La settimana di Montanelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La settimana di Montanelli
Paese Italia
Anno 1995-2001
Genere talk show
Durata 10 min
Lingua originale italiana
Crediti
Conduttore Indro Montanelli, Alain Elkann
Rete televisiva TMC

La settimana di Montanelli è stato un programma televisivo italiano di commento giornalistico condotta da Indro Montanelli, in collaborazione con Alain Elkann. Nel colloquio registrato, che avvenne quasi sempre nello studio della casa di Montanelli a Milano o a Roma, Elkann poneva all'anziano giornalista quesiti sui principali fatti di attualità della settimana, approfondendo tematiche politiche e di cronaca, italiane e straniere.

La trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

La prima puntata andò in onda l'8 ottobre 1995 in seconda serata: nelle prime due stagioni la trasmissione s'intitolò La domenica di Montanelli e andò in onda ogni domenica (inizialmente in seconda serata, poi anticipato in prima serata). A partire dal 1997 il programma fu anticipato al sabato.

Durante la puntata del 17 marzo 2001 Montanelli criticò pesantemente l'atteggiamento di Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini riguardo al rapporto tra satira e politica ed anche riguardo ad alcune epurazioni in Rai in caso di vittoria alle elezioni[1]:

« Tutto questo mi evoca dei ricordi poco simpatici. Era il Fascismo che si conduceva così. Era il Fascismo che proibiva la satira, che in un paese civile e democratico dovrebbe essere assolutamente indenne da controlli politici; perché la satira non ha niente a che fare con la politica, anche se prende in giro la politica, ma si sa che è satira. Ed ogni regime serio e democratico accetta la satira, come si accettano le caricature. Era Mussolini che non le sopportava. E qui pensano: "Ripuliremo la stalla", "Faremo piazza pulita". Ma questo linguaggio, al signor Fini, chi glielo ispira? Ci ricorda delle cose che avremmo voluto dimenticare. Questa non è la destra, questo è il manganello. Gli italiani non sanno andare a destra senza finire nel manganello. [...] Alla RAI faranno piazza pulita, lo hanno già annunziato. Ma come si fa a definire democratico un partito che annunzia: "Quando saremo al potere, noi faremo piazza pulita"? Ma questo è un linguaggio del peggiore squadrismo, che loro non sanno cosa fu, ma io me lo ricordo. Questo è il linguaggio con cui [i fascisti, NdR] andarono al potere »

L'ultima puntata andò in onda il 23 giugno 2001 e il giorno dopo l'emittente monegasca cambiò nome, diventando LA7.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione