Michał Jerzy Poniatowski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michał Jerzy Poniatowski
arcivescovo della Chiesa cattolica
Michał Jerzy Poniatowski 111.PNG
Template-Archbishop.svg
Incarichi ricoperti Arcivescovo di Gniezno e Primate di Polonia
Vescovo di Płock
Vescovo coadiutore di Cracovia
Vescovo coadiutore di Płock
Vescovo titolare di Cidonia
Nato 12 ottobre 1736 a Danzica
Ordinato diacono 22 marzo 1760
Ordinato presbitero 31 maggio 1760 dall'arcivescovo Władysław Aleksander Łubieński
Nominato vescovo 12 luglio 1773 da papa Clemente XIV
Consacrato vescovo 3 ottobre 1773 dall'arcivescovo Giuseppe Garampi (poi cardinale)
Elevato arcivescovo 14 febbraio 1785 da papa Pio VI
Deceduto 12 agosto 1794 a Varsavia

Michał Jerzy Poniatowski (Danzica, 12 ottobre 1736Varsavia, 12 agosto 1794) è stato un nobile e arcivescovo cattolico polacco, primate di Polonia dal 1785 fino alla morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Michał Jerzy Poniatowski fu l'ultimo figlio del conte Stanisław Poniatowski (1676-1762) e della principessa Konstancja Czartoryska (1700-1759); suoi fratelli furono Stanislao Augusto, re di Polonia dal 1764 al 1795, Kazimierz e Andrzej Poniatowski.

Come molti giovani figli cadetti della nobiltà polacca, intraprese gli studi per divenire membro dell'alto clero fin dall'adolescenza, molto aiutato da sua sorella, la contessa Izabella Poniatowska; pur non avendo dimostrato particolare predisposizione per la carriera ecclesiastica, nel 1754, a diciotto anni, ricevette l'ordinazione presbiterale dal primate di Polonia e arcivescovo di Gniezno Władisław Aleksander Łubieński; i primi anni di sacerdozio li trascorse però con sua cognata Apolonia Ustrzycka e sua cugina Elźbieta Czartoryska (1736-1816), entrambe sue coetanee, sulle quali riversava l'affetto amoroso che non avrebbe mai potuto riversare su sua sorella Izabella.

Nel 1759 fu nominato abate di Tyniec e Czerwin; dal 1773 al 1785 fu vescovo di Płock, e dal 1785 al 1794, anno della sua morte, arcivescovo di Gniezno e primate di Polonia; il 25 novembre 1764 era stato insignito dell'Ordine dell'aquila bianca; dal 1771 al 1792 era stato inoltre ambasciatore di Polonia presso la Santa Sede.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

  • Vescovo Adam Stanisław Naruszewicz, S.J. (1775)
  • Vescovo Józef Leon Łopaciński (1776)
  • Vescovo Antoni Narzymski (1778)
  • Vescovo Michal Roman Sierakowski (1778)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (PL) Angela Zofia Sołtys, Opat z San Michele. Grand Tour prymasa Poniatowskiego i jego kolekcje, Varsavia, editore Zamek Królewski, 2008.
  • (PL) Zofia Zielińska, Polski Słownik Biograficzny. Poniatowski Michał Jerzy, volume XXVII, Breslavia, 1983.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Cidonia Successore BishopCoA PioM.svg
Henri Hachette des Portes, O.Carm. 12 luglio 1773 - 9 agosto 1773 Gaetano Ginanni
Predecessore Vescovo di Płock Successore BishopCoA PioM.svg
Hieronim Antoni Szeptycki 9 agosto 1773 - 14 febbraio 1785 Krysztof Hilary Szembek
Predecessore Arcivescovo di Gniezno e primate di Polonia Successore Primate PioM.svg
Antoni Kazimierz Ostrowski 14 febbraio 1785 - 12 agosto 1794 Ignacy Błażej Franciszek Krasicki
Controllo di autorità VIAF: (EN17525359 · ISNI: (EN0000 0001 1260 8644 · LCCN: (ENn85040312