Lopagno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lopagno
frazione
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Flag of Canton of Tessin.svg Ticino
Distretto Lugano
Comune Capriasca
Territorio
Coordinate 46°04′06″N 8°58′38″E / 46.068333°N 8.977222°E46.068333; 8.977222 (Lopagno)Coordinate: 46°04′06″N 8°58′38″E / 46.068333°N 8.977222°E46.068333; 8.977222 (Lopagno)
Altitudine 598 m s.l.m.
Superficie 5,31 km²
Abitanti 496 (2000)
Densità 93,41 ab./km²
Altre informazioni
Lingue Italiano
Cod. postale 6956
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Lopagno
Lopagno
Lopagno – Mappa

1leftarrow blue.svgVoce principale: Capriasca.

Lopagno (Lopàgn in dialetto ticinese) è un ex comune facente parte del Canton Ticino; a seguito della fusione con i comuni di Cagiallo (2000: 538 abitanti), Roveredo-Capriasca(2000: 126 abitanti), Sala Capriasca (2000: 1.179 abitanti), Tesserete (2000: 1.424 abitanti) e Vaglio (2000: 496 abitanti) dal 15 ottobre 2001 è parte del nuovo comune denominato Capriasca.

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Lepori nativo della frazione di Oggio, avvocato, uomo politico del partito conservatore ticinese, giornalista, Consigliere di Stato e Consigliere federale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Edilizia religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Edilizia civile[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Scritti di Giuseppe Lepori, Armando Dadò Editore, Locarno 1978.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 294.
  • Emilio Foletti, I Lepori di Oggio a Massagno, in «Risveglio», nn. 7/8, 1986, 229-232.
  • Alberto Lepori (a cura di), Giuseppe Lepori (1902-1968). Scritti e discorsi, Armando Dadò Editore, Locarno 1988.
  • Alberto Lepori, Fabrizio Panzera (a cura di), Uomini nostri. Trenta biografie di uomini politici, Armando Dadò editore, Locarno 1989, 111-115.
  • Franco Binda, Lopagno, in «Archeologia rupestre nella Svizzera Italiana», Locarno, Dadò, 1996, 111.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • Alberto Lepori, Giuseppe Lepori in Consiglio Federale, in «Rivista di Lugano» del 12 novembre 1999, 10-11.
  • Raimondo Locatelli, Le cinque frazioni di Lopagno nei quadri di Rini Widmer, in «Rivista di Lugano», 12 novembre 1999, 22-23; Idem, L'Istituto don Orione e gli handicappati, Ibidem, 12-13; Idem, L'Istituto San Nicolao a Treggia, Ibidem, 15.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 322.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 371, 380, 381.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN234333597 · GND: (DE4585117-7
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino