Martina Batini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Martina Batini
Martina Batini 2014 European Championships FFS-EQ t114048.jpg
Martina Batini ai Campionati europei di scherma 2014
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Scherma Fencing pictogram.svg
Specialità Fioretto
Squadra Forestale
Palmarès
Mondiali 3 2 0
Europei 3 2 0
Universiadi 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 24-07-2017

Martina Batini (Pisa, 17 aprile 1989) è una schermitrice italiana specializzata nell'arma del fioretto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Al suo primo campionato europeo a Strasburgo nel 2014 vince la medaglia d'argento perdendo in finale per 15-5 nella gara individuale di fioretto con la connazionale Elisa Di Francisca. Nello stesso europeo vince la medaglia d'oro nella gara a squadre.

Il 19 luglio 2014 vince la medaglia d'argento individuale ai mondiali di Kazan' dopo aver perso la finale per l'oro con l'altra italiana Arianna Errigo per 15-7. Il 22 luglio nella stessa competizione vince la medaglia d'oro a squadre. Vince la medaglia d’Oro nel Fioretto a squadre anche ai Mondiali di Mosca 2015. Vince la medaglia d'Argento ai Mondiali di Scherma di Rio ad Aprile 2016 nella gara a squadre del fioretto. Nel 2017 vince nelle gare a squadre di fioretto sia l'oro agli europei a Giugno di Tiblisi e sia l'oro al mondiale di luglio a Lipsia.

Si è laureata in ingegneria gestionale a Pisa.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

In carriera ha ottenuto i seguenti risultati:

Mondiali di scherma[modifica | modifica wikitesto]

Individuale
A squadre

Europei di scherma[modifica | modifica wikitesto]

Individuale
A squadre

Universiadi[modifica | modifica wikitesto]

A squadre

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
— 19 dicembre 2017[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Presentazione Ingegnere Gestionale.pptx, su docs.google.com. URL consultato il 6 aprile 2018.
  2. ^ Collari d'oro 2017, su coni.it. URL consultato il 22 dicembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]