Luigi Aldrovandi Marescotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Aldrovandi Marescotti
ALDROVANDI MARESCOTTI Luigi.jpg

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 24 marzo 1939 - 21 ottobre 1944
Legislature dalla XXX
Tipo nomina Categoria: 6
Incarichi parlamentari
  • Membro della Commissione di finanze (17 aprile 1939-5 agosto 1943)
  • Membro della Commissione degli affari esteri, degli scambi commerciali e della legislazione doganale (27 maggio 1939-28 ottobre 1940) (2 novembre 1941-4 maggio 1942)
  • Presidente della Commissione degli affari esteri, degli scambi commerciali e della legislazione doganale (28 ottobre 1940-2 novembre 1941)
Sito istituzionale

Capo di Gabinetto del Ministero degli affari esteri
Durata mandato 1914-1918
Vice di Sidney Sonnino

Dati generali
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università di Bologna
Professione diplomatico
Luigi Aldrovandi Marescotti
Conte di Viano
In carica ? –
9 luglio 1945
Predecessore Pietro Aldrovandi Marescotti
Successore Cesare Pietro Del Mayno
Trattamento Sua Eccellenza
Altri titoli Conte palatino
  • Patrizio di Bologna
  • Patrizio di Ravenna
  • Patrizio di Rimini
  • Patrizio di Modena
  • Patrizio di Reggio
Dinastia Aldrovandi Marescotti
Padre Pietro Aldrovandi Marescotti
Madre Giuseppina Di Marsano
Religione cattolicesimo

Luigi Aldrovandi Marescotti (Bologna, 5 ottobre 1876Roma, 9 luglio 1945) è stato un diplomatico e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Conseguì la laurea in Giurisprudenza nel 1897 all’Università di Bologna ed entrò nella carriera consolare, in seguito a concorso, nel 1900. Collaboratore del primo ministro Sidney Sonnino e incaricato alla Conferenza di Parigi. È Inviato straordinario e Ministro Plenipotenziario a l'Aja (febbraio 1920), a Sofia (settembre 1920) e a Il Cairo (marzo 1923). Dal novembre 1923 è ambasciatore a Buenos Aires e dal marzo 1926 al dicembre 1929 a Berlino[1]. Nel 1939 fu nominato senatore del Regno d'Italia. Decade dalla carica di Senatore il 21 ottobre 1944 in seguito all'ordinanza dell'Alta Corte di giustizia per le sanzioni contro il fascismo.[2]

Scrisse due libri autobiografici, contenenti vari spezzoni di diario, riguardanti la prima guerra mondiale ed i relativi trattati di pace visti da lui che, come segretario, fu spettatore di molti convegni e colloqui.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Guerra diplomatica. Ricordi e frammenti di un diario (1914-1919) (1936)
  • Nuovi ricordi e frammenti di diario (1938)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce decorato con Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato con Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere di Gran Croce decorato con Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato con Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande ufficiale dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AlDROVANDI MARESCOTTI, Luigi, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 34, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1988.
  2. ^ Scheda senatore ALDROVANDI MARESCOTTI Luigi, su notes9.senato.it. URL consultato il 16 ottobre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Aldovrandi (centro), 1935

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ambasciatore italiano nella Repubblica di Weimar Germania Successore Flag of Italy (1861–1946).svg
Alessandro De Bosdari 1926 - 1929 Luca Orsini Baroni
Predecessore Ambasciatore d'Italia presso il Regno d'Egitto Egitto Successore Flag of Italy (1861–1946).svg
Lazzaro Negrotto Cambiaso 1922 - 1923 Carlo Caccia Dominioni di Sillavengo
Predecessore Ambasciatore italiano nel Regno di Bulgaria Bulgaria Successore Flag of Italy (1861–1946).svg
Fausto Cucchi Boasso 1920 - 1923 Sabino Rinella
Controllo di autoritàVIAF (EN77101530 · ISNI (EN0000 0001 1071 9914 · SBN IT\ICCU\LO1V\000585 · LCCN (ENno2004023100 · GND (DE117760889 · BNE (ESXX1192059 (data) · BAV (EN495/133226 · WorldCat Identities (ENlccn-no2004023100