Karl Graf von Spreti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Karl Graf von Spreti (Landshut, 21 maggio 1907Città del Guatemala, 5 aprile 1970) è stato un diplomatico, architetto e politico tedesco, fu ambasciatore della Repubblica Federale di Germania in Lussemburgo dal 1956 e dal 1959 fino alla morte in alcuni paesi dell'America Centrale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Karl von Spreti frequentò il Ginnasio e studiò architettura, come il suo bisnonno Leo von Klenze, dal 1930 presso l'Università tecnica di Monaco. Svolse attività professionale di architetto e nel 1935 fu uno dei tecnici cinematografici del regista Franz Osten in India e fino al 1938 lavorò come architetto per il cinema presso l'indiana Bombay Talkies. Svolse il servizio militare tra il 1939 e il 1940, per poi riprendere l'attività di architetto a Ulma e a Berlino. Nel 1944 fu nuovamente arruolato e cadde prigioniero degli americani. Al ritorno dalla prigionia si stabilì a Lindau (Bodensee), lavorando nuovamente come architetto.[1]

Nel periodo dal 1949 al 1956 fu deputato per la CSU presso il Bundestag. Dal 1956 fu ambasciatore della Germania federale in Lussemburgo (1956-1959), dal 1959 al 1962 fu ambasciatore a Cuba, dal 1963 al 1965 in Giordania, dal 1966 al 1968 presso la Repubblica Dominicana e infine dal 1969 al 1970 in Guatemala. Durante quest'ultimo periodo fu rapito da guerriglieri del movimento di estrema sinistra FAR e ucciso il 5 aprile 1970.

L'organo centrale del Partito di Unità Socialista di Germania (SED) Neues Deutschland si rallegrò dell'uccisione di Spreti e il gruppo Baader-Meinhof prese ciò come una conferma.[2]

Un resoconto del suo assassinio ci è stato fornito da Ryszard Kapuscinski nel suo libro del 1970 Why Karl Von Spreti Died.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Karl Graf von Spreti, Munzinger Archiv, 15 giugno 1970. URL consultato il 7 giugno 2017.
  2. ^ (DE) Baader-Meinhof international?, Bundeszentrale für politische Bildung, 31 agosto 2007. URL consultato il 7 giugno 2017.
Controllo di autoritàVIAF (EN67690400 · ISNI (EN0000 0001 2212 1020 · LCCN (ENn2009022099 · GND (DE135748860 · BNF (FRcb16558038h (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie