London Symphony Chorus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
London Symphony Chorus
Barbican Hall - geograph.org.uk - 576305.jpg
Il LSC e la LSO nella Barbican Concert Hall, 2007
Paese d'origine Regno Unito Regno Unito
(Londra)
Genere Musica classica
Periodo di attività musicale 1966 – in attività
Etichetta
Gruppi e artisti correlati
Sito ufficiale

Il London Symphony Chorus (abbreviato in LSC) è un grande coro sinfonico per concerto con sede a Londra, Regno Unito, composto da oltre 150 cantanti dilettanti ed è uno dei più importanti cori sinfonici del Regno Unito.[1] È stato costituito nel 1966 come il Coro LSO per completare il lavoro della London Symphony Orchestra (LSO). Il LSC è oggi un'organizzazione indipendente autonoma gestita da un consiglio di nove rappresentanti eletti. Continua a mantenere una stretta collaborazione con la London Symphony Orchestra, ma partecipa anche a progetti con altre orchestre e organizzazioni sia nel Regno Unito che all'estero.[2] Il LSC si esibisce principalmente con la London Symphony Orchestra al Barbican Centre di Londra, così come appaiono in altre sale da concerto di tutto il Regno Unito e d'Europa e regolarmente presso la David Geffen Hall (ex Avery Fisher Hall), New York.

Repertorio[modifica | modifica wikitesto]

Sir Colin Davis durante le prove nella cattedrale di S. Paolo con la London Symphony Orchestra, il London Symphony Chorus, il London Philharmonic Choir e il tenore Barry Banks

Il repertorio centrale del coro è costituito dai principali lavori orchestrali per coro del XIX e XX secolo.[3] Il coro ha eseguito e registrato opere come The Dream of Gerontius di Elgar, la seconda, terza e ottava sinfonia di Mahler, Daphnis et Chloé di Ravel, lo Stabat Mater di Dvořák, Glagolitic Mass di Janáček, il War Requiem di Britten, la Nona Sinfonia e la Missa Solemnis di Beethoven, La damnation de Faust e il Roméo et Juliette di Berlioz, Gurre-Lieder di Schoenberg, Ein deutsches Requiem di Brahms, lo Stabat Mater di Rossini, Oedipus Rex & Symphony of Psalms di Stravinskij, A Child of Our Time di Tippett e il Requiem di Verdi.[4]

Il coro ha inoltre partecipato a concerti e registrazioni commerciali di opere tra cui Fidelio di Beethoven, Les Troyens e Benvenuto Cellini di Berlioz, Candide di Bernstein, Peter Grimes e Billy Budd di Britten, Rigoletto, Falstaff e Otello di Verdi, Il crepuscolo degli dei di Wagner e Elektra di Richard Strauss.[4]

Incisioni importanti[modifica | modifica wikitesto]

La discografia del London Symphony Chorus è composta da oltre 140 registrazioni e molte di queste registrazioni sono frutto della collaborazione con la London Symphony Orchestra. Dal 2000 ll LSC ha preso parte a produzioni della nuova etichetta CD dell'orchestra, LSO Live che lanciò nel 2000 ed è specializzata in registrazioni di esibizioni dal vivo con il pubblico. Tra le opere registrate dal coro sono il Requiem Tedesco di Brahms (LSO, André Previn 2000); Sinfonia n. 8 di Mahler (CBSO, Simon Rattle 2005); il Requiem di Mozart (LSO, Sir Colin Davis, 2008); Britten: War Requiem (LSO, Giandrea Noseda 2012); Grande Messe des morts di Berlioz (LSO, Colin Davis, 2013); e Der Freischütz di Weber (LSO, Sir Colin Davis, 2013).[5] Artisti solisti di rilievo che sono presenti nelle incisioni del LSC includono Ian Bostridge, Simon Keenleyside,[6] Felicity Palmer e Anne Sofie von Otter.

Un certo numero di registrazioni LSC hanno ricevuto premi, tra cui le seguenti:

Anno di registrazione Titolo Orchestra/Direttore Etichetta Premi
1989 Bernstein: Candide LSO, Leonard Bernstein (direttore) Deutsche Grammophon Grammy Award Miglior Album Classico
1991 Britten: War Requiem LSO, Richard Hickox (direttore) Chandos Records Grand Prix du Disque
Gramophone Award Best Choral Recording
1995 Britten: Peter Grimes LSO, Richard Hickox (direttore) Chandos Records Grammy Award Best Opera Recording[7]
2000 Berlioz: Les Troyens LSO, Colin Davis (direttore) LSO Live Grammy Award Best Opera Recording, Best Classical Album[8]
2004 Verdi: Falstaff LSO, Colin Davis (direttore) LSO Live Grammy Award Best Opera Recording[9]
2007 Britten: Billy Budd LSO, Daniel Harding (direttore) Virgin Classics Grammy Award Best Opera Recording[10]
2009 Wagner: Il crepuscolo degli dei Hallé Orchestra, Mark Elder (direttore) Hallé Gramophone Award Best Opera Recording[11]

Direttori d'orchestra[modifica | modifica wikitesto]

One orcherstra, two choirs, 200 musicians.jpg
Ingrandisci
Sir Colin Davis durante le prove nella cattedrale di S. Paolo con la London Symphony Orchestra, il London Symphony Chorus, il London Philharmonic Choir e il tenore Barry Banks

Fin dalla sua creazione il Coro ha lavorato con una serie di importanti maestri del coro, tra cui John Alldis, Arthur Oldham, Richard Hickox e Stephen Westrop.[12] L'attuale direttore Coro è Simon Halsey.[13][14]

Il London Symphony Chorus si è esibito con molti dei più importanti direttori del momento, tra cui Claudio Abbado, Daniel Barenboim, Leonard Bernstein, Pierre Boulez, Colin Davis,[15] Mark Elder, John Eliot Gardiner, Valery Gergiev, Bernard Haitink, Mariss Jansons, Charles Mackerras, Antonio Pappano, André Previn, Simon Rattle, Mstislav Rostropovich, Georg Solti e Michael Tilson Thomas.[16][17]

Patroni[modifica | modifica wikitesto]

Passato[modifica | modifica wikitesto]

Presente[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ About the LSC, lsc.org.uk.
  2. ^ About us, su official website, London Symphony Chorus, 2009. URL consultato l'11 aprile 2010.
  3. ^ Past performances, su official website, London Symphony Chorus. URL consultato l'11 aprile 2010.
  4. ^ a b The London Symphony Chorus - a Discography 1966-2010 compiled by Brian Godfrey (PDF), su The London Symphony Chorus - a Discography 1966-2010 compiled by Brian Godfrey. URL consultato il 22 agosto 2012.
  5. ^ Discography, su official website, London Symphony Chorus. URL consultato l'11 aprile 2010.
  6. ^ Britten: War Requiem, su London Symphony Chorus official website. URL consultato l'8 settembre 2013.
  7. ^ Discography: Britten: Peter Grimes (LSO, Sir Colin Davis), su LSC website. URL consultato il 26 maggio 2012.
  8. ^ Discography: Berlioz: Les Troyens (LSO, Sir Colin Davis), su LSC website. URL consultato il 26 maggio 2012.
  9. ^ Discography: Verdi: Falstaff (LSO, Sir Colin Davis), su LSC website. URL consultato il 26 maggio 2012.
  10. ^ Discography: Britten: Billy Budd (LSO, Daniel Harding), su LSC website. URL consultato il 26 maggio 2012.
  11. ^ Gramophone Awards 2010 unveiled, Gramophone magazine, 30 settembre 2010. URL consultato il 7 settembre 2013 (archiviato l'8 aprile 2012).
  12. ^ Chorus Director & Accompanist, su official website, London Symphony Chorus. URL consultato il 20 maggio 2011.
  13. ^ London Symphony Chorus, London Symphony Orchestra. URL consultato il 15 maggio 2012.
  14. ^ New Chorus Director, in LSC News, 15 maggio 2012. URL consultato il 26 maggio 2012.
  15. ^ Sir Colin Davis 1927-2013, lsc.org.uk.
  16. ^ Conductors and Presidents, su www.lsc.org.uk, London Symphony Chorus. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  17. ^ Past performances, su www.lsc.org.uk, London Symphony Chorus. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  18. ^ Charities of Princess Diana, Love to Know. URL consultato il 20 dicembre 2010.
  19. ^ New Patron for LSC, London Symphony Chorus, 14 dicembre 2010. URL consultato il 20 dicembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica