Joel Casamayor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Joel Casamayor
Nazionalità Cuba Cuba
Altezza 170 cm
Peso 64 kg
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi superpiuma
Pesi leggeri
Pesi superleggeri
Ritirato 12 novembre 2011
Carriera
Incontri disputati
Totali 45
Vinti (KO) 38 (22)
Persi (KO) 6 (2)
Pareggiati 1
Palmarès
19992000Titolo mondiale IBAsuperpiuma
20002002Titolo mondiale WBAsuperpiuma
20062007Titolo mondiale WBCleggeri
20062008Titolo The Ringleggeri
20062008Titolo lineareleggeri
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Barcellona 1992 gallo
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Argento Tampere 1993 gallo
Transparent.png Giochi centramericani e caraibici
Bronzo Città del Messico 1990 gallo
 

Joel Casamayor Johnson (Guantánamo, 12 luglio 1971) è un ex pugile cubano.

Soprannominato "El Cepillo", è annoverato tra i migliori pugili cubani dell'era moderna.[1] Ebbe una carriera amatoriale di successo, avendo vinto la medaglia d'oro ai Giochi olimpici di Barcellona 1992; alla vigilia di Atlanta 1996 attirò su di sè una discreta attenzione mediatica abbandonando il ritiro della propria Nazione in Messico per rifugiarsi negli Stati Uniti d'America, assieme ad altri noti atleti cubani.[2]

Passato al professionismo subito dopo la sua defezione, fu campione mondiale in due categorie di peso. Vinse il titolo del mondo WBA dei pesi superpiuma nel 2000 e seppe difendere il campionato per due anni sino alla sua sconfitta contro Acelino Freitas. Dopo alcuni insuccessi in match titolati, decise di passare ai pesi leggeri, dove divenne campione WBC, The Ring e lineare nel 2006, prima di essere detronizzato dal messicano Juan Manuel Márquez. Seguirono quindi una fase di carriera altalenante ed infine il ritiro dall'attività agonistica, in concomitanza con una dura sconfitta subita da un emergente Timothy Bradley.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dan Rafael, Casamayor had a great run, ESPN, 4 agosto 2010. URL consultato il 27 gennaio 2017.
  2. ^ I GIOCHI IN TRE STORIE, La Repubblica, 11 luglio 1996. URL consultato il 27 gennaio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]