La zia di Carlo (film 1941)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La zia di Carlo
Titolo originaleCharley's Aunt
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti
Anno1941
Durata80 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37 : 1
Generecommedia
RegiaArchie L. Mayo
Soggettodal lavoro teatrale di Brandon Thomas
SceneggiaturaGeorge Seaton
ProduttoreWilliam Perlberg
Casa di produzioneTwentieth Century Fox Film Corporation
FotografiaJ. Peverell Marley
MontaggioRobert Bischoff
MusicheAlfred Newman
ScenografiaRichard Day, Nathan Juran
CostumiTravis Banton
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La zia di Carlo (Charley's Aunt) è un film del 1941, diretto dal regista Archie L. Mayo. La storia è tratta da una famosa commedia portata numerose volte sullo schermo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Due amici, studenti all'Oxford cercando di corteggiare due ragazze convincono un loro amico a travestirsi da zia, in tal modo il gruppo esce compatto e le ragazze si sentono più tranquille. Il tutto trascorre fino a quando la vera zia deciderà di far visita ai ragazzi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto dalla Twentieth Century Fox Film Corporation il film è stato girato negli studi della 20th Century Fox.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne distribuito in varie nazioni, fra cui:[1]

Doppiaggio in Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Il film, insieme ad altri, della 20th Century Fox fu doppiato in italiano da un gruppo di attori presenti a Madrid nel 1943 e 1944, gli attori erano Emilio Cigoli, Paola Barbara, Franco Coop, Nerio Bernardi, Felice Romano, Anita Farra, presenti nelle capitale spagnola per alcune coproduzioni italo-spagnole.

Impossibilitati a tornare in patria per gli avvenimenti del 25 luglio e 8 settembre, accettarono l'offerta della casa americana e lavorarono al doppiaggio dei film per il mercato italiano a guerra finita.

Furono doppiati tra gli altri Com'era verde la mia valle, Il sospetto, Il segno di Zorro, Il pensionante.

Manifesti e locandine[modifica | modifica wikitesto]

I manifesti del film furono realizzati per l'italia dal pittore cartellonista Anselmo Ballester

  • Il bozzetto [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema