Ivan Venturi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ivan Venturi

Ivan Venturi (Bologna, 1970) è un imprenditore e autore di videogiochi italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pioniere dell'industria italiana della creazione di videogiochi, iniziò a programmare all'età di soli 13 anni con suo fratello Mirko.

Nel 1987 durante le scuole superiori pubblica Bocce,il primo videogioco della Simulmondo, la prima software house italiana videoludica conosciuta all'estero.[1][2][3]

Nel corso degli anni, mentre l'azienda si espande, assume i ruoli di designer e direttore della produzione, pubblicando titoli celebri come F.1 Manager e Italy '90 Soccer e con licenze di terze parti come "Diabolik" e "Dylan Dog", continuando a produrre direttamente tutta la grafica pixel-art delle versioni Commodore 64.[4]

Nel 1993 si mette in proprio e fonda Colors Arti Multimediali, con cui produce oltre sessanta videogiochi PC per diversi editori quali Jackson Libri, Hobby & Work, Clementoni. [5] Nel 1999 si dedica a produzioni editoriali quali i videogiochi su CD-ROM di “Esplorando il Corpo Umano[6] (ideazione, gamedesign e direzione produzione) e del "L'anello dell'Imperatore" (gamedesign e direzione produzione). Diventa consulente palinsesto della trasmissione RAI "Videogamez" e inizia ad ampliare l’impegno nel settore educativo. Fino al 2003 produce per cabinato videogiochi in touch screen come "Europlay" e "Dinos". Per computer il videogioco multiplayer in 3D Underground e il videogioco 3D Ford Fusion.

Crea alcuni advergames online per conto della Alka-Seltzer e Sanbittèr.

Nel 2003 fonda "Koala Games" insieme a Max Di Fraia (programmatore e compositore), con cui realizza diversi serious games e videogiochi didattici.[7]

L’azienda entra nel Gruppo Armonia come società di R&S e nel 2011 cambierà nome in "TIconBLU", producendo principalmente simulatori di guida professionali.[8]

Nel 2007 è fondatore e docente del gruppo di studio specializzato sui videogiochi in collaborazione con il MED – Media Education. Collabora con l'Università di Bologna per vari laboratori di linguaggi multimediali.

Nel 2010 acquista per la sua azienda i diritti della saga di Nicolas Eymerich,[9][10] scritta da Valerio Evangelisti e pubblicata da Mondadori, e ne produce due videogiochi[11] (PC/MOBILE) dal 2012 al 2014, pubblicati in maniera indipendente in Italia e con Microids a livello internazionale.

Dal 2010 fonda e organizza l’evento Svilupparty[12] insieme all’Archivio Videoludico di Bologna e in collaborazione con AESVI.[13] L’evento è ora il principale punto di incontro dei game developers italiani. [14] Cinque anni più tardi fonda l’associazione Svilupparty – Italian Party of Indie Developers, che raccoglie ogni anno oltre 200 associati, con lo scopo di organizzare l’evento e di supportare i giovani sviluppatori nel loro percorso professionale.

Dal 2012 collabora con la Bottega Finzioni di Carlo Lucarelli per l’area videogames. Sempre nello stesso anno fonda "IV Productions", una attività videoludica nella produzione di videogiochi per console e smartphone. Citandone alcune, si ricorda la produzione di giochi come "Albedo: Eyes from outer space" per ps4 e xbox one, "Occultus: Mediterranean cabal" e "Riot: Civil unrest" per pc .[15]

Nel 2016 pubblica la sua biografia intitolata Vita di Videogiochi – Memorie a 8 bit,[16] libro di 256 pagine (il valore massimo che si può ottenere con 8 bit).

Giochi realizzati[modifica | modifica wikitesto]

Era Simulmondo (1987 - 1993)[modifica | modifica wikitesto]

Generalmente Venturi ha partecipato allo sviluppo, o effettuato tutto lo sviluppo nel caso dei primi titoli, solo della versione per Commodore 64, dove presente.

Era Colors Arti Multimediali (1994 - 1999)[17][modifica | modifica wikitesto]

  • In vacanza con Sylvia [18]
  • Neverworld
  • Soccer Manager
  • SaperBene 2000
  • Babylon
  • AtomKiller
  • Atlantide
  • Alf Jonathan in Egitto
  • Alf Jonathan e il mistero dei Lacroix
  • Il Magnifico
  • Dedalus
  • Nefertiti
  • Inside the Animals (Condor - Puma - Crotalo)
  • Medioevo
  • Aztec
  • Quetzalcoatl
  • Montezuma
  • Battaglie Navali
  • Corsari
  • La pappaconda - the english game
  • La pappaconda e la coscienza ecologica
  • Microrangers nel corpo umano
  • Anthropos
  • Feud
  • La spada della foresta vivente
  • Ego il dragio distruttore
  • I cavalieri del tempio
  • Le piramidi della Luna
  • Il giardino dell'Abc
  • Matematica al Luna Park
  • Ecopoli
  • Missione Logica
  • La storia del III Reich
  • Il dizionario del cinema
  • Gas Gas
  • Julius in Battleland

Era KoalaGames - TiconBlu (2003 - oggi)[19][modifica | modifica wikitesto]

  • Drive
  • Paesaggi di prevenzione
  • salute
  • Ambiente
  • Simulambiente
  • Le avventure delle tre scimmie
  • Inventastorie
  • Bici
  • BO3D
  • A piedi
  • Inventagiochi
  • Citizen
  • Metropolis
  • Ecostorie
  • Storie in strada
  • Sulla strada
  • Jo Pedone
  • GuidaTu Moto

Era IV Productions (2012 - oggi) [15][modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Facciamo un videogioco (GradoZero, 2009)
  • Vita di videogiochi – Memorie a 8 bit (autopubblicato, 2016)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Simulmondo, i pionieri del videogioco italiano, su dailygreen.it (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2016).
  2. ^ adventuresplanet.it, http://www.adventuresplanet.it/scheda_speciali.php?game=NEymerich&data=1154964088#.WDNcDrLhC1t.
  3. ^ ready64.org, http://ready64.org/articoli/leggi/idart/41/intervista-a-ivan-venturi.
  4. ^ mobygames.com, https://www.mobygames.com/developer/sheet/view/developerId,133378/.
  5. ^ forum.arena80.it, http://forum.arena80.it/index.php?PHPSESSID=5rpnedbudbminggbq4vamd37b1&topic=4264.0.
  6. ^ KoalaGames, su koalagames.it.
  7. ^ Koala Games, su koalagames.it.
  8. ^ guidatu.it, http://www.guidatu.it/GuidatuPro/guidatupro_home.aspx.
  9. ^ Intervista IlVideogioco, su ilvideogioco.com.
  10. ^ Corriere della Sera, su corriere.it.
  11. ^ insidethegame.it, http://www.insidethegame.it/2012/07/16/made-in-italy-intervista-a-ivan-venturi-il-papa-videoludico-di-eymerich-ticonblu/.
  12. ^ Intervista Indievault, su indievault.it (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2016).
  13. ^ AESVI - Intervista a Ivan Venturi, su aesvi.it.
  14. ^ youtube.com, https://www.youtube.com/watch?v=ZhKGtVHSU8A&list=PLWnOuDzLa31By3HSBrYwXzwPaOhX7pK51.
  15. ^ a b IV Productions, su ivproductions.it.
  16. ^ cyberludus.com, http://www.cyberludus.com/2016/10/20/intervista-a-ivan-venturi-meid-in-italy/.
  17. ^ Lista giochi Colors Arti Multimediali, su ivproductions.it.
  18. ^ In Vacanza con Sylvia, su exvideogiocatore.blogspot.com.
  19. ^ Lista giochi Koala Games (attuale TiconBlu), su koalagames.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]