Michel Joseph Maunoury

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michel Joseph Maunoury
Il Maresciallo di Francia Michel Joseph Maunoury
Il Maresciallo di Francia Michel Joseph Maunoury
17 dicembre 1847 – 28 marzo 1923
Nato a Maintenon
Morto a Fleury-les-Aubrais
Luogo di sepoltura Hôtel des Invalides, Parigi
Dati militari
Paese servito Francia Francia
Forza armata Armée de terre
Arma Fanteria
Anni di servizio 1867-1916
Grado Maresciallo di Francia
Guerre Guerra franco-prussiana
Prima guerra mondiale
Battaglie Prima battaglia della Marna
Comandante di Armée de Lorraine
VIe Armée
Decorazioni vedi qui
Studi militari École d'application de l'artillerie et du génie

Dati tratti da World War I: A Student Encyclopedia[1]

voci di militari presenti su Wikipedia

Michel Joseph Maunoury (Maintenon, 17 dicembre 1847Fleury-les-Aubrais, 28 marzo 1923) è stato un generale francese, già comandante dell'École supérieure de guerre e membro del Conseil supérieur de la guerre, durante il corso della prima guerra mondiale fu comandante dell'Armée de Lorraine e poi della VIe Armée. Protagonista della prima battaglia della Marna, rimase gravemente ferito sul fronte dell'Aisne l'11 marzo 1915, venendo poi nominato Governatore Militare di Parigi (5 novembre 1915-4 aprile 1916) per volere di Aristide Briand. Fu uno dei rari generali invitati ad assistere alla firma del Trattato di Versailles, e dopo la sua morte fu promosso al grado di Maresciallo di Francia.

Michel Maunoury, 1914

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Maintenon il 17 dicembre 1847,[1] figlio di Charles Michel Alphonse (1816-1897), di professine medico, e di Joséphine Boullé (1826-1903).[2] Nel 1867 dopo l'uscita dall'École polytechnique,[2] diviene ufficiale d'artiglieria frequentando la Scuola d'applicazione dell'artiglieria e del genio militare (École d'application de l'artillerie et du génie) nel 1869, uscendone con il grado di sottotenente.[1] Durante la guerra franco-prussiana del 1870-1871 rimane ferito da un pallottola alla gamba destra il 2 dicembre, durante la battaglia di Champigny[3]. Promosso capitano nel 1874, diviene istruttore d'equitazione.

Il 3 maggio 1876 sposò la signorina Blanche Rogier (1854-1939)[4] Professore aggiunto al corso d'artiglieria presso l'École spéciale militaire de Saint-Cyr tra il 1881 ed il 1883, fu promosso maggiore nel 1886, e tenente colonnello nel 1893. Nel 1896 assunse l'incarico di Comandante militare del palazzo della Camera dei Deputati a Parigi,[3] promosso colonnello nel 1897 e generale di brigata il 20 dicembre 1901.[1] Elevato al rango di generale di divisione il 28 gennaio 1906, assunse l'incarico di comandante dell'artiglieria della Piazzaforte di Parigi[3] e poi di Comandante della Scuola Superiore di Guerra (École supérieure de guerre). Governatore militare di Parigi nel 1910 e membro del Conseil supérieur de la guerre, fu posto in riserva nel 1912.[1]

Fu richiamato in servizio attivo all'età di 67 anni, l'11 agosto 1914,[1] per assumere il comando della cosiddetta Armée de Lorraine, ma costruì il proprio posto nella storia in un settore differente del fronte, vicino Parigi, durante la Prima battaglia della Marna del settembre 1914.[1]

Comandante d'armata[modifica | modifica wikitesto]

Mentre, in ossequio al Piano XVII,[5] il giorno 21 agosto i nove corpi d'armata[6] della IIIe e IVe Armée iniziavano la loro avanzata nel settore della Ardenne, il generale Joffre,[7] comandante in capo dell'esercito francese, per evitare che si aprisse un varco tra la IIIe e la IIe Armée che aveva appena lanciato un infruttuoso attacco[8] in Lorena,[9] decise di costituire con unità di riserva una nuova armata, denominata Armée de Lorraine affidandone il comando a Maunoury. La nuova grande unità iniziò a radunarsi a Verdun, costituita interamente da divisioni di riserva,[10] quattro appartenenti al VII Corpo d'armata del generale Bonneau, e tre provenienti delle riserve della IIIe Armée del generale Ruffey. Con l'Ordre Particuliere no. 18 emesso da Joffre il 21 agosto, si ordinava allArmée de Lorraine di attirare il più gran numero possibile di truppe tedesche e tenerle bloccate.[11]

Travolta in pieno dall'attacco tedesco, la IIIe Armèe collassò,[12] e alle 13:30 del 22 agosto il generale Ruffey, che inizialmente non era a conoscenza dell'esistenza della nuova armata, chiese disperatamente aiuto. Furono inviate in soccorso la 54ª Divisione di fanteria della riserva, al comando di Jules Chailley, e la 67ª Divisione di fanteria della riserva al comando di Henri Marabail,[13] ma ciò non fu sufficiente a salvare l'offensiva lanciata da Ruffey.[13]

Dopo l'incontro avvenuto a Saint Quentin la mattina del 26 agosto tra Sir John French, comandante BEF da una parte,[14] e Joffre e il generale Charles Lanrezac, comandante della Ve Armèe,[14] dall'altra, il comandante dell'esercito francese venne a conoscenza dei rapporti sulla distruzione di parte del II Corpo d'armata inglese a Le Cateau, rimanendo profondamente turbato della debolezza del fianco sinistro dello schieramento alleato. Quella stessa notte emanò l'Instruction General No 2[15] ordinando la formazione di una nuova armata, la VIe Armèe,[16] a Parigi,[17] da impiegare come Massa di manovra,[15] in cui sarebbe confluita parte della disciolta Armée de Lorraine. Anche l'appena costituita Armée d'Alsace, al comando del generale Paul Pau, fu disciolta, e le sue truppe andarono a formare una nuova grande unità, la IXe Armée, che fu affidata al comando del generale Ferdinand Foch.[18]

Assunto il comando della nuova armata,[19] come Capo di stato maggiore scelse un giovane ufficiale, Charles Théodore Brécard, destinato ad una brillante carriera. Dopo aver bloccato il 29 agosto[20] le avanguardie della 1. Armee[21] tedesca del generale von Kluck a Proyart (sulla Somme), l'armata si conformò al movimento di ritirata francese, mettendosi a disposizione del generale Gallieni, Governatore militare di Parigi.[22] Il generale Gallieni intendeva sfruttare la VIe Armée per attaccare l'armata di von Kluck sul fianco scoperto[23]. Il 5 settembre[24] la VIe Armée passò l'Ourcq, e tra il 6[25] ed 7 settembre attaccò, insieme alla Ve, il fianco scoperto dell'armata tedesca tra Lizy e Mareuil, determinando l'origine dell'arresto dell'avanzata dell'ala destra nemica avventuratasi a sud della Marna. Con l'attacco del 6 settembre ebbe ufficialmente inizio la Prima battaglia della Marna. Per questa operazione il 18 settembre 1914 Maunoury divenne Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore[3].

Raggiunta Soissons il 12 settembre, l'avanzata della VIe Armée si arrestò, e in poco tempo il fronte occidentale si stabilizzò in una lunga linea continua dal mare al confine svizzero.

L'11 marzo 1915 Maunoury rimase gravemente ferito[1] da una pallottola alla testa, rimanendo cieco, durante un giro di ispezione ad una trincea sul fronte dell'Aisne[26]. Per volere di Aristide Briand ridiventò governatore militare di Parigi, sostituendo il generale Gallieni, e mantenne tale carica dal 5 novembre 1915 al 4 aprile 1916.[1]

Presenziò alla firma del Trattato di Versailles, uno dei rari generali invitati ad assistervi; si spense nel Château d'Herbilly, comune di Mer (Loir-et-Cher), il 28 marzo 1923.[1]

Il 31 dello stesso mese fu elevato, postumo, al rango di Maresciallo di Francia. I funerali si svolsero a Mer in presenza dei Marescialli Joffre e Foch, e del Ministro dell'Interno Maurice Maunoury (suo cugino). Il suo corpo fu tumulato presso l'Hôtel des Invalides di Parigi il 13 maggio 1931.

Un monumento in suo onore fu eretto a Mer, in Piazza 11 Novenmbre 1918, il 15 agosto 1928. Una vetrata intitolata "Souvenir de la victoire de l'Ourcq en 1914" si trova presso la chiesa di Notre-Dame du Raincy, talvolta chiamata "La Vierge aux Taxis", e rappresenta il Maresciallo Maunoury insierme a Foch e Gallieni. Un edificio dell'École polytechnique di Palaiseau porta il suo nome, così come il viale principale di Blois e una ex caserma cittadina trasformata in zona residenziale. Altre vie gli sono state intitolate presso la Cité des Aveugles nel quartiere di Valrose, a Nizza, e a nella cittadina di Chartres.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Il generale Maunoury riceve la visita di Millerand con a sinistra il generale Étienne de Villaret, rimasto ferito nella stessa occasione.

Onorificenze francesi[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore
— 1870
Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore
— 1895
Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore
— 1907
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore
— 1912
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore
«La sua calma e la sua capacità di manovra hanno consentito alle nostre truppe di resistere durante quattro giorni di lotta accanita, lo sforzo di una parte significativa dell'esercito tedesco, e ha facilitato lo sviluppo e le operazioni di forze alleate che hanno portato alla ritirata del nemico»
— 18 settembre 1914
Médaille militaire - nastrino per uniforme ordinaria Médaille militaire
«Exerce depuis le début de la campagne le commandement d'une armée avec la plus grande distinction. Après avoir pris une part des plus importantes à la bataille de la Marne, a montré dans les opérations de l'Aisne des qualités d'organisation et des aptitudes manœuvrières de premier ordre jointes à la plus belle énergie morale et à une inlassable activité. Blessé grièvement en visitant les tranchées occupées par ses troupes»
— 1915
Croix de Guerre 1914-1918 con palma di bronzo - nastrino per uniforme ordinaria Croix de Guerre 1914-1918 con palma di bronzo
Medaglia commemorativa della guerra franco-prussiana 1870-1871 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra franco-prussiana 1870-1871

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Michele e San Giorgio (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Michele e San Giorgio (Regno Unito)
— 1915

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j Spencer, Roberts 2005, p. 761
  2. ^ a b Clayton 2005, p. 218
  3. ^ a b c d Charles-Armand Klein, Maréchal Maunoury Le Soldat exemplaire, Hugues de Froberville, Blois, 1989. ISBN 978-2-907659-02-4
  4. ^ Che gli dà tre figli: Elisabeth 1877-1950, Louis (tenente colonnello dell'artiglieria (1878-1926) e Geneviève (1882-1909).
  5. ^ Hastings 2014, p. 233
  6. ^ Hastings 2014, p. 256
  7. ^ Hastings 2014, p. 247
  8. ^ Hastings 2014, p. 251
  9. ^ Il suo obiettivo era quello di riconquistare i territori ceduti all'Impero tedesco in seguito alla guerra franco-prussiana nel 1871, ossia i bacini carboniferi dell'Alsazia-Lorena.
  10. ^ Herwing 2009, p. 146
  11. ^ Herwing 2009, p. 102
  12. ^ Hastings 2014, p. 299
  13. ^ a b Herwing 2009, p. 149-150
  14. ^ a b Hastings 2014, p. 310
  15. ^ a b Hastings 2014, p. 311
  16. ^ Sumner 2012, p. 13
  17. ^ Formata da un Corpo d'armata e quattro divisioni della riserva. Le divisioni dell'Armée de Lorraine originariamente appartenenti alla IIIe Armée tornarono in forza a questa Grande Unità.
  18. ^ Hastings 2014, p. 429
  19. ^ Hastings 2014, p. 406
  20. ^ Sumner 2012, p. 24
  21. ^ Sumner 2012, p. 28
  22. ^ King1951, p. 30
  23. ^ King1951, p. 31
  24. ^ In quella data la VIe armèe contava 150,000 uomini suddivisi tra il VII Corpo d'armata del generale Frederic Vautier, il 5º Gruppo (55ª e 56ª Divisione fanteria della riserva), il 6º Gruppo (61ª e 62ª Divisione della riserva) del generale Charles Ebener, una Brigata cacciatori, il I Corpo d'armata di cavalleria del generale André Sordet, e la 45ª Divisione di fanteria agli ordini del generale Anthoine Drude appena arrivata dall'Algeria.
  25. ^ Hastings 2014, p. 425
  26. ^ Si era sporto da una feritoia di una trincea sul Plateau de Nouvron per poter meglio valutare la situazione; la stessa pallottola, di rimbalzo, ferì gravemente il generale Étienne de Villaret alla testa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Charles Théodore Brécard, Le Maréchal Maunoury 1847–1923, Paris, Editions Berger-Levrault, 1937.
  • (EN) Anthony Clayton, Paths of Glory, London, Cassell, 2005, ISBN 0-304-35949-1.
  • (EN) Robert A. Doughty, Pyrrhic Victory: French Strategy and Operations in the Great War, Harvard, Harvard University Press, 2009, ISBN 0-674-03431-7.
  • Max Hastings, Catastrofe 1914, Vicenza, Neri Pozza Editore, 2014, ISBN 978-88-545-0756-2.
  • (EN) David G. Herrmann, The Arming of Europe and the Making of the First World War, Princeton, Princeton University Press, 1997, ISBN 0-691-01595-3.
  • (EN) Holger Herwig, The Marne, New York, Random House, 2009, ISBN 978-0-8129-7829-2.
  • (EN) Charles-Armand Klein, Maréchal Maunoury Le Soldat exemplaire, Blois, Hugues de Froberville, 1989, ISBN 978-2-907659-02-4.
  • (EN) Jere Clemens King, Generals & Politicians: Conflict Between France's High Command, Parliament and Government, 1914-1918, Berkeley, University of California Press, 1951.
  • (FR) Charles Lanrezac, Le plan de campagne français et le premier mois de la guerre ((2 aout-3 septembre 1914), Paris, Payot et Cie., 1920.
  • (EN) Basil H. Liddell Hart, History of the First World War, London, Pan Books Ltd, 1973, ISBN 0-330-23354-8.
  • (EN) Robin Prior, Wilson, Trevor, The First World War, London, Cassell, 1999, ISBN 0-304-35256-X.
  • (EN) Ian Senior, Home Before the Leaves Fall, Botley, Osprey Publishing Company, 2012.
  • (EN) Ian Sumner, The First Battle of the Marne 1914: The French “miracle”, Botley, Osprey Publishing, 2012, ISBN 1-78200-228-6.
  • (EN) Spencer Tucker, Priscilla Mary Roberts, World War I: A Student Encyclopedia, Santa Barbara, ABC-CLIO Inc., 2005, ISBN 1-85109-879-8.
  • (EN) Geoffrey Wawro, The Franco-Prussian War. The German Conquest of France in 1870–1871, Cambridge, Cambridge University Press, 2003, ISBN 978-0-511-33728-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN24734342 · ISNI: (EN0000 0000 0174 9129 · GND: (DE1038239176 · BNF: (FRcb12977224p (data)