 luglio 1943, cui successe fino al luglio 1946 l'ammiraglio Raffaele de Courten. Ultimo ministro della marina fu il senatore Giuseppe Micheli (1946/1947).

Con decreto del capo provvisorio dello Stato 4 febbraio 1947, n. 17, dal 14 febbraio 1947, col governo De Gasperi III il Ministero della guerra, della Marina e dell'Aeronautica, furono soppressi e le loro competenze unificate nel ministero della Difesa[1].

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

1876[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione prevista dal r.d. 31 dic. 1876, n. 3624:

  • segretariato generale
    • gabinetto del ministro
    • divisioni del personale e servizio militare
  • direzione generale del materiale;
  • direzione generale della marina mercantile
  • ufficio centrale di sanità militare marittima

1914[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione con r.d. 28 giu. 1914, n. 860:

  • gabinetto del ministro;
  • segretariato generale del ministero
  • sei direzioni generali: ufficiali e servizio militare e scientifico, corpo equipaggi, costruzioni navali, artiglieria e armamenti, servizi amministrativi, marina mercantile;
  • sette ispettorati: esercizio e economia delle macchine; sanitario militare marittimo; commissariato militare marittimo; genio militare per i lavori della marina, fari e segnalamento marittimo; servizi marittimi; capitanerie di porto; servizio dei personali civili e degli affari generali.

1923[modifica | modifica wikitesto]

Il r.d. 10 set. 1923, n. 2052, così riorganizzò l'amministrazione centrale della marina:

  • gabinetto del ministro (con aggregato l'ufficio leggi e decreti)
  • ufficio per l'istruzione nautica;
  • quattro direzioni generali: personale e servizi militari, personali civili e affari generali, artiglieria e armamenti, costruzioni navali;
  • quattro direzioni centrali: esercizio ed economia delle macchine, sanità militare marittima, commissariato militare marittimo, genio militare per i lavori della marina.

1936[modifica | modifica wikitesto]

Con il r.d. 16 apr. 1936, n. 773:

  • gabinetto del ministro;
  • segreteria particolare del sottosegretario di Stato;
  • ufficio leggi e decreti alle dipendenze del ministro;
  • otto direzioni generali: personale e servizi militari, costruzioni navali e meccaniche, armi e armamenti navali, personali civili e affari generali; sanità militare marittima, commissariato militare marittimo, genio militare per i lavori della marina, servizi amministrativi

1944[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione prevista on d. lgt. 28 set. 1944, n. 342:

  • gabinetto del ministro
  • segretariato generale del ministero
  • nove direzioni generali: ufficiali e servizi militari e scientifici, corpo equipaggi marittimi, costruzioni navali e meccaniche, armi e armamenti navali, personali civili e affari generali; sanità militare marittima, commissariato militare marittimo, genio militare per i lavori della marina, servizi amministrativi

Lista dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ministri della marina del Regno d'Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]