La cieca di Sorrento (film 1953)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La cieca di Sorrento
Paese di produzioneItalia
Anno1953
Durata93 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico, storico, sentimentale
RegiaGiacomo Gentilomo
SoggettoFrancesco Mastriani
SceneggiaturaIvo Perilli, Liana Ferri
ProduttoreGiacomo Savelli
Casa di produzioneAstoria Film
Distribuzione in italianoIndipendenti Regionali
FotografiaRomolo Garroni
MontaggioElsa Dubbini
MusicheCarlo Rustichelli
ScenografiaMario Garbuglia, Dante Fazi
CostumiMaria De Matteis
TruccoAngelo Malantrucco
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

La cieca di Sorrento è un film del 1953, diretto dal regista Giacomo Gentilomo, tratto dall'omonimo romanzo di Francesco Mastriani.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella Napoli borbonica, un patriota viene ingiustamente arrestato per aver ucciso, a scopo di rapina, una marchesa. Non vuole tradire la causa e si lascia giustiziare. Dieci anni dopo, suo figlio ristabilisce la verità, potendo sposare la figlia della marchesa, divenuta cieca durante l'assalto al castello della madre. Il figlio è un oculista e opera felicemente la sua futura moglie.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola rientra nel filone melodrammatico-sentimentale comunemente detto strappalacrime, molto in voga tra il pubblico in Italia a cavallo tra gli anni quaranta e cinquanta (in seguito ribattezzato neorealismo d'appendice dalla critica).

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola venne distribuita nel circuito cinematografico italiano nel febbraio del 1953.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema